com. stampa: NUOVA BUFERA SUI CERTIFICATI VERD APER BOCCIA L'IPOTESI DI DILAZIONE NEI PAGAMENTI DELL'INCENTIVO

Allegati

06/apr/2012 11.22.42 APER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Descrizione: R:\Comunicazione\Immagine_coordinata\Loghi\APER\Aper_ logo_ld_jpg.jpg

 

NUOVA BUFERA SUI CERTIFICATI VERDI: APER BOCCIA L’IPOTESI DI DILAZIONE NEI PAGAMENTI DELL’INCENTIVO.

 

Milano, 6 aprile 2012 – E’ di poche ore fa la notizia dell’inserimento nella bozza del “decreto elettrico”  di una nuova norma che disciplina il riacquisto da parte del GSE dei CV 2011 e che prevede una dilazione di sei mesi nel pagamento dei certificati verdi sulla produzione già effettuata. Una norma che se confermata metterebbe in ginocchio le aziende: APER ne chiede pertanto l’immediato ritiro.

«Potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso e mette definitivamente e inesorabilmente in crisi l’intero comparto delle rinnovabili » afferma il Presidente di APER, Agostino Re Rebaudengo.

Il posticipo del pagamento dei certificati verdi, contenuto in una piccola norma presente tra le pieghe delle bozze del decreto – ufficiosamente in circolazione -  prevede in pratica il pagamento dei CV relativi alla produzione 2011 a dicembre 2012 e non, come di consueto, dopo sei mesi e quindi al 30 giugno 2012.  «Un rinvio questo – commenta il Presidente di APER - che non solo metterebbe in crisi di liquidità le aziende, ma renderebbe impossibili i pagamenti di mutui e rate bancarie. Assistiamo ancora una volta quindi all'ennesimo dispositivo retroattivo che cambia le regole del gioco in corsa, oltretutto in un momento di enorme difficoltà dell’accesso al credito bancario, a danno di aziende che hanno messo a punto le proprie attività con precisi business plan economico-finanziari, mettendone a rischio l'esistenza stessa».

APER chiede pertanto con fermezza che tale ipotesi normativa venga stralciata dalla bozza del “decreto elettrico”  e che venga confermato anche per quest’anno che il pagamento dei certificati verdi sulle produzioni del 2011 da parte del GSE avvenga entro la naturale scadenza temporale del 30 giugno 2012.

 

 

Fondata nel 1987, APER (Associazione Produttori Energia da fonti Rinnovabili) riunisce e rappresenta i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili per tutelarne i diritti e promuoverne gli interessi a livello nazionale ed internazionale. E’ la prima associazione italiana in quanto a rappresentatività e una delle maggiori a livello europeo per numero di associati e potenza installata. Attualmente conta oltre 480 iscritti, più di 1.150 impianti per un totale di oltre di 8.000 MW di potenza elettrica installata che utilizza il soffio del vento, la forza dell’acqua, i raggi del sole e la vitalità della natura per produrre circa 25 miliardi di kWh all’anno a cui corrisponde una riduzione di emissioni di Co2 di oltre 18 milioni di tonnellate annue.

 

Per ulteriori informazioni

 

Ufficio Stampa APER
Claudia Abelli – Sergio Ferraris

Via Pergolesi, 27 - 20124 Milano
T +39 02 / 6692 673 
F +39 02 / 6749 0140
M +39 349 / 1815 891
ufficiostampa@aper.it | www.aper.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl