+++(sostituisce precedente) Comunicato LAV. UN CAVALLO DROGATO OGNI DUE GIORNI, 635 CORSE DI TROTTO E GALOPPO TRUCCATE IN QUATTRO ANNI. LA LAV DENUNCIA I RESPONSABILI, "ALTRO CHE RILANCIO DELL'IPPICA A SPESE DEI CITTADINI E DEGLI ANIMALI"

28/giu/2012 12.23.24 LAV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Questo comunicato LAV sostituisce il precedente dove il link al Pdf Unirelab (qui evidenziato in giallo) non funzionava

Ci scusiamo per l’inconveniente. Buon lavoro

 

Ufficio stampa LAV

 

 

Comunicato stampa LAV 28 giugno 2012

 

UN CAVALLO DROGATO OGNI DUE GIORNI, 635 CORSE DI TROTTO E GALOPPO TRUCCATE IN QUATTRO ANNI. LA LAV DENUNCIA I RESPONSABILI, “ALTRO CHE RILANCIO DELL’IPPICA A SPESE DEI CITTADINI E DEGLI ANIMALI”

o    Cavalli drogati, corse truccate. Un caso ogni due giorni, 635 in totale, fra l’agosto del 2007 all’agosto del 2011. Da Roma a Cesena, da Trieste a Napoli, da Siracusa a Firenze, da Taranto a Capalbio, da Montecatini ad Aversa non c’è ippodromo né corsa di trotto o galoppo che ne sia stata immune. Inquinati, fra gli altri, il Gran Premio d’Italia a Merano, il Gran Premio Regione Friuli Venezia Giulia a Trieste, così come il Bernardo Bertolucci a Follonica, il Sergio Brighenti di Bologna e il Touring Club Italiano a Pisa.
E’ inequivocabile il dato diffuso dal laboratorio ufficiale d’analisi Unirelab  (http://www.unirelab.it/upload/pubblicati_pos/Positivi_27_06_2012.pdf) che la LAV rilancia presentando una denuncia per la violazione del secondo comma dell’articolo 544 ter del Codice penale, maltrattamento attraverso sostanze stupefacenti o vietate, e dell’articolo 1 della Legge 401 del 1989 con sequestro preventivo dei cavalli coinvolti in base agli articoli 321 c.p.p. ed art 544 sexies primo comma.
Utilizzate decine e decine di sostanze dopanti dalla cocaina al fenilbutazone, dalla teobromina-caffeina al Naproxene.

Guarda la TABELLA dei casi positivi negli ippodromi italiani

Guarda la MAPPA DEL DOPING

Le sostanze più comunemente usate

“L’ippica è un sistema che non fa solo male agli animali da competizione per forza e non certo per scelta, e questi episodi non sono l’eccezione ma la regola delle corse – ha detto Gianluca Felicetti, presidente LAV – Altro che rilancio, questo settore che ha goduto fino a ieri di oltre 400 milioni pubblici di euro l’anno deve chiudere”. L’articolo 544 ter del Codice penale, secondo comma, stabilisce che “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. La pena è aumentata della metà se dai fatti di cui al primo comma deriva la morte dell'animale”.

A tale caso è applicabile anche l’articolo 1 della Legge 401 del 13 dicembre 1989 Interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestini e tutela della correttezza nello svolgimento di manifestazioni sportive: “Chiunque offre o promette denaro o altra utilità o vantaggio a taluno dei partecipanti ad una competizione sportiva organizzata dalle federazioni riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dall'Unione italiana per l'incremento delle razze equine (UNIRE) o da altri enti sportivi riconosciuti dallo Stato e dalle associazioni ad essi aderenti, al fine di raggiungere un risultato diverso da quello conseguente al corretto e leale svolgimento della competizione, ovvero compie altri atti fraudolenti volti al medesimo scopo, è punito con la reclusione da un mese ad un anno e con la multa da lire cinquecentomila a lire due milioni. Nei casi di lieve entità si applica la sola pena della multa”.

28 giugno 2012

Ufficio Stampa LAV tel. 06 4461325 - 339 1742586 www.lav.it  

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl