CS per l'approvazione del bilancio 2013

16/lug/2014 11.53.38 fioree Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Bracciano, 16 luglio 2014: Consiglio comunale ad alta tensione anche ieri per l’approvazione del bilancio 2013 del comune di Bracciano. La prima contestazione arriva già prima dell’apertura della seduta: dai banchi dell’opposizione, la consigliera Carone si rifiuta di partecipare al consiglio, poichè manca la voce più importante, quella del bilancio della Bracciano Ambiente. Chiede pertanto lo spostamento del consiglio e dichiara che in caso contrario non parteciperà alla votazione.

La mozione viene respinta all’unanimità dai consiglieri della maggioranza (qualche dubbio in proposito?) e si prosegue con la lettura del bilancio da parte dell’assessore Ciervo.  

 

Dall’opposizione si chiedono chiarimenti. L’assessore Ciervo giustifica i revisori dei conti che, non essendo di Bracciano, non sono abbastanza addentro alle cose del nostro paese.

 

Tra le varie domane (la maggior parte rimaste senza risposta nonostante il malumore del pubblico) quella del consigliere Pezzillo sugli  oltre 500mila euro fuori bilancio. Risponde il sindaco Sala ammettendo che sono andati alla Bracciano Ambiente.

 

Il consigliere Tondinelli legge una dichiarazione del presidente dei revisori dei conti, con la quale nell’aprile scorso mette in guardia i vertici della società sulla gravissima situazione finanziaria della Bracciano Ambiente SpA e sollecita una riunione urgente, riunione mai convocata. A questo proposito, detto presidente interviene ribadendo che quella lettera la scriverebbe anche oggi.

 

Tondinelli fa notare inoltre il conflitto d’interessi che scaturisce dall’aver messo nelle uscite di bilancio  i 17.000 euro che la maggioranza è stata condannata a pagare per averlo allontanato illegalmente dal consiglio comunale. Somma che spetterebbe a sindaco, vicesindaco e consiglieri ora imputati (salvo 2) nella causa penale che ha nominato il prefetto di Roma parte civile a tutela degli interessi della cittadinanza.

 

Tondinelli ricorda anche che nel novembre 2013 il consiglio votò per la nomina di amministratore unico dell’avv.Marchesi, riservandosi di monitorare per sei mesi il suo operato. A tempo  scaduto e, data la situazione così critica in cui versa la società, Tondinelli chiede la rimozione di Marchesi, ma senza ottenere riposta.

 

Altra contestazione riguarda l’impossibilità di far conoscere la situazione della Bracciano Ambiente e come verrà chiuso il bilancio. Il sindaco assicura che detta informazione verrà fornita lunedì prossimo e che il bilancio è già stato depositato e che, in ogni caso, risulta in attivo.

 

La consigliera Carone protesta per la mancanza di informazione data ai cittadini e rinuncia alla votazione, insieme con i consiglieri Tondinelli e Pezzillo. Escono seguiti dalla maggior parte dei cittadini presenti.

 

Naturalmente la maggioranza compatta ha votato all’unanimità l’approvazione del bilancio.

 

Le uniche due sedie vuote erano quelle dei due consiglieri dell’opposizione, pardon della minoranza, Massi e Testini, che apparivano agli occhi dei presenti strategicamente assenti ingiustificati in una seduta così importante per gli interessi dei loro cittadini.

Ass. Salviamo Bracciano

Si allega la lettera aperta a sindaco e maggioranza, distribuita in occasione del consiglio comunale.

 

logo salv.br

Associazione Salviamo Bracciano

Tel. 339.4641014 - 340.4704707

Salviamo.bracciano@gmail.com

http://www.facebook.com/salviamo.bracciano.9

C.F.97796940589

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl