Comunicato LAV. TRIBUNALE DI PRATO CONDANNA DUE TRASPORTATORI A 4 MESI DI RECLUSIONE PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI, PER SEVIZIE INFLITTE A UNA CAVALLA. DENUNCIA DEGLI ANIMALS' ANGELS. LA LAV, PARTE CIVILE NEL PROCESSO, HA OTTENUTO L'AGGRAVIO DELL'IMPUT

Allegati

10/dic/2010 16.10.23 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

LAV copia.bmp                                                             AA-Logo_3c_Claim1_klein.jpg

 

Comunicato stampa

 

TRASPORTO DI ANIMALI: TRIBUNALE DI PRATO CONDANNA DUE TRASPORTATORI A 4 MESI DI RECLUSIONE PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI, PER SEVIZIE INFLITTE A UNA CAVALLA.

PROCEDIMENTO SCATURITO DA UNA DENUNCIA DEGLI ANIMALS’ ANGELS. LA LAV, PARTE CIVILE NEL PROCESSO, HA OTTENUTO L’AGGRAVIO DELL’IMPUTAZIONE

 

 

Il Tribunale penale di Prato ha condannato in primo grado due trasportatori rumeni a 4 mesi di reclusione per maltrattamento di animali - ai sensi dell’art. 544-ter, comma 1 c.p. - per le gravi e reiterate sevizie inflitte a una cavalla. La LAV, assistita dall’Avvocato Barbara Vannucci del foro di Firenze, si è costituita parte civile nel processo, riuscendo a far aggravare le imputazioni a carico dei trasportatori, dall’art. 727 c.p. all’art 544 ter c.p.

 

Il processo è nato da una denuncia degli Animals’ Angels, presentata nel luglio 2005 in seguito alla segnalazione di un mezzo che trasportava 33 cavalli dalla Spagna verso la Puglia. Gli attivisti dell’Associazione tedesca, infatti, il 23 luglio 2005, avevano verificato la presenza di una cavalla in gravi condizioni di salute, sdraiata sul fondo del rimorchio e incastrata tra le zampe degli altri cavalli. L’animale aveva gli occhi gonfi e completamente chiusi e presentava numerose ferite alla testa, causate dalla mancata separazione dagli stalloni presenti nel mezzo.

 

La Polizia Stradale di Montecatini (Pistoia), chiamata dagli attivisti di Animals’ Angels, aveva ordinato ai due conducenti di dirigersi verso il punto di sosta di Manziana (Roma) per effettuare lo scarico degli animali, ma questi avevano ignorato l’ordine proseguendo verso la loro destinazione. Solo in seguito a un’ulteriore richiesta di intervento, la Polizia stradale di Roma Nord ha provveduto a scortare il mezzo presso una stalla a Lunghezza (Roma), e all’arrivo, alle ore 1,45 del mattino del 24 luglio, gli animali sono stati fatti scendere.

 

Le condizioni della cavalla - chiamata Magdalena dagli attivisti degli Animals’ Angels - sono apparse subito drammatiche, l’animale respirava a fatica e non era in grado di alzarsi, né di scendere dal rimorchio. Ai ripetuti tentativi dei due autisti e dei proprietari della stalla di far alzare l’animale, la cavalla ha risposto tentando disperatamente di alzarsi, ricadendo purtroppo rovinosamente e sbattendo anche la testa, per poi esser trascinata giù dal camion per la coda. All’arrivo del veterinario di turno, prelevato dagli agenti della Polizia tre ore dopo la notifica delle condizioni dell’animale, questa era in agonia. Nonostante ciò il veterinario non ne disponeva l’eutanasia ma autorizzava l’uso di una ruspa e delle corde per tirare su la cavalla e portarla nella stalla, dove nella tarda mattina l’animale moriva tra atroci dolori.

 

“Magdalena era una cavalla tra i tanti che ogni giorno vengono trasportati per migliaia di chilometri solo per essere macellati. Ci auguriamo che la sentenza possa dare un minimo di giustizia a lei e i suoi compagni dichiara Christine Hafner, responsabile per l’Italia di Animals’ AngelsQuella che per molti era solo ‘carne da macello’, per noi era un essere vivente che con grande dignità ha sopportato sofferenze e dolori ingiustificabili.”

 

Questa sentenza è di assoluta importanza perché ancora una volta conferma il principio, già chiarito da numerose sentenze oltre che dalla ratio della norma, per cui le attività di settore e commerciali con impiego di animali vivi come, in questo caso, il trasporto di animali destinati al macello, ricadono pienamente nella disciplina penale a tutela degli animali, e quindi tutti questi esseri viventi vanno tutelati al pari degli altri  dichiara Carla Campanaro, dell’Ufficio legale della LAVEsprimiamo, infine, la nostra gratitudine all’Avvocato Barbara Vannucci del Foro di Firenze, per l’assistenza, la professionalità e la costanza fornite nel procedimento”.

 

12.10.2010

Ufficio stampa LAV 064461325 – 3290398535  www.lav.it

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5524 (20101012) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5524 (20101012) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl