Comunicato LAV. VIVISEZIONE (ITALIA), LAV: GRAVE AUMENTO DI ALCUNE SPECIE ANIMALI (SCIMMIE, CAPRE, SUINI, PESCI, UCCELLI), 'DEROGA ECCEZIONALE' PER ALCUNE E' DIVENTATA LA REGOLA! AUMENTA USO DI ANIMALI VIVI E SOPPRESSI PER FINI DIDATTIC PUBBLICATI IN G.

Allegati

14/mar/2011 16.12.41 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa LAV

VIVISEZIONE (ITALIA), LAV: GRAVE AUMENTO DI ALCUNE SPECIE ANIMALI (SCIMMIE, CAPRE, SUINI, PESCI, UCCELLI), ‘DEROGA ECCEZIONALE’ PER ALCUNE E’ DIVENTATA LA REGOLA! AUMENTA USO DI ANIMALI VIVI E SOPPRESSI PER FINI DIDATTICI: PUBBLICATI IN G.U. I DATI SPERIMENTALI 2007-2009. LAV CHIEDE INDAGINE MINISTERIALE E MASSIMO RIGORE IN VISTA RECEPIMENTO DIRETTIVA UE

Capre, suini, uccelli, pesci e scimmie finiscono, sempre più numerosi, la loro vita in un laboratorio di vivisezione: lo rivela la LAV commentando i dati relativi al numero di animali utilizzati in Italia per fini scientifici e sperimentali nel triennio 2007-2009, pubblicati (GU n. 53 del 5-3-2011) dal Ministero del Lavoro, della Salute, ai sensi del decreto legislativo 116/92 (Protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici)*.

Le statistiche, pubblicate con cadenza triennale, mostrano un numero complessivo di animali utilizzati in lieve diminuzione (2.735.887 nel triennio dal 2004 al 2006 e 2.603.671 dal 2007 al 2009), ma sono numeri ancora troppo alti visto il quadro scientifico e legislativo europeo che prevede la promozione dei metodi alternativi alla sperimentazione animale e la chiara posizione contraria dell’opinione pubblica alla vivisezione.

Le specie più rappresentate continuano ad essere topi (1648314) e ratti (682925), seguono uccelli (97248), altri roditori e conigli (73362), pesci (59881): animali largamente impiegati a causa del loro basso costo e perché facilmente maneggiabili, piuttosto che per ragioni strettamente scientifiche.

Inoltre, analizzando nel dettaglio le specie utilizzate e l’ambito sperimentale di applicazione, le considerazione che ne derivano sono sconfortanti: è in aumento il ricorso alle scimmie (sia ceboidea che cercopothecoidea), specie regolamentate dal Decreto in modo fortemente restrittivo che dovrebbe rappresentare una deroga eccezionale e sicuramente non incoraggiarne l’aumento. I primati non umani, come i cani, sono utilizzati per esperimenti fortemente invasivi che comportano alti e prolungati livelli di dolore come studi di tossicità e indagini legate a problematiche nervose e mentali umani e cancro.

La maggior parte dell'impiego di animali riguarda studi biologici di base, ricerca e sviluppo di prodotti e apparecchi per medicina umana e veterinaria, che coinvolgono più del 73% degli animali; seguono test per la produzione e controllo di qualità per prodotti e apparecchi con il 16%, quindi le indagini tossicologiche, diagnosi di malattie e formazione. Sconcertante anche l’aumento degli animali utilizzati vivi e soppressi per fini didattici, anche in questo ambito come per il ricorso ai primati, le autorizzazioni che coinvolgono procedure per la formazione dovrebbero rappresentare un’eccezione e quindi essere in forte diminuzione anche in considerazione della legge 413/93 che da diritto all’obiezione di coscienza, legge che evidentemente rimane silente o addirittura viene ostacolata; oltretutto mai come nell’ambito didattico sono disponibili un’ampia gamma di metodi sostitutivi all’animale.

“Anche se purtroppo gli animali di queste statistiche in molti casi saranno ormai stati uccisi, chiediamo un’indagine Ministeriale urgente per verificare le ragioni di questo aumentato ricorso a specie il cui utilizzo a fini sperimentali per legge dovrebbe rappresentare un’eccezione e fermarne eventuali nuovi utilizzi dichiara Michela Kuan, biologa, responsabile LAV VivisezioneL’Italia, come per tutti gli altri Paesi dell’UE, si trova a dover recepire la nuova Direttiva 63/2010UE sul tema: Governo e Parlamento non devono assolutamente perdere questa importante e rara occasione per, finalmente, dimostrare gli impegni etici nei confronti degli animali e riconoscerne il valore come esseri senzienti. Non è possibile accettare ancora statistiche così alte che dimostrano la cecità della ricerca ancorata all’obsoleto e antiscientifico modello animale, nonostante la diffusione dei metodi alternativi e la volontà dei cittadini che in parte la finanziano.”

Seguono i grafici

14 marzo 2011

Ufficio stampa LAV 064461325 – 339 1742586 www.lav.it

 

specie

2004 - 2006

2007-2009

topi

1664294

1648314

Ratti

820143

682925

Porcellini d’India

40038

38687

criceti

6889

2332

Altri roditori

7100

2978

Conigli

32314

29365

gatti

45

34

Cani

2829

2571

Equidae

221

186

Suini

8097

9433

Caprini

56

116

Ovini

1678

1386

Bovini

2795

1306

Ceboidea

59

90

Cercopithoidea

1089

1190

Altri mammiferi

118

568

Uccelli

90493

97248

Rettili

831

1079

Anfibi

11118

7732

Pesci

45418

59881

Totale

2 735 887

2 603 671

Media annua

911 962,3

867 890

In rosso le specie il cui utilizzo è in aumento nell’ultimo triennio

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 5952 (20110314) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl