29 febbraio. L'elettromagnetismo distruggerà il mond o che conosciamo, e la prova è nel codice del nostro telefonino

14/feb/2012 12.32.49 Franco Zerbi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

29 febbraio. L’elettromagnetismo distruggerà il mondo che conosciamo, e la prova è nel codice del nostro telefonino

 

I Maya si sbagliavano, ma forse dietro l’angolo, c’è qualcosa di peggio. Tra le istruzioni dei moderni smartphone un chiave per analizzare da casa l’insolito fenomeno che potrebbe causare gravi danni alla società moderna

 

* 3001 # 12345 # * scrivete questo nel telefono e se è in corso una tempesta solare il vostro telefono sarà il primo a dirvi se sarà in corso la fine del mondo.

La profezia Maya è ormai conosciuta da tutti:il 21 dicembre del 2012, secondo il calendario Maya,il 5° ciclo (b'ak'tun) e il mondo come noi lo conosciamo finirà. Ed qui che le teorie divergono molto,i seguaci della New Age credono nell’avvento dell’era dell’Acquario,i catastrofisti (sempre di moda nei tempi di crisi) attendono la distruzione del globo terracqueo in un cataclisma cosmico non ben identificato,molte sette hanno già preparato le carte d’imbarco per un viaggio spaziale su astronavi aliene, gli ottimisti e i cinici sperano soltanto di vedere l’alba del 22 dicembre.

Ma queste sono soltanto speranze,la realtà sembra peggiore ed è estremamente probabile.

E la Scienza con la esse maiuscola a dirlo, la fine del mondo o più facilmente la fine della specie umana,sarà a causa del campo magnetico terrestre.

Ai più conosciuto per essere la causa del funzionamento della bussola, il campo magnetico terrestre ha una funzione ben più nobile per la salvaguardia della vita sul nostro pianeta:devia e protegge la superficie della Terra da i nefasti effetti del vento solare. Vento che, essendo carico di particelle ricche di energia, renderebbe la vita in superficie praticamente impossibile.

Terremoti,tsumami,black-out e tempeste magnetiche sempre più frequenti confermerebbero non un timore ma una certezza ma quello che ancora peggio è che il decadimento del campo magnetico terrestre lo possiamo verificare anche a casa nostra e in ufficio.
Ovviamente il campo magnetico terrestre influenza anche le nostre piccole “devices” e nel
  momento di vento solare è proprio il campo misurato dal telefono a darci una prova della sua intensità. “Ogni volta che cambiamo gestore sul nostro smartphone il telefono diventa per alcuni secondi un perfetto misuratore di intensità megnetica” spiega John Murphy  della Università del DAB . Ovviamente ogni modello ha caratteristiche diverse ma nel momento del Roaming in caso di tempesta solare il telefono per alcuni attimi sarà sovraccaricato di energia e tenderà a non connettersi alla cella di appartenenza. Il risultato? Per qualche minuto il vostro telefono sarà sconnesso anche se il campo (in teoria) sarà perfettamente coperto”e con iphone digitando il codice * 3001 # 12345 # * potrete vedere l’intensità di campo. “Valori normali sono circa 50-60” dice Murphy “leggere tempeste magnetiche spostano l’ago attorno a 60/70. Dopo i 90 sarà in corso un evento grave che se prolungato di certo avrà ripercussioni sul nostro stile di vita. Troppo complesso? Forse ma se non vi volete scoraggiare subito potrete trovare nel crashlog anche la dicitura esatta: “roaming292.magn.failure!”
Negli ultimi mesi la segnalazione di questo crash log è aumentata e pare che questo indicatore sia davvero usato da NASA e NOAA come indicatore sostanziale delle intensità magnetica solare.

Quindi i Maya avevano ragione?
No,avevano sbagliato mese e giorno.
Gli studi condotti nel XX secolo sul magnetismo terrestre hanno permesso di calcolare che nell’ultimo secolo il campo magnetico della Terra si è ridotto del 20%. Recentemente gli scienziati americani G. Glatzmaier e T.W. Roberts hanno affermato che l’indebolimento del campo magnetico terrestre è “pericolosamente veloce, negli ultimi decenni si è indebolito come negli scorsi 150 milioni di anni, una velocità esponenziale”.

Secondo un documento catalogato Top Secret ,il U.S. Geological Survey, il giorno in cui il campo magnetico terrestre sarà al minimo nelle più recenti ere geologiche sarà il 29 Febbraio 2012.

Inquietante la contemporaneità con il giorno aggiunto a Febbraio negli anni bisestili,da sempre sinonimo di eventi nefasti.

Che sia l’ultimo 29 febbraio? Chiunque abbia delle informazioni su questi eventi faccia un tweet con hashtag #Last29 che speriamo diventi il punto di partenza per una sensibilizzazione comune.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl