Comunicato stampa. TRASPORTI ANIMALI, CAMPAGNA 8HOURS: CONSEGNATE 1.103.248 FIRME AL COMMISSARIO JOHN DALLI, PER PORRE FINE AI TRASPORTI SU LUNGA DISTANZA DEGLI ANIMALI DESTINATI ALLA MACELLAZIONE ALL'INTERNO DELL'UE. IL COMMISSARIO : "IL MESSAGGIO...

Allegati

07/giu/2012 15.46.20 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

8hours_low-res_3cLAV ONLUS

 

 

TRASPORTI ANIMALI, CAMPAGNA 8HOURS: CONSEGNATE 1.103.248 FIRME AL COMMISSARIO JOHN DALLI, PER PORRE FINE AI TRASPORTI SU LUNGA DISTANZA DEGLI ANIMALI DESTINATI ALLA MACELLAZIONE  ALL'INTERNO DELL'UE

 

IL COMMISSARIO : “IL MESSAGGIO DEI CITTADINI E’CHIARO E NON POSSIAMO IGNORARLO, LA NORMATIVA SUI TRASPORTI DEVE ESSERE RIVISTA”

 

Sono più di 1.100.000 i cittadini che hanno firmato la petizione 8HOURS, per chiedere il limite di otto ore per i viaggi degli animali destinati alla macellazione: le firme sono state consegnate stamattina al Commissario UE John Dalli, a margine della riunione con un numero ristretto di parlamentari europei e rappresentanti di ONG e alla presenza di un più ampio gruppo di sostenitori, tra cui membri del Parlamento Europeo e leader di organizzazioni europee per il benessere degli animali.

 

Oltre un milione di cittadini chiedono alle istituzioni europee di agire contro il problema più serio relativo al trasporto degli animali: la lunghezza del viaggio. L'applicazione delle norme esistenti, infatti, non è sufficiente se i viaggi a lunga percorrenza non saranno limitati.

 

Il commissario Dalli, nel corso della mattinata, ha confermato che il Regolamento 1/2005 non basta a garantire un livello accettabile di benessere degli animali durante i trasporti, ed ha annunciato che la Commissione Europea proporrà una revisione della normativa comunitaria che includerà una riduzione dei tempi di trasporto.

 

Nonostante la petizione 8HOURS non sia un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ECI – European Citizens’ Initiative), perché non sarebbe stato giuridicamente possibile lanciarla prima del 1° aprile 2012, ha raccolto il sostegno di un maggior numero di cittadini di quanto richiesto dall’ECI stessa, una circostanza che la Commissione non può ignorare, perché minerebbe la credibilità di strumenti democratici dell'Unione Europea come, appunto, l’ECI. Lo stesso commissario, d’altro canto, ha ammesso che l’appello dei cittadini europei è chiaro, e la Commissione saprà rispondere.

 

Oltre 130 membri del Parlamento europeo (MEP) hanno espresso il loro sostegno alla campagna 8HOURS, lanciata congiuntamente da Animals 'Angels - organizzazione internazionale che ha documentato centinaia di casi di gravi sofferenze subite dagli animali trasportati su lunghe distanze - e dal deputato danese Dan Jørgensen, e più di 100 organizzazioni di tutta Europa stanno sostenendo questa campagna, tra cui la LAV in Italia.

 

Il 15 marzo 2012 il Parlamento Europeo ha adottato la Dichiarazione Scritta 49/2011, che “'invita la Commissione e il Consiglio a rivedere il Regolamento 1/2005 per stabilire un massimo di 8 ore il limite per i viaggi degli animali trasportati per fini di macellazione”.

 

"Più di un milione di cittadini e la maggior parte dei loro rappresentanti eletti in Europa hanno inviato un chiaro messaggio, che il presente regolamento è in gran parte inefficace e ha bisogno di revisione, soprattutto per stabilire una radicale riduzione dei tempi di trasporto - affermano Christa Blanke, fondatore e presidente di Animals 'Angels, e Roberto Bennati, vice presidente della LAV - Ogni ulteriore ritardo nella modifica del Regolamento 1/2005 costituirebbe una violazione dell'art. 13 del Trattato, che stabilisce: «l'Unione e gli Stati membri, dal momento che gli animali sono esseri senzienti, devono tenere pienamente conto delle esigenze di benessere degli animali, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri relative, in particolare, ai riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale », non solo gli interessi economici di pochi, contro il parere della maggioranza degli europei.  Siamo felici di sapere che anche il commissario Dalli condivide le nostre preoccupazioni, e offriamo il nostro supporto affinché la situazione possa cambiare il più rapidamente possibile”.


"I cittadini e membri del Parlamento europeo sono uniti nel chiedere una revisione urgente del regolamento di trasporto. Questa sta diventando una questione di democrazia, soprattutto quando le prime Iniziative dei Cittadini Europei (ECI) sono ‘in fase di lancio", ha detto il deputato danese Dan Jørgensen. "Se la voce di oltre 1.100.000 cittadini viene ignorata in modo così evidente, la Commissione e il Consiglio avranno la responsabilità di ampliare ancor più il divario tra i cittadini dell'UE e le istituzioni che dovrebbero operare per loro conto. Otto ore sono più che sufficienti per il trasporto di animali vivi, il regolamento deve cambiare! ".

 

“Il Governo italiano, con il Ministero della Salute, ora decida di sostenere la revisione del Reg.1/2005 in occasione dei prossimi Consigli dei Ministri in UE - conclude Roberto Bennati, vice presidente della LAV - Questo è quanto vogliono i cittadini italiani che hanno sostenuto la campagna 8HOURS, questo aiuterebbe a ridurre il trasporto, le sofferenze degli animali e l'inquinamento ambientale che il trasporto di animali vivi comporta".

 

7 giugno 2012

 

Ufficio Stampa LAV 06 4461325 - 339 174586 www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl