Comunicato LAV Milano. Milano Horse Show, LA LAV: MANIFESTAZIONE LONTANA DAI REALI INTERESSI DEI CITTADINI, FINALIZZATA SOLO AL DISCUTIBILE RILANCIO DELL'IPPICA

Milano Horse Show, LA LAV: MANIFESTAZIONE LONTANA DAI REALI INTERESSI DEI CITTADINI, FINALIZZATA SOLO AL DISCUTIBILE RILANCIO DELL'IPPICA.

Persone Milanesi
Luoghi Milano, Lombardia, provincia di Milano
Organizzazioni Associazione Briglie Sciolte, Carabinieri, LAV
Argomenti zoologia, equitazione, sport, ippica

05/giu/2012 14.49.50 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV

Sede Territoriale Intercomunale di Milano


Milano Horse Show, LA LAV:
MANIFESTAZIONE LONTANA DAI REALI INTERESSI DEI CITTADINI, FINALIZZATA SOLO AL DISCUTIBILE RILANCIO DELL'IPPICA

La LAV di Milano manifesta forte dissenso nel constatare che, anche quest’anno, l’Ippodromo di San Siro aprirà i battenti al Gran Premio di Milano, nota corsa nel calendario del galoppo, a cornice del quale è stato appositamente ideato (dall’8 al 10 giugno) il MILANO HORSE SHOW. L'Associazione animalista invita i cittadini, tutti coloro che amano e rispettano gli animali, a disertare la manifestazione.

Organizzata dall’Associazione Briglie Sciolte, l'imponente manifestazione vorrebbe essere “un grande momento di incontro dei Milanesi con l’Ippodromo di San Siro”, un tempo una delle strutture ippiche più prestigiose a livello europeo, oggi non immune dalla pesante crisi che da alcuni anni investe il settore.

                    Al via pertanto, coronato dal patrocinio della Provincia di Milano e della Regione Lombardia, lo sfarzoso evento che intende riportare la città in Ippodromo…

Le tre giornate avranno inizio venerdì con trenta carrozze d’epoca che nel pomeriggio intaseranno il centro di Milano, per raggiungere San Siro.

Alle corse si affiancheranno dimostrazioni equestri di ogni sorta, per una “grande festa del cavallo”, "ma di cui i cavalli farebbero volentieri a meno", afferma la LAV di Milano: ecco dunque la sfilata dei Purosangue Arabi, le esibizioni dei Cavalli Spagnoli e quelle dei Quarter Horse, la parata dei Carabinieri a Cavallo e dei cavalieri delle Giacche Verdi, per finire con un’asta di purosangue con soggetti di rilevante genealogia, e persino un’esibizione di un’artista equestre internazionale, Zebrablond, unica al mondo a cavalcare una zebra senza redini né sella.

"L’apoteosi della mercificazione del cavallo, passando ipocritamente attraverso le dimostrazioni di “doma dolce”, per un rapporto con il cavallo che non sia esplicitamente violento, ma più collaborativo e performante - prosegue la LAV di Milano - E anche se l’organizzazione devolverà nobilmente una piccola parte del biglietto d’ingresso ad alcune associazioni con scopi umanitari, salta all’occhio che in tale contesto nessuna parola viene rivolta alla tutela degli equidi, al loro benessere, a un piano razionale di riconversione del settore che metta veramente in salvo i suoi cavalli e o suoi lavoratori."

MHS è un "controsenso" per una città che ha già dimostrato, abbandonando l’ippodromo e le scommesse, come del resto il 97% degli italiani, che questo tipo di eventi sono molto lontani dalle preoccupazioni reali dei cittadini. "Si tratta di una manifestazione che nulla insegna e nulla restituisce ai cittadini Milanesi e alla Nazione, ma che coinvolge ed esalta soltanto coloro che hanno il loro personale interesse nel rilancio dell’ippica", prosegue la LAV di Milano.

Tutti i giorni nel ponodromo si terranno, inoltre, esibizioni e pony games, e il battesimo della sella per tutti i bambini a partire dai 4 anni. Nell'evento è stato inserito anche uno spazio dedicato ai più piccoli, probabilmente per invogliare ed attrarre una platea più ampia di spettatori.

"Presentare al giovane pubblico piccoli cavalli che si esibiscono al solo fine di divertire è assolutamente diseducativo, oltre che noncurante del benessere degli stessi animali - conclude la LAV di Milano - Il giusto approccio con gli equidi non può che avvenire nel contesto naturale e nel rispetto delle esigenze etologiche di tali animali, ovvero al pascolo, luogo dove i cavalli trascorrerebbero la maggior parte del tempo se fossero lasciati liberi di scegliere, e non di certo al centro di una pista cittadina."

LAV è costantemente impegnata nel promuovere nelle scuole l'educazione dei bambini e dei ragazzi ad una diversa interazione con gli animali, basata sul presupposto che essi sono esseri sensibili, con specifici bisogni ed emozioni, e non oggetti.

5 giugno 2012

Sede Territoriale Intercomunale di Milano

Tel. 3276333693

lav.milano@lav.it

www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl