Rapporto di Legambiente per il 2010

26/ott/2010 15.32.40 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il rapporto annuale di Legambiente sulle città più inquinate d’Italia afferma che nel 2010 Napoli e Palermo sono ai primi posti per il problema dell’ecosistema urbano.

Quali le cause dell’inquinamento delle principali città italiane? Innanzitutto lo smog, causato dal numero sempre crescente di automobili. Probabilmente anche a causa della crisi e dei costi le auto ibride o meno inquinanti faticano a prendere piede a favore di temi come “auto usate a Napoli” e “auto usate a Palermo”; il mercato delle auto di seconda mano è infatti in crescita: complici le difficoltà economiche e la riduzione degli incentivi per gli impianti a gas. 

Un’altra causa dell’inquinamento in queste città non riguarda solo la qualità dell’aria (ad esempio con l’utilizzo di zone a traffico limitato o di isole pedonali), ma analizza anche l’incremento dei mezzi pubblici, la raccolta differenziata e la depurazione delle acque. Insomma l’Italia risulta ancora divisa in due, con alcune città del nord ai primi posti per l’impegno nella tutela ambientale e il Mezzoggiorno con il triste primato degli ultimi posti in classifica, che vede Napoli e Palermo in coda soprattutto per il trasporto con i mezzi pubblici e per lo smaltimento dei rifiuti.

In questo rapporto di Legambiente, giunto alla XVII edizione, l’unico dato confortante è rappresentato dalla diffusione delle energie rinnovabili e dalla crescita della raccolta differenziata, che però riguarda solo i piccoli centri; infatti nella classifica hanno guadagnato alcune posizioni: Oristano, Avellino, Sondrio, Isernia e Pordenone. Brutta figura per Milano e Roma, mentre ai primi posti: Belluno, seconda Verbania e terza Parma.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl