RE REBAUDENGO (APER): NUOVI DECRETI, SCELTA RECESSIVA PER IL PAESE

Allegati

09/lug/2012 12.47.33 APER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Descrizione: Descrizione: Descrizione: http://www.comunicati.net/allegati/105965/image002.jpg

 

 

RE REBAUDENGO (APER): NUOVI DECRETI, SCELTA RECESSIVA PER IL PAESE.

BLOCCO DELLO SVILUPPO DEL SETTORE, MANCANZA DI SEMPLIFICAZIONE, GRID PARITY DA GENERAZIONE DISTRIBUITA SEMPRE PIU’ LONTANA.

 

«Seppur con grave ritardo nella loro emanazione – commenta Agostino Re Rebaudengo, Presidente di APER - finalmente gli operatori possono conoscere i contenuti definitivi dei decreti che ridisegneranno il settore delle rinnovabili nel loro complesso, uscendo così da una situazione di totale incertezza che durava ormai da troppo tempo.

Ad una prima analisi, e riservandoci commenti approfonditi e puntuali in seguito, apprendiamo che, nonostante qualche lieve miglioramento, le numerose proposte sollecitate da Bruxelles, così come  le richieste esplicitamente avanzate sia dalla Conferenza Unificata sia da APER, non sono state accolte se non in minima parte.

 

Permangono infatti dei gravi elementi che ci preoccupano, a partire dall’assenza di un periodo transitorio adeguato a tutelare gli investimenti in corso fino alla mancata opportunità di sviluppo per le filiere produttive. Soprattutto rileviamo che non è stata prevista alcuna reale misura di semplificazione volta a ridurre gli “extra costi” subiti dal settore a causa della burocrazia, ma addirittura sono stati introdotti ulteriori meccanismi quali le aste, i contingenti annuali di potenza per i nuovi impianti e per i rifacimenti di quelli esistenti, l’introduzione dei registri anche per gli impianti di piccola taglia.

 

Nessun accenno infine a politiche di supporto per il raggiungimento della grid parity: stupisce che i provvedimenti non contemplino infatti la possibilità dell’innalzamento del limite dello scambio sul posto e l’implementazione dei SEU, che potrebbero al contrario rappresentare un nuovo paradigma di sviluppo per la generazione distribuita. Misure queste ultime che contrastano palesemente con gli obiettivi europei sia in tema di energie rinnovabili sia di efficienza energetica, e ancor di più con quelli di recupero di produttività del nostro Paese.

 

Siamo un settore industriale di primaria importanza per il tessuto economico italiano: i continui e repentini cambi delle regole del gioco e la mancanza di una lungimirante politica energetica nazionale rischiano di portare alla crisi anche il nostro comparto che al contrario, fino ad oggi, ha garantito sviluppo e occupazione».

 

 

 

Claudia Abelli
Comunicazione APER

 

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Copia di Logo-APER-bassa-def


Via G. Pergolesi, 27 - 20124 Milano

T +39 02 6692673 - 66989268  -  F +39 02 67490140

M: +39 349 1815891
claudia.abelli@aper.it | www.aper.it

 

 

Prima di stampare questa mail ricordati dell’ambiente / Please consider the environment before printing this e-mail

 

Avvertenze ai sensi del D.Lgs.196 del 30/06/2003 Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica  e/o file allegati, sono da considerarsi strettamente riservati. Il loro utilizzo è consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalità indicate nello stesso. Costituisce violazione ai principi dettati dal D.Lgs. 96/2003: trattenere il messaggio stesso oltre il tempo necessario, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo od utilizzarlo per finalità diverse. Ricordiamo che in ogni momento potrete richiederci la sospensione da parte nostra dell'impiego dei vostri dati, ad esclusione delle comunicazioni effettuate in  esecuzione di obblighi di legge. Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e-mail e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vostro sistema.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl