Comunicato stampa. CACCIA, LIGURIA FA SCEMPIO DEL DIRITTO. Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato con legge un calendario venatorio pluriennale

Allegati

31/mag/2011 19.17.52 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa 31 maggio 2011

 

Animalisti italiani – ENPA - LAC – LAV

Legambiente – LIPU – No alla Caccia - WWF Italia

 

 

CACCIA, LIGURIA FA SCEMPIO DEL DIRITTO

Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato con legge un calendario venatorio pluriennale

in contrasto con la legge e con la scienza.

 

 

“Con l’approvazione avvenuta oggi di un calendario venatorio pluriennale tramite legge, il consiglio regionale della Liguria ha violato sia la Costituzione, adottando con legge un provvedimento che andrebbe approvato in via amministrativa, sia la normativa nazionale e comunitaria di settore, ignorando del tutto le indicazioni dell’ISPRA sui tempi di caccia in relazione alla tutela nei periodi di migrazione”. E’ il commento delle associazioni Animalisti italiani, ENPA, LAC, LAV, Legambiente, LIPU, No alla Caccia e WWF Italia all’approvazione con legge del nuovo calendario venatorio da parte del Consiglio regionale.

 

“Oltre a chiedere immediatamente l’impugnazione della legge da parte del Governo davanti alla suprema Corte, le associazioni ambientaliste ed animaliste chiederanno tramite i loro legali  alle autorità competenti di valutare le possibili responsabilità di tutti coloro che hanno votato a favore di un provvedimento macroscopicamente illegittimo, oltre a chiedere il sequestro della fauna per impedire gli illegittimi abbattimenti. Non si possono più tollerare tali atteggiamenti da parte di chi dovrebbe agire nel solco della legalità  e nell’interrese della comunità ed invece ricorre a strumenti illegittimi favorendo una piccola parte di cittadini a danno della stragrande maggioranza, calpestando le regole e provocando danni irreparabili alla fauna.”.”

 

“Del resto la Liguria – proseguono le associazioni – non è nuova a tali iniziative, difatti a giugno scorso la regione è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea per l’uso scorretto delle deroghe a cacciare uccelli protetti, mentre lo scorso novembre un’altra legge ligure con cui si autorizzava la caccia dopo il tramonto è stata impugnata dal Governo davanti alla Corte costituzionale per macroscopiche illegittimità”.

 

“Troppe specie cacciate, troppo lunga la stagione per molte specie, troppo bracconaggio, poca disponibilità di dati e informazioni sono alcune delle criticità oggi in Italia alle quali le buone amministrazioni devono rispondere con una rigorosa applicazione delle regole nazionali e comunitarie alla luce delle più recenti indicazioni scientifiche dell’ISPRA, insomma serve un salto di qualità nell’applicazione della legge 157 – concludono le associazioni –   prendiamo atto che il governo ed il consiglio regionale della Liguria non ha inteso percorre questa strada”.

 

31 maggio 2011

 

Uffici Stampa di: Animalisti italiani – ENPA - LAC – LAV -Legambiente – LIPU – No alla Caccia - WWF Italia

 

 

 

Maria Falvo
Responsabile Ufficio Stampa LAV
Cell. +39 339 1742586
E-mail: ufficiostampa@lav.it

LAVONLUS_72dpi
LAV Sede Nazionale
Viale Regina Margherita 177 - 00198 Roma
Tel. +39 06 4461325
Fax +39 06 4461326
web :
www.lav.it

 

Il tuo 5xMille alla LAV, salverai milioni di animali.
Un piccolo gesto che non costa nulla, ma vuol dire molto.
Codice fiscale: 80426840585
immagine_5xmille_280

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6168 (20110531) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6168 (20110531) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl