Le buone pratiche di sostenibiltà dei piccoli comuni: da Castelli di Pace a Terra Futura...

Più di sessanta piccoli comuni riuniti per raccontare esperienze di fonti rinnovabili, parchi Fossil free, produzione di calore da biomasse, per discutere come in tutta Italia siano tanti i Piccoli Comuni che lavorano per promuovere la sostenibilità come pratica locale per una cultura di pace.

29/mar/2006 09.28.49 Quibio.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Quibio.it l' usa e getta che rispetta l'ambiente - Il primo negozio on line di vendita di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Visita Quibio.it  l'  usa e getta che rispetta l'ambiente - Bio-plastica, raccolta differenziata, usa e getta, materbi, pla.....

Il primo e-commerce di prodotti usa e getta Bio eco-compatibili come piatti, bicchieri, posate  ecc... rigorosamente biodegradabili e compostabili al 100%.

Da Castelli di Pace a Terra Futura la Rete nazionale dei Piccoli Comuni racconta le buone pratiche di sostenibilità

Più di sessanta piccoli comuni parteciperanno al II workshop nazionale il 1 aprile alla mostra-convegno alla Fortezza da Basso

 

Non ha nemmeno un anno di vita,  ma ha già tante cose da raccontare la Rete nazionale dei Piccoli Comuni per le Pace e la Sostenibilità, che si è data appuntamento per sabato 1 aprile dalle 14,30 alle 18,30 a Terra Futura, la mostra- convegno sulle buone pratiche in programma a Firenze- Fortezza da Basso, per il secondo workshop nazionale “La sostenibilità come pratica locale per una cultura di pace: a un anno da Kyoto, il contributo dei Piccoli Comuni”. Più di sessanta piccoli comuni riuniti per raccontare esperienze di fonti rinnovabili, parchi Fossil free, produzione di calore da biomasse, per discutere come in tutta Italia siano tanti i Piccoli Comuni che lavorano per promuovere la sostenibilità come pratica locale per una cultura di pace.

 

La rete si è formata la scorsa estate durante il Festival di Legambiente Castelli di Pace, svolto nello splendido scenario dei castelli della Lunigiana, firmando in quell’occasione la “Carta delle buone pratiche di Pace e Sostenibilità”, ed oggi  torna a riunirsi per raccontare le esperienze e mettere a confronto i progressi nel segno di una liberazione dalla schiavitù dal petrolio. Da Monte San Vito in Provincia di Ancona, a Fabbriche di Vallico in Provincia di Lucca, da Belluno con l’esperienza del Parco delle Dolomiti, ai comuni della Lunigiana, da Colorno in Provincia di Parma, alle istituzioni della Provincia di Massa-Carrara! , sono solo alcuni degli interventi di sabato prossimo.

 

A fare gli onori di casa l’assessore all’ambiente della regione Toscana Martino Artusa e il direttivo nazionale di Legambiente che promuove l’incontro insieme a PiccolaGrandeItalia, con il contributo di Eligent. Parteciperanno: Francesco Ferrante, Direttore Generale Legambiente, Massimo! Serafini, Segreteria Nazionale Legambiente, Maurizio Gubbiotti, Segreteria Nazionale Legambiente e Angelo Gentili, Centro Nazionale per le Rinnovabili Legambiente.

 

  “Questo è il secondo appuntamento di lavoro della Rete nazionale dei Piccoli Comuni per la Pace e la Sostenibilità - dichiara Matteo Tollini della Segreteria Regionale di Legambiente Toscana - avviata l’anno scorso il Lunigiana in occasione di Castelli di Pace. L’obiettivo è quello di estendere e cementare la Rete dei Piccoli Comuni che si vogliono impegnare attraverso progetti concreti e praticabili per fornire un contributo locale agli obiettivi di sostenibilità globale fissati dal Protocollo di Kyoto.”

 fonte www.castellidipace.it

 

Altre notizie su www.quibioblog.net

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl