Il mercato delle Bioplastiche alla conquista del 10% del mercato...

08/feb/2006 03.17.02 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Visita Quibio.it  l'  usa e getta che rispetta l'ambiente - Bio-plastica, raccolta differenziata, usa e getta, materbi, pla.....

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri, posate  ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Futuro rosa per le bioplastiche
Ma occorrono investimenti per creare le capacità produttive necessarie.

IBAW, l'associazione europea dei produttori di polimeri biodegradabili, ha stimato che per le bioplastiche il mercato potenziale europeo si aggira intorno a 4 milioni di tonnellate, vale a dire il 10% dei consumi continentali di materie plastiche.

Per attivare tutte le potenzialità sono però necessari investimenti nell'ordine dei miliardi di euro al fine di creare una capacità produttiva adeguata alla domanda, in particolare impianti di grandi dimensioni.  Investimenti che richiedono interventi normativi in grado di sostenere la crescita della domanda e dell'offerta, così come oggi avviene per il settore dell'energie rinnovabili.

Una prima misura positiva per il settore è l'esenzione delle bioplastiche dal pagamento dei contributi per i rifiuti di imballaggio decisa in Germania il maggio scorso.

Le opportunità pe! r i materiali biodegradabili derivano da numerosi fattori: il forte aumento dei costi delle plastiche tradizionali in questi ultimi anni, che hanno ridotto il gap di prezzo con i polimeri di origine naturale; il miglioramento di caratteristiche e prestazioni in alcuni settori chiave come il packaging; la crescente attenzione dell'opinione pubblica all'aspetto ambientale e all'impatto sul clima dell'uso di materie prime di origine fossile.

L'associazione segnala che nel 2005 i costi dello zucchero e dell'amido, materie prime per la produzione di bioplastiche, sono stati inferiori a quelli delle materie prime di origine petrolchimica.

In questi anni è anche cresciuto il numero dei produttori di plastiche di origine naturale e ciò ha innescato una maggiore concorrenza che porterà ad ulteriori diminuzioni nei costi di produzione.



Data: 07 febbraio 2006 @ 08:17:11 CET
Argomento: Economia e mercati

fonte www.polimerica.it/

Altre notizie su www.quibioblog.net

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl