Comunicato LAV. MANOVRA "SALVA ITALIA": TASSARE LE PELLICCE! LAV: PER TUTTI I PRODOTTI CONTENENTI PELLICCIA ANIMALE TASSA DEL LUSSO E DELLA RESPONSABILITA' SOCIALE PARI AL 46%. LA PELLICCIA NON E' UN PRODOTTO ETICO, ECOLOGICO, RESPONSABILE E SOSTENIBI

Allegati

09/dic/2011 15.49.43 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

pellicce_2011.jpg

 

 

 

Comunicato stampa LAV 9 dicembre 2011

 

MANOVRA “SALVA ITALIA”: TASSARE LE PELLICCE!

LAV: PER TUTTI I PRODOTTI CONTENENTI PELLICCIA ANIMALE TASSA DEL LUSSO E DELLA RESPONSABILITA’ SOCIALE PARI AL 46%. LA PELLICCIA NON E’ UN PRODOTTO ETICO, ECOLOGICO, RESPONSABILE E SOSTENIBILE

IL 10 E 11 DICEMBRE IN CENTINAIA DI PIAZZE D’ITALIA PETIZIONE LAV PER OTTENERE UNA LEGGE ANTIPELLICCE (www.nonlosapevo.com)

 

“La pelliccia animale non è un prodotto etico, ecologico, responsabile e tantomeno sostenibile. E’ un lusso in tutti i sensi. L’immediata applicazione di un’IVA doppia per tutti i prodotti contenenti pelliccia animale - in una società che dovrebbe vietarne produzione e commercio - sarebbe quantomeno funzionale a promuovere e orientare lo sviluppo di attività economiche e di consumi alternativi a quelli che vertono sull’utilizzo di esseri senzienti e, allo stesso tempo, a contribuire a risanare le casse dello Stato”, dichiara Simone Pavesi, responsabile LAV Campagne Pellicce.

 

La proposta della LAV di una Iva doppia del lusso (46%) sulle pellicce  preannuncia la mobilitazione nazionale antipellicce di domani e domenica 11 dicembre: in centinaia di piazze d’Italia (lista piazze: http://www.lav.it/index.php?id=1432) l’Associazione animalista inizierà la raccolta di firme per ottenere una legge nazionale che vieti l’allevamento, la cattura e l’uccisione di animali per la produzione di pellicce, una drammatica realtà che in Italia interessa ancora circa 200.000 animali tra visoni e cincillà condannati a morte negli allevamenti presenti in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Abruzzo. “In Italia l’uccisione di animali senza necessità è un reato, ai sensi dell’art.544-bis del codice penale; ciononostante migliaia di animali ‘da pelliccia’ sono uccisi senza necessità: una contraddizione inaccettabile che richiede opportuni provvedimenti da parte del Parlamento”, afferma Simone Pavesi.

 

Nel 2010 il consumo di prodotti in pelliccia (capi interamente in pelliccia, accessori in pelliccia e capi misti in pelliccia/altro materiale) è stato pari a 1.365 milioni di euro, al netto di esportazioni e importazioni. Ciò significa che se fosse stata applicata al consumatore finale una tassa del 46% (il doppio dell’IVA dei beni di lusso) per ogni capo in pelliccia, lo Stato avrebbe incassato 627,9 milioni di euro.

 

La pelliccia animale è un bene superfluo e crudele perché condanna a morte milioni di animali, un tempo rappresentativo del mondo del lusso, ma oggi veicolata anche nella fascia di mercato medio-bassa sottoforma di inserti (soprattutto di specie meno “pregiate” come il coniglio o il procione); non è più quindi un prodotto esclusivo degli specialisti di pellicceria, ma è commercializzato anche nelle grande distribuzione. Ciononostante il settore della pellicceria costituisce solamente il 2,8% del consumo di abbigliamento in Italia, a dimostrazione di quanto poco necessario sia questo settore del mercato.

 

Le quote di mercato dei diversi prodotti in pelliccia - nel 2010 pelliccia corta (57%), pelliccia lunga (18%), accessori (11%), inserti (8%), stole e poncho (6%) -  attestano che i capi più venduti sono quelli con un basso consumo di pellicce. A conferma che la pelliccia animale ha solo una “funzione” ornamentale, e che non vi è alcuna necessità oggettiva ad acquistarla e indossarla.

 

Oltre alle questioni pratiche circa l’utilità del prodotto “pelliccia animale”, si aggiungono anche altre considerazioni di carattere etico, scientifico e ambientale.

L’83% degli italiani si è dichiarato contrario all’uccisione degli animali per farne pellicce, secondo il “Rapporto Italia 2011” di Eurispes, a riconferma di un sentimento negativo della popolazione verso questa forma di sfruttamento degli animali.

Il  Comitato Scientifico per la Salute e il Benessere Animale della Commissione Europea, già nel 2001 giudicò i  metodi di allevamento di animali da pelliccia, come “gravemente lesivi del benessere animale”.

 

Anche le catture di animali in natura per farne pellicce causano inutili e atroci sofferenze: gli animali agonizzano per giorni prima che sopraggiunga la morte per mano del trappolatore, una morte spesso cruenta perché il tutto avviene al di fuori di ogni controllo e vigilanza del rispetto delle norme che, seppur inefficaci a tutelare il benessere animale, quantomeno dovrebbero porre dei limiti alla sofferenza.

 

La pelliccia è sofferenza anche per l’ambiente. La produzione di 1kg di pelliccia di visone causa un impatto ambientale maggiore della produzione di 1 kg di prodotto alternativo, come il cotone, il poliestere, l’acrilico: lo documenta lo studio “The environmental impact of mink fur production” .

Il benessere animale, l’impatto ambientale e i valori sociali sono importanti implicazioni della filiera di produzione delle pellicce che sempre più fashion companies prendono in considerazione nell’ambito delle proprie politiche di Responsabilità Sociale d’Impresa, arrivando ad adottare una scelta fur-free. L’elenco dei brand fur-free è disponibile sul nuovo sito LAV www.nonlosapevo.com

 

Approfondimenti:

°         Nuova campagna LAV: www.nonlosapevo.com

°          

°         Impatto delle pellicce sul benessere animale

Rapporto “The welfare of animals kept for fur production” (Commissione UE, 2001): http://ec.europa.eu/food/animal/welfare/international/out67_en.pdf

 

°         Impatto delle pellicce sull’ambiente

Rapporto “The environmental impact of mink fur production” (LAV, 2011): http://www.lav.it/index.php?id=1728

 

Disponibili VIDEO, FOTO, SPOT RADIO

 

9 dicembre 2011

Ufficio Stampa LAV Sede nazionale tel. 06 4461325 – 339 1742586 – 329 039 8535 - 320 6770285- www.lav.it

 

 

Gallery fotografica:

visone_morde gabbia.jpg   Visone morde la gabbia (Network Animal Freedom)

 

 

+ 3850380716_e051fc4484_o.jpgAllevamento di visoni (Network Animal Freedom)

 

 

è 3365582811_dfc4a5d2ed_o.jpg  Allevamento di volpi (Network Animal Freedom)

 

 

 

 

Maria Falvo
Responsabile Ufficio Stampa LAV
Cell. +39 339 1742586
E-mail: ufficiostampa@lav.it
LAVONLUS_72dpi
LAV Sede Nazionale
Viale Regina Margherita 177 - 00198 Roma
Tel. +39 06 4461325
Fax +39 06 4461326
web :
www.lav.it

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6696 (20111209) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it


__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6697 (20111209) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6697 (20111209) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl