La Città dei Beni Comuni_Portici (NA), 22-23 Ottobre 2011

30/set/2011 11.36.18 Ufficio Stampa Campo Studio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si terrà a Portici (Napoli) una delle prime tappe di "Verso Venezia 2012", il percorso di accompagnamento - con eventi e manifestazioni in tutto il Paese - alla Conferenza Internazionale della Decrescita, che per la sua terza edizione si terrà in Italia, a Venezia, nel Settembre del 2012.

 

 

L’evento “La Città dei Beni Comuni”, che si terrà il 22 e 23 Ottobre 2011 a Portici (Napoli), è organizzato da una rete di associazioni locali: il Comitato Beni Comuni di Portici, l’associazione senza fini di lucro Le Storie di Altro, l’associazione culturale BLab la cooperativa sociale Seme di Pace.

L’iniziativa si inserisce nel percorso “Verso Venezia 2012” – un ricco calendario di eventi preparatori alla  III Conferenza Internazionale  dislocati a livello nazionale e internazionale – e intende indagare il tema dei beni comuni alla luce della crisi di sistema attuale e del nuovo modello di società che essi veicolano. Una società dei beni comuni, dunque, come punto d’arrivo del percorso di decrescita e come proposta alternativa al modello capitalista.

Per le due giornate non si adotterà il format “convegnistico”, ma si opterà per una più proficua partecipazione dei presenti attraverso tavole rotonde e gruppi di lavoro, che ragioneranno sulla ridefinizione di concetti quali territorio, democrazia e lavoro.

Obbiettivo delle due giornate è inoltre quello di promuovere la costituzione di un laboratorio permanente cittadino sui Beni comuni, incoraggiando la partecipazione e tutte le espressioni di cittadinanza attiva.

Tra i relatori e facilitatori ci saranno anche Paolo Cacciari, Alberto Lucarelli, Renato Briganti, Giuseppe di Marzo, Jacopo Fo.

 

L'assunto di partenza della Decrescita è che il nostro pianeta non può sostenere i ritmi e le modalità di "crescita" delle nostre società: le risorse non sono infinite né rigenerabili, e questo vale tanto per il petrolio che bruciamo quanto per l'acqua, l'aria e il suolo che contaminiamo. Così mentre abbracciamo ciecamente un sistema economico autoaccrescitivo, inseguiamo l'impennata del PIL e auspichiamo che la produzione dei beni di consumo si impenni, il sistema si prepara al collasso.

La Decrescita rappresenta oggi non solo un invito ad abbandonare l’ossessione per la crescita e l’immaginario dello sviluppo illimitato, ma anche lo sforzo più complessivo per misurarsi con la grande fase di discontinuità che la nostra civiltà ha di fronte a sé, affrontando apertamente questioni quali la crisi climatica ed ecologica, il saccheggio delle risorse, la crisi energetica, le lotte per la giustizia sociale ed ambientale.

 

Le conferenze internazionali sulla Decrescita rappresentano grandi appuntamenti internazionali con cadenza biennale per tutti coloro che si interessano di Decrescita: la prima edizione parigina è stata seguita, l'anno scorso, da quella di Barcellona, che ha visto una massiccia affluenza di oltre 500 partecipanti. Il prossimo anno, dal 19 al 23 Settembre 2012, la Conferenza si terrà in Italia, a Venezia.

www.lacittadeibenicomuni.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl