Comunicato LAV. Incastrato dal Dna dei lupi che uccideva, la Corte d'appello conferma la condanna. LAV: caccia e bracconaggio responsabili ogni anno dell'uccisione di milioni di animali

Allegati

25/gen/2012 14.18.05 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV 25 gennaio 2012

 

Incastrato dal Dna dei lupi che uccideva, la Corte d'appello conferma la condanna

LAV: caccia e bracconaggio responsabili ogni anno dell’uccisione di milioni di animali

 

Il 24 gennaio la corte di appello di Genova ha confermato la condanna a sette mesi nei confronti di Mauro Gatto, di Borzonasca (Genova), per reati connessi alla omessa custodia di armi e munizioni, per l’uso di mezzi non consentiti per la caccia, per aver cacciato in periodo vietato e per aver ucciso due lupi appenninici, specie particolarmente protetta dalle norme nazionali.

 

Esprimiamo grande soddisfazione per la sentenza che ribadisce le gravissime responsabilità dell’imputato - commenta Massimo Vitturi, responsabile del settore Caccia e fauna selvatica della LAV - Dopo la sentenza di appello, che ha confermato ogni riga di quella di primo grado, chiediamo alla Questura di Genova di intervenire con urgenza per revocare definitivamente la licenza del cacciatore Mauro Gatto. Una richiesta di buon senso che ci aspettiamo sia subito sottoscritta anche dalle associazioni venatorie”.

 

La LAV infatti, in primo grado, aveva richiesto la condanna dell’imputato anche per il reato di “furto venatorio”, in quanto l’uccisione dei due meravigliosi esemplari di lupo al di fuori della legge sulla caccia ha di fatto determinato l’impoverimento del patrimonio faunistico a danno di tutti i cittadini italiani: l’esibizione, però, da parte dell’imputato, di una regolare licenza di caccia, ne ha reso di fatto impossibile l’incriminazione per tale reato.

 

E’ stata una sorpresa scoprire che il bracconiere fosse in realtà un cacciatore in regola con le norme – prosegue Vitturiun’evidenza che conferma quanto il confine tra caccia e bracconaggio sia di fatto solamente virtuale. I cacciatori, spesso sedicenti ambientalisti, non perdono occasione per sottolineare tutta la loro contrarietà al bracconaggio, salvo poi, come in questo caso, scoprire che il mondo venatorio è pieno di dr. Jekyll e mr. Hyde: cacciatori in regola di giorno e bracconieri di notte”.

 

La sentenza di primo grado, inoltre, ricorda la LAV, ebbe un grandissimo risalto per un particolare che fece scuola: il bracconiere infatti fu incastrato da una collana di denti di lupo sulla quale l'Ispra effettuò l'esame del Dna. Un caso unico, che accertò che i denti appartenevano a ben sei individui diversi, sia maschi che femmine. Solo due denti però portarono  ad identità precise: quelle di due lupi uccisi proprio a Borzonasca nel 2007, il cui codice genetico era stato prelevato e conservato dagli studiosi.

 

25 gennaio 2012

 

Ufficio stampa LAV 06-4461325 – 339 1742586 www.lav.it

 


LAVONLUS_72dpi
LAV Sede Nazionale
Viale Regina Margherita 177 - 00198 Roma
Tel. +39 06 4461325
Fax +39 06 4461326
web :
www.lav.it

 



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6825 (20120125) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it



__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle firme digitali 6825 (20120125) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl