Ministero dell' Ambiente presenta il suo nuovo portale...

21/nov/2005 03.27.28 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Visita Quibio.it  l'  usa e getta che rispetta l'ambiente - Bioplastica, raccolta differenziata, usa e getta, materbi, pla.....

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri, posate  ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

AMBIENTE:NUOVO LOOK PORTALE AMBIENTE, ORA ANCHE SU CELLULARI

(ANSA) - ROMA, 17 nov - Nuovo look per il portale del Ministero dell'Ambiente che sara' presto anche consultabile sui telefonini. Un restyling completo che mette on-line un sito piu' chiaro e razionale assicurando la fruibilita' a tutti i cittadini e prevedendo l'accesso anche ai non vedenti o agli ipovedenti grazie a tecniche innovative. ''Il nuovo sito del ministero dell'Ambiente - ha detto il Ministro, Altero Matteoli presentando il portale - costituisce un altro passaggio nell'opera di semplificazione e di razionalizzazione da me portata avanti in questi anni. Dopo la riforma del Ministero e la semplificazione della normativa ambientale attraverso i Testi Unici, ora il percorso intrapreso si conclude con la presentazione del nuovo portale che reputo uno strumento essenziale per comunicare l'ambiente in modo chiaro e facile ai cittadini''. Cliccando su www.minambiente.it si nota subito che i! l portale si e' fatto letteralmente in quattro. Sono 4, infatti, le macro-aree in cui e' stato suddiviso: Pubblico (raccoglie gli argomenti ambientali di interesse generale che colpiscono maggiormente il cittadino, dal clima allo smog, dai rifiuti all' energia); Educazione (dedicata a scolari e studenti); Ordinamento (legislazione nazionale e comunitaria in fatto di ambiente); Sviluppo (interazione tra Ministero e le Universita', gli enti e i centri di ricerca, il mondo dell'industria, del lavoro ecc). La home page, chiara intuitiva e sobria, a sinistra riporta il menu di servizio a carattere istituzionale dove e' situato anche l'URCP, lo sportello dedicato ai cittadini per comunicare con il Ministero. A destra trovano spazio gli 'argomenti chiave', una sorta di scorciatoia che permette all'utente di passare dall' home page agli argomenti di maggior interesse. Per chi vuole sapere tutto poi su Pm10, per esempio, oppure su qualsiasi altro tema ambientale, un motore di ricerc! a avanzato permette agli utenti di trovare subito quello che c! ercano. Le News e il Primo Piano completano e arricchiscono l'home page. Ma soprattutto, ha spiegato Maurizio Lupi, amministratore delegato dell'Italia Web Factory che ha riprogettato il sito, il portale dell'Ambiente parla a tutti. ''Il nuovo portale e' stato razionalizzato in modo da renderlo fruibile a tutti i cittadini, compresi gli utenti disabili, in particolare ipovedenti e non vedenti, cosi' come richiesto dalla Legge n.4 del 9 gennaio 2004 (Legge Stanca) e dal Codice dell'Amministrazione Digitale (D.L. del 7 marzo 2005) che entrera' in vigore a partire dal primo gennaio 2006 e che da' 2 anni di tempo alle pubbliche amministrazioni per adeguarsi''. Sono inoltre state applicate le normative tecnologiche degli standard del consorzio internazionale W3C, a loro volta espressamente delineate nella legge Stanca e dai successivi Decreti di attuazione in fatto di accessibilita' e usabilita'. La tecnica adottata permette inoltre l'utilizzo del linguaggio di programmazione xml che ren! de il sito gia' disponibile a tutti gli utilizzi tecnologici futuri (data base piu' semplici, portabilita' dei contenuti su qualsiasi supporto, estrema flessibilita' del sistema ). E In tal senso il sito sara' disponibile in tempi brevi anche sui telefoni cellulari. ''Il Ministero dell'Ambiente, quindi - ha sottolineato Lupi - e' in largo anticipo sui tempi richiesti, prevedendo la conclusione dei lavori di restyling, riadattamento dei contenuti esistenti e di implementazione entro il mese di febbraio 2006''. Resta quindi sempre disponibile, per il tempo necessario, la versione precedente del sito. (ANSA). GU
17/11/2005 15:08

fonte www.ansa.it   link www.minambiente.it

Commenta la notizia su www.quibioblog.net

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl