Ambiente: le 38 nuove professioni verdi...

09/mag/2005 14.34.32 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ambiente: le 38 nuove professioni verdi
Progettista di manufatti edilizi a basso impatto ambientale, manager di impianti di acquacoltura ecocompatibili, tecnico della qualità nella filiera dei prodotti biologici, esperto di biotecnologie sostenibili. Sono queste alcune delle professioni che, in un futuro non troppo lontano, saranno tra le più richieste e necessarie in un’economia basata sullo sviluppo sostenibile. In tutto 38 nuove figure professionali, identificate dall’Isfol in uno studio coordinato da Maria Teresa Palleschi e Rita Ammassari. La ricerca è stata presentata a Roma nel corso del convegno “Formare per la sostenibilità”.

Lo scopo della ricerca è stato quello di individuare le figure professionali innovative che ambiente e mercato richiedono per la costruzione di una società attenta, al tempo stesso, alle esigenze occupazionali e alla salute e al benessere di tutti, nonchè alla tutela ambientale.

 

Uno sviluppo che soddisfi “i bisogni delle persone esistenti, senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro bisogni”, come si legge nel testo dell’indagine, si basa sostanzialmente su otto aree di intervento: architettura a basso impatto ambientale, acquacoltura ecocompatibile di qualità, agricoltura biologica, biotecnologie sostenibili, difesa del suolo e utilizzazione delle acque, aree protette e turismo sostenibile, energie rinnovabili e gestione integrata dei rifiuti urbani.

Per ognuno di questi ambiti strategici, c’è bisogno di professionalità specifiche e innovative, 38 delle quali sono proprio quelle censite dall’Isfol.


Così, per quanto riguarda l’architettura a basso impatto ambientale (Bia), la specializzazione più gettonata sarà quella del progettista di manufatti edilizi Bia. A questa figura sarà affidato, tra gli altri, il compito di analizzare i contesti ambientali delle costruzioni, di valutarne la salubrità e l’efficienza energetica e di individuare i vincoli progettuali.


Nell’acquacoltura, settore in grande espansione sotto la spinta di una crescente domanda di prodotti ittici, serviranno invece veri e propri manager di impianti di qualità, che non solo dovranno conoscere i fondamenti di biologia e zootecnia, ma anche sapere individuare le strategie produttive più idonee alle condizioni di mercato.


La terza area analizzata dall’Isfol è quella dell’agricoltura biologica. Qui occorrerà soprattutto il “tecnico della qualità”, con funzioni di controllo della documentazione, di verifica dell’applicazione delle norme sulle colture e di coordinamento fra i vari soggetti della filiera.

 

Un altro settore in forte crescita è quello delle biotecnologie sostenibili, ossia finalizzate alla produzione di prodotti transgenici ecocompatibili. La figura di un esperto sarà fondamentale per guidare i progetti che prevedono l’adozione di tecniche genetiche.

 

In materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque, invece, arriverà il manager del governo del territorio, che opererà in connessione con la pianificazione del territorio e delle infrastrutture e con quella urbanistica.


Aree protette e turismo sostenibile si avvarranno, poi, del promotore di sviluppo turistico, che promuoverà le capacita imprenditoriali esistenti e studierà la sostenibilità dei flussi turistici, valorizzando le biodiversità e i prodotti tipici.

 

Un esperto di progettazione di sistemi di energie rinnovabili avrà il compito, in campo energetico, di stimolare un consumo razionale e appropriato, attraverso la gestione di diversi metodi (eolico, solare, di biomasse).

 

Per la gestione integrata dei rifiuti solidi, invece, sarà fondamentale poter disporre di un esperto di commercializzazione dei materiali derivanti dal recupero.


Nel corso del convegno, è stato anche presentato il sistema informativo ’Ifolamb’ (Informazione orientamento lavoro ambientale). Una banca dati, consultabile via Internet (www.ifolamb.isti.cnr.it), in grado di orientare le scelte formative e occupazionali in campo ambientale.

L’obiettivo è quello di poter soddisfare sia l’esigenza di chi ha bisogno di informazioni dettagliate per la scelta di un corso formativo ambientale, sia di chi vuole conoscere il trend di sviluppo dell’occupazione ambientale.

 

09/05/2005 ( fonte http://guide.supereva.com/)

----------------------------------------------------------------

Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Quibio.it  l' usa e getta che rispetta l'ambiente -

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl