Illuminazione LED: quello che forse non sai sui vincitori del Premio Nobel per la Fisica 2014

08/ott/2014 15:19:44 Rosanna Converso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il risparmio energetico conquista la scienza. Il Premio Nobel per la Fisica 2014 è andato ai papà delle lampadine LED, i ricercatori giapponesi Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura. I vincitori del prestigioso riconoscimento hanno sviluppato negli anni Novanta il LED blu. Ma la storia del diodo a emissione luminosa inizia molti anni prima.

Fu Nick Holonyak Jr. nel 1962 a sviluppare per primo questo dispositivo luminoso in grado di generare luce – più propriamente fotoni – sfruttando il movimento degli elettroni. Ma all'inizio i LED erano esclusivamente di colore rosso. Solo nel 1993 Nakamura scoprì il diodo a emissione blu. Una scoperta che aprì la strada all'illuminazione pubblica e privata a basso consumo. A cui, però, fece seguito una storia travagliata, caratterizzata da una causa legale e da un trasferimento negli Stati Uniti.

Al di là della storia - che potete comunque leggere sul magazine Energie Sensibili - , quella dell'illuminazione a LED è stata un'invenzione che ha toccato la vita quotidiana di tutti noi. Le applicazioni sono molte: dagli schermi TV alle spie per lo stand by degli elettrodomestici, passando per i semafori stradali.

 

Inoltre, le lampadine a basso consumo vengono scelte in casa come in azienda per dare un taglio alla bolletta e ridurre i consumi energetici. E sempre Energie Sensibili dedica all'argomento uno Speciale dal titolo "Illuminazione LED, tutto quello che c'è da sapere sulla luce intelligente". Chi ha ancora dubbi, insomma, sa dove trovare le risposte. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl