Comunicato Enpa e LAV. Caccia. Domani il Tar del Veneto si pronuncia sulle deroghe. Enpa e LAV: "Abbiamo fiducia nella magistratura"

Enpa e LAV: "Abbiamo fiducia nella magistratura" Roma, 26 ottobre 2010 - Mentre a Nagoya (Giappone) i delegati di 190 nazioni discutono sulle strategie per salvare la biodiversità del Pianeta, in Italia, invece, si sceglie di percorrere la strada opposta grazie a quella che, secondo Enpa e LAV, è una vera e propria strage di regole.

Allegati

26/ott/2010 15.19.36 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

ENPA1_jpg                                                          LAV ONLUS

 

 


COMUNICATO STAMPA

 

Caccia. Domani il Tar del Veneto si pronuncia sulle deroghe.

Enpa e LAV: “Abbiamo fiducia nella magistratura”

 

 

Roma, 26 ottobre 2010 – Mentre a Nagoya (Giappone) i delegati di 190 nazioni discutono sulle strategie per salvare la biodiversità del Pianeta, in Italia, invece, si sceglie di percorrere la strada opposta grazie a quella che, secondo Enpa e LAV, è una vera e propria strage di regole. Un massacro di legalità di cui si sono rese responsabili alcune regioni italiane, tra cui spicca soprattutto il Veneto che il 5 ottobre, con la delibera del presidente Zaia, ha autorizzato lo sterminio di fringuelli, peppole, pispole, storni e frosoni.

 

Ma a questa strage annunciata c’è una possibile via d’uscita: domani il Tar discuterà il ricorso contro il provvedimento, e la sua decisione potrà contribuire a salvare il futuro sia degli animali sia dei contribuenti italiani, chiamati a pagare – di tasca loro e in un momento di gravi difficoltà economiche – le multe che saranno inflitte dall’Unione Europea per la violazione della normativa comunitaria.

 

Sull’Italia, infatti, pesa una procedura d’infrazione aperta dall’Unione proprio per la questione della caccia in deroga nel Veneto, e che a breve dovrebbe arrivare a compimento. Nel luglio scorso il nostro Paese è già stato condannato per l’uso scorretto delle deroghe, diventate ormai la foglia di fico per autorizzare un regime di caccia permanente alle stesse specie selvatiche che l’Unione Europea ha da tempo posto sotto un vincolo di protezione.

 

«Ma a pagare il prezzo più alto proseguono Enpa e LAVsarà la biodiversità, condannata a morte nel momento stesso in cui 190 nazioni cercano di preservarla. Al Governo chiediamo un intervento forte perché sia annullato ogni atto contrario alle norme comunitarie e alla nostra stessa normativa nazionale.»

 

 

ENPA – ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI

Ufficio stampa

Via Attilio Regolo, 27 – 00192 Roma

Tel. 06.3242873. Gsm 331.6374823

E-mail: ufficiostampa@enpa.org

Web: www.enpa.it

 

LAV

Ufficio stampa

Via Piave, 7 – 00187 Roma

Tel. 06.4461325 – fax. 06.4461326

E-mail: ufficiostampa@lav.it

Web: www.lav.it

 

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5563 (20101026) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5564 (20101026) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl