Comunicato LAV. "MUCCA PAZZA", LAV CHIEDE CHIAREZZA SU ALTRE MORTI SOSPETTE E L'ISTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE GOVERNO-PARLAMENTO-PARTI PER RIFORMARE IL MODELLO PRODUTTIVO ALIMENTARE BASATO SU ZOOTECNIA INDUSTRIALE

"MUCCA PAZZA", LAV CHIEDE CHIAREZZA SU ALTRE MORTI SOSPETTE E L'ISTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE GOVERNO-PARLAMENTO-PARTI PER RIFORMARE IL MODELLO PRODUTTIVO ALIMENTARE BASATO SU ZOOTECNIA INDUSTRIALE Comunicato stampa LAV 23 luglio 2010 "MUCCA PAZZA", LAV CHIEDE CHIAREZZA SU ALTRE MORTI SOSPETTE E L'ISTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE GOVERNO-PARLAMENTO-PARTI PER RIFORMARE IL MODELLO PRODUTTIVO ALIMENTARE BASATO SU ZOOTECNIA INDUSTRIALE In relazione ad alcuni articoli di stampa che riferiscono la notizia di due uomini che, in Italia, sarebbero deceduti a causa del morbo della "mucca pazza", rispettivamente nel 2008 e nel 2009, la LAV invita il ministro della Salute Ferruccio Fazio a fare chiarezza su questi decessi, che non risulterebbero nelle statistiche ufficiali, e su eventuali altri casi sospetti di contagio.

Allegati

23/lug/2010 15.11.20 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa LAV 23 luglio 2010

 

“MUCCA PAZZA”, LAV CHIEDE CHIAREZZA SU ALTRE MORTI SOSPETTE E L’ISTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE GOVERNO-PARLAMENTO-PARTI PER RIFORMARE IL MODELLO PRODUTTIVO ALIMENTARE BASATO SU ZOOTECNIA INDUSTRIALE

 

In relazione ad alcuni articoli di stampa che riferiscono la notizia di due uomini che, in Italia, sarebbero deceduti a causa del morbo della “mucca pazza”, rispettivamente nel 2008 e nel 2009, la LAV invita il ministro della Salute Ferruccio Fazio a fare chiarezza su questi decessi, che non risulterebbero nelle statistiche ufficiali, e su eventuali altri casi sospetti di contagio.

 

La trasparenza in un ambito così delicato è doverosa, ma per realizzare un concreto passo in avanti la LAV chiede l’istituzione di una Commissione mista Governo-Parlamento-parti, al fine di riformare il modello produttivo alimentare basato sulla zootecnia industriale, mettendo al bando eccessi e degenerazioni che hanno prodotto gravi crisi come “mucca pazza”, realtà come le “mucche a terra” fino a ieri sconosciute ma ampiamente praticate in Italia e denunciate dalla LAV, o la massiccia somministrazione di farmaci agli animali allevati: si tratta di un tema ampio e complesso, che riguarda il trattamento riservato a centinaia di milioni di animali allevati e importati a scopo alimentare, ma anche la salute dei cittadini dal momento che il consumo di carne negli ultimi 50 anni in Italia è raddoppiato.

 

“E' bastata la diffusione della notizia della donna livornese in fin di vita a causa della Bse, per far capire che il problema di questo contagio, i suoi effetti sulla salute umana, la volontà di rendere di nuovo carnivori i bovini attraverso il contestato riutilizzo delle farine animali, sono temi sui quali non c'era e non c'è da abbassare la guardia - dichiara Gianluca Felicetti, presidente della LAV - Il bilancio di questa emergenza è inequivocabilmente tragico, con 206 decessi umani ufficialmente accertati finora solo nell’Unione Europea ma anche con molte migliaia di bovini soppressi che, purtroppo, non fanno notizia perché considerati prodotti alimentari o ‘scarti’ e non esseri viventi.”

 

23 luglio 2010

Ufficio stampa LAV 06 4461325 – 339 1742586 www.lav.it

 

5xmille_def

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5305 (20100723) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl