Comunicato LAV. "La sofferenza animale tra aspetti etologici, veterinari e di diritto". Convegno LAV: Milano, 3 giugno 2011

Allegati

06/gen/2011 14.34.51 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa LAV (www.lav.it) - 1 giugno 2011

La sofferenza animale tra aspetti etologici, veterinari e di diritto”

Convegno LAV

con il patrocinio del Ministero della Salute, della Provincia di Milano e della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Veterinari Italiani

venerdì 3 giugno - ore 9:00-17:15

Milano - Auditorium della Provincia - Via Corridoni 16

I recenti fatti di cronaca, dalle pagine dei quotidiani ai servizi televisivi, confermano che non vi è univocità né chiarezza sul concetto di sofferenza animale: argomento complesso, quanto mai attuale, tocca aspetti etologici, veterinari, giuridici, coinvolge professionalità diverse, ed è per questo che va affrontato con un approccio multidisciplinare che accorci le distanze tra quanto previsto dal codice penale in merito ai reati contro gli animali e l’applicazione pratica della norma. Se ne parlerà al convegno “La sofferenza animale tra aspetti etologici, veterinari e di diritto”, organizzato dalla LAV con il patrocinio del Ministero della Salute, della Provincia di Milano e della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Veterinari Italiani, che si terrà il 3 giugno presso l’Auditorium della Provincia in via Corridoni 16, dalle 9 alle 17,15.

I lavori si apriranno con gli interventi del Vicepresidente della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani Carla Bernasconi e della dott.ssa Rosalba Matassa, Ufficio benessere animale del Ministero della Salute, introdotti dal Presidente della LAV Gianluca Felicetti.

“Chi decide da un punto di vista giudiziario il maltrattamento di animali, e quali sono la preparazione, le branchie e gli strumenti scientifici idonei a supportare tali valutazioni, per accertare gli illeciti penali che parlano di lesioni e sofferenze insopportabili? Ad oggi, in particolare in taluni ambiti, e soprattutto in base alle famose ‘prassi’, un animale è riconosciuto sofferente esclusivamente in caso di macroscopiche e innegabili lesioni fisiche, altrimenti ne è spesso valutato e dichiarato agli organi giudiziari il suo ‘benessere’, perché appunto ‘così fan tutti’ e perché l’animale ancora ‘funziona’ - afferma il Presidente della LAV Gianluca FelicettiAttraverso questo convegno, intendiamo proporre una riflessione insieme ad autorevoli professionisti nazionali ed internazioni, partendo dal riconoscimento della natura di essere senziente dell’animale e fornendo strumenti tecnici d’intervento”.

Seguiranno le relazioni di esperti qualificati:

  • Luigi Lombardi Vallauri, professore di Filosofia del Diritto dell'Università di Firenze, sottolineerà le antinomie presenti nel nostro ordinamento sulla sofferenza animale, ponendoci di fronte una questione non più prorogabile: “può, il diritto animale formalmente valido, dirsi vigente anche nel senso di effettivo”?
  • Carla Campanaro, avvocato, dell'Ufficio legale della LAV, porrà l'accento sulle questioni giuridiche sottese al concetto di sofferenza. Il legislatore sembra dare alla sofferenza animale molteplici accezioni, descrivendola, come afferma la Campanaro, “ora come ‘lesione’, ora come ‘danno alla salute’, ora come ‘sevizia’, ‘sofferenza’, ‘angoscia e paura’, in linea con le evoluzioni del ‘sentire’ della società civile”. “L’animale oggetto delle valutazioni medico veterinarie – aggiunge Carla Campanaro - non è più una ‘macchina che deve funzionare per un determinato scopo, commerciale e non’, ma un ‘essere senziente in grado di provare sofferenza fisica e psicofisica’, che per questo motivo deve essere tutelato, nel rispetto delle normative esistenti”.
  • Clara Palestrini, ricercatore della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Milano affronterà la valutazione scientifica del malessere animale. “L’obiettivo oggi – afferma la Palestrini - dovrebbe essere quello di sviluppare le nostre conoscenze ed eliminare nel contempo radicati pregiudizi e false credenze che nulla hanno a che fare con la scienza”.
  • Guido Rispoli, Procuratore Capo presso la Procura della Repubblica di Bolzano, analizzerà nel dettaglio il principio della sofferenza animale nel Codice Penale, ponendo l'accento sulle figure chiamate a decidere dal punto di vista giudiziario sul malessere e il dolore degli esseri senzienti.
  • Enrico Moriconi, medico veterinario e Presidente AVDA-Associazione Veterinari per i Diritti Animali, illustrerà i concetti di benessere, malessere, dolore, da diversi punti di vista, invitando ad una riflessione più intensa sul ruolo chiave del veterinario, chiamato dallo stesso articolo 544 ter c.p. (reato di maltrattamento) non soltanto ad analizzare in modo settoriale e diagnostico la sofferenza degli animali, ma a portare la sua esperienza di etologo e profondo conoscitore dei comportamenti e della natura degli esseri senzienti. Dal momento che spesso lo studio dell'etologia è lasciato alla sensibilità del professionista, mette in guardia Moriconi, “non è assolutamente dimostrato che ogni qualsivoglia veterinario abbia le conoscenze scientifiche per giudicare delle caratteristiche etologiche”. “La conoscenza specifica relativa alle fattispecie previste dalla legge – afferma infatti Moriconi - viene intesa come assodata semplicemente perché si dispone della laurea in medicina veterinaria, ma ciò non corrisponde totalmente alla realtà”.
  • Maurizio Santoloci, magistrato di Cassazione con funzione di G.I.P. Presso il Tribunale di Terni, farà luce sulla tempestività con cui si può e si deve intervenire in caso di reato, e sulla necessaria collaborazione fra ruoli diversi. Non di rado infatti la Polizia Giudiziaria, che ha il compito di impedire che i reati vengano portati a conseguenze ulteriori, si limita a denunciare i fatti alla magistratura, senza però occuparsi di impedire il protrarsi del reato. Il risultato è spesso l'abbandono degli animali al loro triste destino. Santoloci sottolinea il valore degli strumenti a disposizione degli operatori nella repressione dei reati a danno di animali: dal sequestro probatorio ai rilievi fotografici, mezzi necessari a “cristallizzare la realtà dello stato degli animali”, fino al sequestro preventivo e alla confisca, misure indispensabili per porre fine alla loro sofferenza.
  • Bruno Lassalle, veterinario, Ispettore di sanità pubblica veterinaria francese, condividerà la sua esperienza professionale e il tema scottante della sofferenza animale nei circhi: luoghi dove le peculiarità dei diversi animali sono spesso trascurate se non addirittura forzate. Come osserva Lassalle infatti gli spettacoli circensi “isolano gli animali che vivono normalmente in gruppo (elefanti, erbivori, primati…), o raggruppano animali solitari come le tigri”.
  • Angelo Gazzano, ricercatore della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Pisa, affronterà invece il tema della vita e del benessere animale all'interno dei canili, realtà difficili in cui è necessario controllare tutte le fonti di stress dei cani ospitati.

I lavori saranno chiusi da Roberto Bennati, vicepresidente della LAV.

1 giugno 2011

Ufficio stampa LAV 06.4461325 – 339 1742586 – 329 0398535 www.lav.it

 

 

Maria Falvo
Responsabile Ufficio Stampa LAV
Cell. +39 339 1742586
E-mail: ufficiostampa@lav.it

LAVONLUS_72dpi
LAV Sede Nazionale
Viale Regina Margherita 177 - 00198 Roma
Tel. +39 06 4461325
Fax +39 06 4461326
web :
www.lav.it

 

Il tuo 5xMille alla LAV, salverai milioni di animali.
Un piccolo gesto che non costa nulla, ma vuol dire molto.
Codice fiscale: 80426840585
immagine_5xmille_280

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6170 (20110601) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6170 (20110601) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl