I produttori di Bioplastiche contro il falso...

I sacchetti per la spesa prodotti con polietilene contenente additivi metallici che favoriscono la degradazione del materiale hanno un impatto negativo sulla salute, l'ambiente e il riciclaggio: è questa la posizione di Ibaw, Associazione internazionale dei produttori di plastiche biodegradabili e biopolimeri, contenuta in un "position paper" pubblicato sul sito Internet (www.ibaw.org).

10/giu/2005 12.06.58 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Anche Ibaw contro il PE ''degradabile''
Scritto dalla redazione [calato]
Rifiuti e Ambiente 09 giugno 2005 @ 08:46:29 CEST
L'associazione dei produttori di bioplastiche prende posizione sull'impiego di shopper in polietilene additivato per degradarsi nell'ambiente.

I sacchetti per la spesa prodotti con polietilene contenente additivi metallici che favoriscono la degradazione del materiale hanno un impatto negativo sulla salute, l'ambiente e il riciclaggio: è questa la posizione di Ibaw, Associazione internazionale dei produttori di plastiche biodegradabili e biopolimeri, contenuta in un "position paper" pubblicato sul sito Internet (www.ibaw.org).

Secondo l'Associazione, i prodotti - per essere definiti biodegradabili o compostabili -  devono rispondere allo Standard europeo EN 13432, che fissa rigorosi criteri per le materie plastiche che vogliono fregiarsi di questi titoli.

"Mentre le società che fanno capo alla Ibaw certificano i loro prodotti secondo questo standard, i produttori di sacchetti in polietilene 'degradabile' non lo fanno, ed hanno buone ragioni - afferma in una nota l'Associazione - dopo una iniziale decomposizione, il materiale si frammenta in piccoli pezzi; la degradazione del polietilene è molto lenta, troppo lenta per soddisfare i criteri della EN 13432".

Il polimero ridotto in polvere potrebbe così accumularsi nell'ambiente ed essere assorbito da piante od animali. "Si sa da studi scientifici che la fauna marina può essere danneggiata da questo tipo di residui plastici".

Nel documento, Ibaw solleva alcuni dubbi anche sugli additivi inorganici utilizzati nel processo, tra cui il cobalto: "Nelle fasi di trasformazione per filmatura, l'alta concentrazione di additivi metallici potrebbe danneggiare la salute dei lavoratori, e se gli shopper vengono utilizzati per la raccolta della frazione umida e avviati agli impianti di compostaggio, questi metalli potrebbero disperdersi nell'ambiente".

Infine, Ibaw segnala che gli additivi potrebbero "inquinare" gli schemi di raccolta differenziata della plastica, riducendo le prestazioni tecniche e il valore economico dei materiali riciclati.

Vedi anche:
- Il documento Ibaw: Position paper "Degradable" PE Shopping Bags
- Lo shopper della discordia

09/06/2005 fonte http://www.polimerica.it

Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Quibio.it  l' usa e getta che rispetta l'ambiente -

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl