la magistratura sa e tace

la magistratura sa e tace Con preghiera di pubblicazione BRACCIANO: NONOSTANTE LE DENUNCE L'ILLEGALITA DILAGA LA MAGISTRATURA SA E TACE SENZA INTERVENIRE 135 cittadini di Bracciano si erano rivolti ai procuratori di Civitavecchia Almerighi e Amendola, che non sono mai intervenuti.

15/nov/2010 14.52.00 fioree Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Con preghiera di pubblicazione

 

BRACCIANO: NONOSTANTE LE DENUNCE L’ILLEGALITA DILAGA

LA MAGISTRATURA SA E TACE SENZA INTERVENIRE

 135 cittadini di Bracciano si erano rivolti ai procuratori di Civitavecchia Almerighi e Amendola, che non sono mai intervenuti. Nel frattempo i palazzoni sono quasi terminati.

 Bracciano lun.15 nov.2010: La procura di Civitavecchia, alla quale si sono rivolti 135 cittadini di Bracciano per denunciare dettagliatamente alcuni abusi edilizi in aree strettamente vincolate non è mai intervenuta, al punto che i palazzi sono in dirittura d’arrivo,  mentre anche l’ultimo squarcio sulla collina, bloccato a suo tempo grazie all’intervento dei media e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, sta per essere riempito dal  cemento.

Molti ricorderanno la collina asportata per far posto a un negozio di piastrelle e a dei garage previsti sotto il belvedere di Bracciano, accanto al Castello Odescalchi. I lavori sono ripresi abusivamente questa mattina, mentre il cantiere non era mai  più stato messo in sicurezza, ed ora tracima il fango a causa delle piogge fino lungo la strada comunale, creando rischi per l’incolumità di abitanti,  pedoni e automobilisti. Sabato mattina c’è stato il primo incidente,  uno scooter scivolato sul fango e il conducente quasi travolto da un’auto che transitava in quel momento.

Perfino l’ENEL ha concesso l’elettricità al cantiere di via del Lago 12 nel marzo 2010 nonostante la concessione edilizia fosse scaduta. Concessione tra l’altro rilasciata dal Comune di Bracciano in grave violazione dei vincoli  esistenti.

Nel frattempo la realtà a Bracciano è sempre più catastrofica: grave situazione idro-geologica (qualche anno fa il crollo del versante di una collinetta accanto al belvedere e alla chiesa del Riposo,  le piogge trasformano le strade in torrenti per la mancanza dello scolo per le acque chiare e meteoritiche, e i tombini diventano fontane, le fognature obsolete e insufficienti. Sembra che siano state individuate delle ville totalmente abusive in zona centrale, l’accesso alla spiaggia del lungolago, di proprietà del demanio è quasi completamente recintato, salvo in corrispondenza dell’entrata ai ristoranti e stabilimenti balneari, anch’essi senza concessione, ma gestiscono di fatto la spiaggia.

Le conseguenze si vedono già nel resto d’Italia, forse anche qui si aspetta un epilogo analogo per poter intervenire?

Firmato: Associazione Salviamo Bracciano e  Associazione Borgo Medioevale

Tel. 339.4641014

braccianoparla@gmail.com

http://www.facebook.com/home.php#!/photo.php?id=100001675810807&pid=19556

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiorenza Rossetto

via del Lago, 12 - 00062 Bracciano (Roma)

Tel.06.9988466 - 339.4641014

Skype: fioreross

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl