Comunicato LAV. TEST COSMETIC COMMISSIONE UE DEVE ESPRIMERE PARERE SU FATTIBILITA' RISPETTO BANDO 2013. LAV, FORTI PRESSIONI PER RINVIO DAI PAESI MEMBRI E DALL'INDUSTRIA DI SETTORE: PROSEGUE LA RACCOLTA FIRME...

Allegati

24/giu/2011 15.03.33 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV

 

TEST COSMETICI: COMMISSIONE UE DEVE ESPRIMERE PARERE SU FATTIBILITA’ RISPETTO BANDO 2013

LAV, FORTI PRESSIONI PER RINVIO DAI PAESI MEMBRI E DALL’INDUSTRIA DI SETTORE: PROSEGUE LA RACCOLTA FIRME DELLA PETIZIONE PER OPPORSI ALLO SLITTAMENTO DEL BANDO

 

 

Il Parlamento e il Consiglio dei Ministri Europei hanno chiesto alla Commissione UE un parere circa la fattibilità del rispetto del bando totale dei test cosmetici su animali previsto per il 2013 per tutti i cosmetici, compresi quelli provenienti da Paesi extra UE (7° emendamento Direttiva 2003/15CE).

 

In vista del parere che dovrà rilasciare, la Commissione UE ha quindi indetto una consultazione che ha visto partecipare 14 Stati Membri, l’industria e le associazioni animaliste, tra cui la coalizione europea ECEAE (European Coalition to End Animal Experiments)  ed Eurogroup for Animals, di cui fa parte anche la LAV.

 

Tre gli scenari possibili in base agli esiti di tale consultazione e della conseguente decisione delle Istituzioni europee: il rispetto del bando, lo slittamento, il posticipo a data indefinita, in base alla convalida delle alternative nelle aree in cui non sono ancora disponibili test sostitutivi.

 

Preoccupanti le indicazioni fornite dai Paesi Membri: ad eccezione di Austria, Belgio e Svezia, a favore del rispetto del bando, la Norvegia si è espressa per uno slittamento, mentre Danimarca, Francia, Germania, Grecia e Italia sono a favore di un posticipo a data da definirsi, vincolata alla validazione di test sostitutivi. Olanda e Portogallo hanno indicato come il rispetto del divieto previsto per il 2013 possa rappresentare uno svantaggio mentre Finlandia e Slovacchia non hanno espresso nessuna opinione. Infine la Spagna ha indicato come il rispetto del bando potrebbe favorire lo sviluppo delle alternative, ma che al momento l’animale non sia sostituibile, soprattutto nei test di tossicità ad uso ripetuto.

 

L’Associazione europea dell’industria cosmetica (COLIPA) ha previsto una riduzione dei profitti del 5-20% se viene rispettata la data del 2013, pur sottolineando come le nuove materie prime della filiera cosmetica rappresentino solo il 4% l’anno. Più in generale l’industria cosmetica ha avanzato il dubbio che l’obbligo dei test su animali previsto in Cina possa costituire un problema in caso di rispetto del bando.

 

La lobby dei test su animali non vuole perdere potere nemmeno in questo piccola fascia della ricerca che, come ha evidenziato COLIPA, occupa solo il 4% del mercato commenta Michela Kuan, biologa, responsabile LAV settore Vivisezione Purtroppo, a parte le associazioni animaliste, la grande maggioranza degli enti coinvolti nella consultazione non è a favore del mantenimento del divieto del 2013 e con grande probabilità la Commissione indicherà la non fattibilità del rispetto di tale bando, decisivo per la fine di questi inutili e dannosi esperimenti  e per la sorte delle migliaia di animali  ancora uccisi in questo ambito della ricerca”.

 

La LAV invita quanti non l’avessero ancora fatto, a firmare la petizione, disponibile alla pagina http://www.lav.it/index.php?id=1702 del sito dell’Associazione, per sostenere il divieto, previsto per il 2013, di fare e commercializzare cosmetici testati su animali in Europa.

 

In seguito al parere della Commissione, infatti, inizierà l’iter di co-decisione tra Consiglio e Parlamento, per questo è fondamentale proseguire la nostra campagna a favore del rispetto del bandoconclude Michela Kuaninsieme alle coalizioni europee continueremo a sottolineare le motivazioni scientifiche ed etiche per le quali è possibile vietare totalmente i test su animali in ambito cosmetico, supportando l’opinione dei cittadini europei che si sono chiaramente dichiarati contrari alla sperimentazione in questo campo”.

 

24.06.2011

Ufficio stampa LAV 06.4461325 – 329.0398535 www.lav.it

 

Maria Falvo
Responsabile Ufficio Stampa LAV
Cell. +39 339 1742586
E-mail: ufficiostampa@lav.it
LAVONLUS_72dpi
LAV Sede Nazionale
Viale Regina Margherita 177 - 00198 Roma
Tel. +39 06 4461325
Fax +39 06 4461326
web :
www.lav.it

 

Il tuo 5xMille alla LAV, salverai milioni di animali.
Un piccolo gesto che non costa nulla, ma vuol dire molto.
Codice fiscale: 80426840585
immagine_5xmille_280

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6235 (20110624) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6235 (20110624) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl