7,5 Milioni da Ministero Ambiente per polmoni verdi...

25/lug/2005 15.11.01 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Quibio.it  l' usa e getta che rispetta l'ambiente -

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100

AMBIENTE: 7,5 MILIONI DA MINISTERO PER POLMONI VERDI

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Sette milioni e mezzo di euro per ridare fiato ai polmoni verdi nazionali nell'ambito della lotta ai gas serra. Con un decreto del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio di concerto con l'Economia e le Politiche Agricole, sono stati cosi' fissati i criteri per l'attuazione dei programmi pilota a livello nazionale in materia di afforestazione e riforestazione ai sensi dell'articolo 2, punto 3, della legge 1 giugno 2002, n. 120 di ratifica del protocollo di Kyoto. Il rispetto del Trattato e delle decisioni europee impegna l'Italia alla riduzione delle proprie emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai livelli del 1990 entro il periodo compreso fra il 2008 e il 2012 anche attraverso misure di valorizzazione del patrimonio forestale, dei polmoni verdi cioe' che rappresentano i cosiddetti pozzi di assorbimento dei gas serra. La ratifica del Protocollo prevede che il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio individui con proprio decreto i programmi pilota da attuare a livello nazionale e internazionale per la riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, e l'impiego di piantagioni forestali per l'assorbimento del carbonio, con l' obiettivo di definire i modelli di intervento piu' efficaci dal punto di vista dei costi, sia a livello interno che nell'ambito delle iniziative congiunte previste dai meccanismi del Protocollo di Kyoto, la Joint Implementation e il Clean Development Mechanism. Prevede inoltre l'istituzione del Registro nazionale dei serbatoi di carbonio agro-forestali. Per queste attivita' lo Stato ha destinato 7,5 milioni di euro. Di questi, il nuovo provvedimento assegna 2,2 milioni per l'aggiornamento dell'Inventario forestale nazionale e degli altri serbatoi di carbonio, nonche' per l'istituzione del Registro nazionale dei serbatoi di carbonio agro-forestali. Mentre 5,2 sono stanziati per la realizzazione di progetti pilota per interventi nazionali di afforestazione e riforestazione! . La rip artizione territoriale delle risorse tra le Regioni, nonche' i criteri e le modalita' per l'assegnazione saranno stabiliti di intesa con la Conferenza unificata, tenendo conto della programmazione forestale delle Regioni. Il Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio, di concerto con quelli dell'Economia e delle Politiche agricole, definiscono, di intesa con la Conferenza unificata le modalita' per la concessione l'erogazione e la revoca dei contribuiti ai soggetti beneficiari; la modalita' per l'eventuale cumulo con altre risorse nazionali o comunitarie; le procedure per la verifica sullo stato di attuazione degli interventi e i criteri di monitoraggio sui risultati conseguiti. I progetti pilota ammessi ai contributi dovranno vertere su interventi di miglioramento della gestione forestale, di afforestazione e riforestazione, realizzati con l'uso di specie autoctone - secondo criteri di ecosostenibilita'. I progetti dovranno prevedere la certificazione del carbonio assorbito, attraverso una metodologia a corredo del progetto stesso, volta a misurare la migliore performance secondo il rapporto investimento/assorbimento di carbonio misurato in t-CO2 equivalente nel quinquennio 2008-2012. Sono finanziabili i progetti di importo complessivo di almeno 400.000 euro. I progetti di Amministrazioni Pubbliche potranno essere cofinanziati nella misura massima del 75%, ed entro un importo non superiore a 1.500.000. Quelli presentati da imprese potranno essere cofinanziati nella misura massima del 50%, ed entro un importo non superiore a 500.000 euro. I soggetti destinatari finali infatti sono stati identificati in Regioni, Comuni, Comunita' Montane e Consorzi di Comuni; oppure imprese, singole o associate, societa' per azioni e a responsabilita' limitata a prevalente capitale pubblico locale esercenti servizi di pubblica utilita' e consorzi forestali. (ANSA). XLO
25/07/2005 09:36 fonte http://www.ansa.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl