Comunicato LAV. Roma, animali legati al presepe vivente di Trevignano Romano: la protesta e la diffida della LAV

Roma, animali legati al presepe vivente di Trevignano Romano: la protesta e la diffida della LAV Comunicato stampa LAV 30 dicembre 2010 Animali legati al presepe vivente di Trevignano Romano: la protesta e la diffida della LAV La LAV ha inoltrato una diffida al Comune di Trevignano Romano (Roma), per aver esposto numerosi animali in condizioni davvero precarie nel locale presepe vivente.

30/dic/2010 15.24.02 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV 30 dicembre 2010

 

Animali legati al presepe vivente di Trevignano Romano: la protesta e la diffida della LAV

 

La LAV ha inoltrato una diffida al Comune di Trevignano Romano (Roma), per aver esposto numerosi animali in condizioni davvero precarie nel locale presepe vivente. Secondo diverse segnalazioni della cittadinanza infatti è emerso che gli animali sono legati notte e giorno senza possibilità di movimento. In particolare un asino sarebbe legato a una catena lunga circa 50 centimetri, senza avere la possibilità di sdraiarsi.

 

La LAV ha dunque chiesto al Sindaco di Trevignano Romano di disporre la revoca dell’iniziativa nella parte in cui vengono utilizzati animali e agli organizzatori di usare metodi alternativi che rendano la tradizione conciliabile con la normativa a tutela della fauna. L’art. 544 ter del nostro codice penale prevede infatti espressamente che “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro”.

 

La LAV ha inoltre richiesto alle Autorità deputate di effettuare i necessari controlli per acclarare che la normativa sia rispettata e, laddove ciò non avvenga, si provveda ad iscrivere la condotta criminosa nel registro delle notizie di reato.  La manifestazione infatti deve svolgersi non solo, come è ovvio che sia, nel rispetto delle disposizioni penali, ma anche in ottemperanza ai regolamenti vigenti. In proposito il regolamento di Polizia Veterinaria (DPR 320/54 ) prevede che le mostre e le manifestazioni con animali ottengano uno specifico nulla-osta da parte del Servizio di Sanità animale dell’ASL. La LAV, riservandosi di intervenire con azioni legali se necessario, ha dunque chiesto di conoscere le determinazioni assunte dalle Istituzioni, in base alla legge sulla trasparenza amministrativa.

 

 

Ufficio Stampa LAV

Via Piave 7 - 00187 Roma

tel. 06 4461325 - 339 1742586 - fax 06 4461326

ufficiostampa@lav.it

www.lav.it

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5746 (20101230) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5746 (20101230) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl