Ambiente: Matteoli in Sicilia, Italia scommette su Eolico...

Ambiente: Matteoli in Sicilia, Italia scommette su Eolico...AMBIENTE:MATTEOLI IN SICILIA,ITALIA SCOMMETTE SU EOLICO

13/mag/2005 12.56.39 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

AMBIENTE:MATTEOLI IN SICILIA,ITALIA SCOMMETTE SU EOLICO

L'Italia scommette sul vento. L'eolico, infatti, è l'energia pulita ''sulla quale l' Italia ha acceso i motori e sulla quale si concentrano le nostre maggiori aspettative di incremento a breve termine, fermo restando la salvaguardia del nostro bel territorio''. Così il ministro dell'Ambiente, Altero Matteoli, in missione in Sicilia per tagliare il nastro al secondo parco eolico più grande d' Italia. In tutto 43 pale posizionate sulle colline intorno ai comuni di Partinico, Monreale e Camporeale, ciascuna da 850 kW per una potenza complessiva di 36,55 megawatt che servirà 5.000 famiglie e permetterà di evitare ogni anno l'emissione di 70mila tonnellate di anidride carbonica (il maggiore responsabile dei gas serra) e 10 tonnellate di polveri. La produzione di 100 milioni di chilowattora consentirà inoltre di risparmiare 190mila barili di petrolio pari a circa 30 milioni di litri. In totale, in Italia al 2004, risultano installati 1.300 megawatt. ''La scommessa e' l'eolico ha detto Matteoli ma bisogna trovare i siti giusti. L'Italia è in ritardo sull energia rinnovabile, soprattutto per l'eolico la cui installazione nel nostro Paese e' resa più problematica rispetto agli altri Paesi dell'Unione Europea per le caratteristiche del paesaggio''. Tanti in questi anni anche i no all'eolico, ha ricordato il ministro, a partire da un ex responsabile dell'Ambiente (Carlo Ripa di Meana, ndr). Per Matteoli, il contributo dell'eolico e' ''importante nel quadro complessivo delle energie rinnovabili''. Un piano per le energie pulite ''per arrivare ha proseguito il ministro all obiettivo del 25% del bisogno elettrico. Un traguardo molto ambizioso che richiede uno sforzo comune per ottenere notevoli benefici ambientali ed economici''. L'eolico in Italia produce 1,8 miliardi di chilowattora pari a un risparmio di 7 milioni di barili di petrolio (un miliardo di litri) con un taglio di emissioni di 2,5 milioni di anidride carbonica, 8.500 tonnellate di anidride solforosa, 3.00 di ossidi di azoto e 300 tonne! llate di polveri. Numeri molto al di sotto di quelli europei: in Germania 17.000 i Mw installati al 2004 e 30mila quelli previsti al 2010; in Spagna 8.600 (13.000 al 2010); in Danimarca 3.300 (4.000 al 2010). E la scelta della Sicilia rispecchia gli obiettivi di crescita fissati dall'Italia per poter allinearsi con questi dati. ''La presenza del ministro oggi qui in Sicilia ha detto il presidente della Regione, Salvatore Cuffaro - è un segnale importante. La Regione sta scommettendo molto sulle rinnovabili e l'eolico sta trovando concreta realtà. Questo di oggi è uno dei tanti parchi che stiamo realizzando nella Regione ma abbiamo anche voluto mettere delle regole precise per frenare qualsiasi appetito non compatibile con l'ambiente''. Sabato prossimo, è stato annunciato, in Gazzetta sarà infatti pubblicato un rigido regolamento regionale per l'installazione di centrali eoliche. ''La scelta è ambientalmente valida ha detto Cuffaro fermo restando la sintonia con l'ambiente e le regole. Ora servono 20 visti prima di arrivare alla realizzazione di parchi eolici''. Presente all'inaugurazione anche il direttore generale di Legamiente, Francesco Ferrante: ''Come ha detto il ministro bisogna fare di più. Noi siamo per l'eolico ambientalmente compatibile e per questo abbiamo siglato con l'Associazione nazionale energia del vento, Anev, un protocollo di intesa e non a caso il 60% degli impianti è realizzato dall'Anev''. ''Questa inaugurazione -ha detto il presidente dell'Anev Oreste Vigorito- vuole essere la dimostrazione che una difusa produzione di energia dall'eolico non solo permette grandi risultati in termini di inquinamento evitato ma può essere realizzata compatibilmente con il rispetto del paesaggio''. In Sicilia si prevede di raggiungere un obiettivo di 1000 megawatt.

13/05/2005 ( fonte http://www.ansa.it)

---------------------------------------------------------------------------

Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Quibio.it  l' usa e getta che rispetta l'ambiente -

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl