Vacanze: Mare sempre piu' doc, la mappa dei tuffi sicuri...

02/ago/2005 12.05.20 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Quibio.it  l' usa e getta che rispetta l'ambiente -

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100.

VACANZE: MARE SEMPRE PIU' DOC, LA MAPPA DEI TUFFI SICURI

(ANSA) - ROMA, 1 AGO - Tempo d'estate e primo giorno del mese piu' vacanziero dell'anno. Le scelte sono state fatte ma per i ritardatari ancora qualche indicazione sulle mete marine dove i tuffi sono sicuri. E per chi gia' e' gia' sulla spiaggia una certezza in piu' di aver programmato bene. Due le regioni con il 100% di costa balneabile e 8 quelle al sopra del 95%. In un anno, invece, sono state recuperate 115 spiagge. In linea generale, invece, secondo la mappa contenuta nell'Annuario sui dati ambientali dell'Apat, dal 2000 al 2003 la percentuale di costa controllata e balneabile e' passata da 95% a 97%. Entrando nel dettaglio, emerge che, a livello regionale, la situazione e' stabilmente buona, con 8 Regioni al di sopra del 95% di balneabilita', delle quali due (Friuli Venezia Giulia e Basilicata) al 100% una (Sardegna) oltre il 99% ed altre 6 comprese tra 90% e 95% (sempre valori elevati). Da segnalare il sensibile miglioramento fatto dalla Sicilia sulle diverse situazioni critiche a livello locale, recuperando quasi tutte le zone alla balneabilita' totale. Lo stato trofico delle acque marino costiere nel periodo giugno 2002-giugno 2003, si conferma, secondo il rapporto dell' Apat, complessivamente buono: la maggior parte delle stazioni campionate e' in uno stato trofico elevato (61%) o buono (32%). Problemi di trofia si presentano nel restante 7% delle stazioni campionate, dove tuttavia le situazioni scadenti si sono ridotte all'1% dei siti campionati rispetto al 2% della stagione precedente, mentre le situazioni mediocri sono passate dal 5% al 6%. Sul litorale adriatico l'Emilia Romagna e' la regione piu' critica, mentre sul litorale tirrenico si manifestano situazioni critiche di trofia in Campania (scadente in corrispondenza della foce del Sarno e mediocre a Portici) e nel Lazio (Fiumicino e Minturno). Nel bacino ionico e sulla costa sarda tutti i siti presentano una scarsa trofia. Le acque di transizione, costituite dai tratti terminali! dei cor si d'acqua, da stagni, lagune e laghi costieri, con acque influenzate dalle acque marino costiere, costituiscono sistemi ambientali molto variabili e di elevata biodiversita'. Lo stato della piu' grande laguna europea, la laguna di Venezia, afferma l'Apat ''pur compromesso dalla presenza, in alcune zone influenzate dalle pressioni urbane e industriali e dagli apporti del bacino scolante, di inquinanti organici e metalli, presenta nel complesso uno stato di ossigenazione sufficiente a non determinare effetti di anossia significativi''. Per avere un mare blu importante anche lo stato dei fiumi che nel 2003 si conferma discreto come nel precedente triennio: il 78% delle stazioni di campionamento (186 corsi d'acqua con 618 siti di campionamento complessivi) risulta in classe buona (36%) o sufficiente (42%), cioe' in uno stato ecologico corrispondente agli obiettivi ambientali intermedio (sufficiente al 2008) o finale (buono al 2016) fissati dalla normativa vigente. (ANSA) GU
01/08/2005 14:56 fonte http://www.ansa.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl