Provincia di Alessandria: Raccolta differenziata e utilizzo di materiali biodegradabili sono una risorsa per l' Ambiente...

Nel contempo, adottando criteri e comportamenti improntati alla sostenibilità e puntando su un elevato livello ambientale con le certificazioni ambientali e i marchi europei di qualità, si riducono i consumi di energia, le quantità dei rifiuti, si riciclano e riutilizzano le materie prime, sempre più care, e si contengono le emissioni inquinanti.

02/gen/2006 03.47.08 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Visita Quibio.it  l'  usa e getta che rispetta l'ambiente - Bio-plastica, raccolta differenziata, usa e getta, materbi, pla.....

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri, posate  ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

AMBIENTE: DA VINCOLO A RISORSA Stampa E-mail
(ma.mar. 30/12) - L’Assessore Provinciale alla Tutela e Valorizzazione Ambientale, Renzo Penna (foto), interviene sul rapporto sempre più stretto tra  sviluppo e tutela ambientale, cogliendo l’occasione per stilare un bilancio sulla politica ambientale della Provincia alessandrina nell’anno che si sta concludendo, con alcuni accenni ai progetti che verranno sviluppati nei prossimi mesi.
“L’anno che sta finendo è stato, per le politiche ambientali della Provincia, particolarmente impegnativo, ricco di iniziative e di nuovi propositi.
La nona edizione di “Ecomondo” dello scorso ottobre - la Fiera di Rimini dedicata all’ambiente e allo sviluppo sostenibile - ha reso, ad esempio, evidente, per la numerosa e composita presenza di società ed imprese, come la questione ambientale abbia ormai assunto una rilevanza economica e sia capace di coinvolgere, non solo larghi settori dell’opinione pubblica ma alimentare, anche nel nostro Paese, un diffuso e dinamico settore economico con otre quattrocentomila occupati. La qualità ambientale sta così divenendo un requisito di importanza crescente per la credibilità e l’immagine di una azienda, o di un territorio, mentre i prodotti che offrono garanzie di qualità ambientale sono in grado di meglio fronteggiare la concorrenza dei Paesi che producono con costi inferiori; conquistando un numero crescente di consumatori attenti più agli aspetti qualitativi del vivere che ad un aumento quantitativo dei consumi. ! E’ questa nuova sensibilità ambientale dei cittadini che ha sancito il successo, superiore alle nostre più rosee previsioni, di “In festa con l’ambiente”, l’iniziativa - promossa dalla Provincia con Pro-Loco e Soms - volta a favorire la raccolta differenziata e l’utilizzo dei materiali biodegradabili nelle sagre enogastronomiche.
Considerare l’ambiente non un vincolo, ma una potenzialità e una risorsa sta diventando un elemento decisivo della competitività sia nella creazione di nuovi prodotti e nuovi servizi, che per l’accesso a nuovi mercati. Nel contempo, adottando criteri e comportamenti improntati alla sostenibilità e puntando su un elevato livello ambientale con le certificazioni ambientali e i marchi europei di qualità, si riducono i consumi di energia, le quantità dei rifiuti, si riciclano e riutilizzano le materie prime, sempre più care, e si contengono le emissioni inquinanti. In questo contesto l’applicazione del Protocollo d! i Kyoto, con la prevista riduzione delle emissioni di CO2, puþ F2 diven tare una opportunità per l’aumento della efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili; visto il consistente e, probabilmente, duraturo aumento del prezzo del petrolio e la sua futura limitata disponibilità. La promozione dell’efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili dovranno costituire le basi fondamentali del primo Piano Energetico che siamo impegnati a realizzare nel prossimo anno, coinvolgendo, nella fase di preparazione, in particolare, le Associazioni che rappresentano le diverse attività produttive della provincia.  Così lo sviluppo, lo studio e la promozione dell’ecologia urbana, volta a ridurre il traffico nei centri delle città, accrescendone la vivibilità e aumentando la sicurezza per i cittadini - come ci ha presentato in un recente convegno l’Associazione di Torino “La città possibile” - risulta essenziale per migliorare la stessa qualità dell’aria.  
Il considerare l’ambiente una riso! rsa e non un vincolo deve valere non solo per le imprese e i prodotti, ma, in primo luogo, per la gestione e l’utilizzo del territorio e, di conseguenza, per gli Amministratori e i responsabili degli Enti Locali. La qualità, la tutela e la valorizzazione del territorio e dell’ambiente rappresentano già oggi gli elementi indispensabili per promuovere il turismo, l’agro-alimentare, le produzioni agricole biologiche certificate, l’agriturismo e l’enogastronomia. In questa direzione si muove l’Accordo di Programma che abbiamo siglato a luglio con i Comuni e i Parchi per la realizzazione del corridoio ecologico dell’Orba situato tra due significativi siti di interesse Comunitario: il parco di Capanne di Marcarolo e la parte alessandrina del Parco del Po. Analogamente si configura l’intesa più recente che riguarda il corso del Belbo e coinvolge, in un programma di manutenzione e prevenzione, tre province (Cuneo, Asti e Alessandria), la Regione Piemonte e lþ 2Autorità di bacino del Po, o, in prospettiva, quello che po! trà in teressare il territorio attraversato dall’Erro nell’acquese e, ancora, a ridosso della città di Alessandria, i percorsi del Tanaro e della Bormida e la zona della loro confluenza.
Perchè tutto questo risulti produttivo ed efficace occorre, però si affermi nei partiti e tra chi amministra la “cosa pubblica” una maggiore consapevolezza nel comprendere che è del tutto perdente il riproporre le semplicistiche ricette sullo “sviluppismo” e la crescita qualunque e a qualsiasi costo. Per “vincere” con l’ambiente, superare il timore per i supposti vincoli e saper coniugare, insieme, sostenibilità e competitività sono altresì necessarie nuove conoscenze e competenze, occorre investire in formazione e ricerca e, soprattutto, conseguire in questo campo una nuova e solida consapevolezza culturale”.

fonte www.agenfax.it

Commenta la notizia su www.quibioblog.net

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl