Incerto avvio del Governo sulla sospensione del D.Lgs 152/2006 in materia ambientale

In precedenza, il nuovo Governo aveva ritirato la memoria di quello di centrodestra avversa al ricorso di sospensiva alla Corte costituzionale del D.Lgs 152/2006, promosso dalla Regione Emilia-Romagna, ma senza predisporre una memoria favorevole alla sospensiva Anzi, di fronte ad una analoga impugnativa della Regione Toscana, il Governo addirittura ha dato mandato di contrastarla!

06/lug/2006 14.26.00 Gruppo 183 Onlus difesa acqua e suolo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sulla sospensione del D.Lgs 152/2006 in materia ambientale:

Incerto avvio del Governo

 

1.   Sulle conseguenze del decreto legislativo in materia ambientale (152/2006) il nuovo Governo ha provveduto a dichiarare l'inefficacia dei 17 decreti ministeriali di Matteoli (in primo luogo dell'Autorità sulle risorse idriche e sui rifiuti: artt 159-160), adottati senza parere della Corte dei Conti e a Governo pressoché scaduto (2 maggio).

     Ma è mancata la decisione principale: il provvedimento di  sospensiva immediata del D.Lgs 152/2006, almeno della parte terza (suolo, acque e servizi idrici) e quarta (rifiuti e bonifica dei siti inquinati)[1].

    Il provvedimento era stato annunciato e proposto dal ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio; richiesto da tutte le Regioni, dalle Autonomie locali, dalle associazioni sociali, ambientali, economiche. Con la sola eccezione della Confindustria, sponsor e partecipe attiva della stessa formazione della parte relativa ai rifiuti.

     La richiesta di sospensiva - alla fine- veniva formalizzata sul decreto legge "milleproroghe" con un emendamento unanime - ma non accolto - dei rappresentanti dell'Unione della  Commissione Ambiente del Senato. 

     In precedenza, il nuovo Governo aveva ritirato la memoria di quello di centrodestra  avversa al ricorso di sospensiva alla Corte costituzionale del D.Lgs 152/2006, promosso dalla Regione Emilia-Romagna, ma senza predisporre una memoria favorevole alla sospensiva 

    Anzi, di fronte ad una analoga impugnativa della Regione Toscana, il Governo addirittura ha dato mandato di contrastarla!

Si capisce allora perché sia prevalso l'orientamento di seguire la strada - e i tempi - ordinari del decreto legislativo

   Dei motivi (e degli interessi) contrari alla sospensiva fornisce una accurata informazione il Sole-24 ore: per la verità, il solo giornale attento e documentato sulla vicenda, con una pressione puntuale che ha trovato prevalenza all'interno del Governo.

 

2.   Adesso, lo schema di decreto legislativo del Governo del 30 giugno fissa: a) il 31 gennaio 2007 per "il decreto correttivo del decreto legislativo 3 aprile 2006 n.152, nel rispetto delle norme e dei principi dell'ordinamento comunitario e delle decisioni rese dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea" (art 1, n.1); b) il 30 novembre 2006, per indicare "le disposizioni delle Parti terza e quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152 e dei relativi decreti attuativi, che continuano ad applicarsi e quelle abrogate" (art 1, n.2). Ma fino a queste scadenze, il D.Lgs del Governo Berlusconi continua ad operare e a far danni.

    Per ridurre il vuoto amministrativo ripetutamente denunciato in questi mesi, una sola novità: "nelle more della costituzione dei distretti idrografici" e in attesa delle modifiche da introdurre nel D.Lgs  152/2006, " le autorità di bacino di cui alla legge 18 maggio 1989, n.189 (dal 30 aprile soppresse dal D.Lgs in vigore: ndr) , sono prorogate al 31 dicembre 2006. Sono fatti salvi gli atti posti in essere dalle autorità di bacino dal 30 aprile 2006 sino alla data di entrata in vigore della presente disposizione". Un primo spiraglio (speriamo possa funzionare), ma non immediatamente efficace.

    Infatti, la  "reviviscenza" delle Autorità di bacino soppresse (anche quelle regionali e interregionali?) potrà avvenire solo dopo l'approvazione dello schema di decreto. Inoltre resta in vigore l'attuale sgangherata delimitazione dei Distretti (art 64), in contrasto con i criteri di identificazione e gli obiettivi della Direttiva comunitaria 2000/60 sulle acque, ma anche con l'ambito di competenza territoriale delle Autorità di bacino, resuscitate a termine.

    Stiamo parlando - per la difesa del suolo - del governo della sicurezza delle popolazioni e del territorio (manutenzione, norme di salvaguardia, piani di assetto idrogeologico; con le risorse finanziarie indispensabili). Di fronte alla novità delle precipitazioni "straordinarie" sempre più frequenti, che bastano a innescare tragedie e disastri ambientali ed economici, di quante Vibo Valentia abbiamo ancora bisogno per non limitarci a rincorrerli e a deprecarli dopo che sono avvenuti?

 

3.  Ora, per non continuare a lasciare vuoti pericolosi che lasciano la sola possibilità di  scegliere  tra la paralisi e l'illegittimità operativa, va almeno conclusa con urgenza l'approvazione dello schema di decreto del Governo (e possibilmente migliorarlo).

    Si tratta di uscire dalle oscillazioni politiche di questi mesi, recuperare il tempo dissipato e mettere finalmente in valore il confronto e le scelte da concordare con la Conferenza unificata di Regioni e Autonomie locali, con l'appoggio delle associazioni ambientaliste, sociali e della maggioranza di quelle economiche e l'apporto delle competenze tecniche e scientifiche indispensabili. 

     Almeno allo stesso modo, torna in primo piano la responsabilità delle Commissioni parlamentari e delle forze politiche dell'Unione, per la verità finora apparse poco impegnate e scarsamente consapevoli della posta in gioco. Oltretutto si tratta di mantenere gli impegni assunti di fronte ai cittadini nel programma di governo: "elaborare tempestivamente le misure necessarie per annullare i rischi e le storture posti dalla legge delega ambientale del governo di centrodestra".                                                                                   

                                                                                                        Gruppo 183, 6 luglio 2006


[1] Sull'insieme del D.lgs 152/2006: l'analisi di Francesco Lettera, Difesa del suolo, tutela delle acque e gestione delle risorse idriche; la proposta del Gruppo 183, Per un decreto legge di sospensione del decreto legislativo ambientale: entrambi sul sito  www.gruppo183.org

 
 
Cordiali saluti
 
Gruppo 183
 

Questo messaggio ti è stato mandato dal
Gruppo 183 Onlus, associazione per la difesa del suolo e delle risorse idriche
 
www.gruppo183.org 
info@gruppo183.org 
tel. +39 06 5881705 fax. + 39 06 581 43 70

Vuoi diventare nostro socio per l'anno 2006? visita il nostro sito per sapere come, e perchè.
* Hai ricevuto questa mail perché sei stato inserito nella mailing list

del Gruppo 183. Se ritieni che il servizio di newsletter non ti interessi o invece vuoi iscriverti e ricevere le nostre notizie da questa mailing list vai nella nostra home page e compila il modulo on line. Se non sei interessato a ricevere messaggi da parte nostra rispondi a questo messaggio scrivendo "unsubscribe" nel testo di risposta.

 

Come fare per destinare il 5 per mille dell'Irpef al Gruppo 183

Negli spazi dedicati alla scelta del 5 per mille della dichiarazione dei redditi (vedi esempio), oltre ai suoi dati anagrafici, metta la sua firma nel riquadro "sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative, etc." e indichi il codice fiscale del Gruppo 183:   0 6 8 2 0 7 9 1 0 0 9 Tale scelta non è in concorrenza all'8 per mille destinabile alle confessioni religiose. Le chiediamo di inviarci una e mail a info@gruppo183.org per comunicarci l'avvenuta destinazione, utile a noi solo per avere un riscontro numerico delle persone che ci sostengono e poterle essere riconoscenti.

 


 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl