APER: INTERVENTO LEGISLATIVO STRAORDINARIO PER EMERGENZA AMBIENTE

APER: INTERVENTO LEGISLATIVO STRAORDINARIO PER EMERGENZA AMBIENTE Informazioni per la Stampa APER CHIEDE AL GOVERNO UN INTERVENTO LEGISLATIVO STRAORDINARIO PER AFFRONTARE L'EMERGENZA AMBIENTALE Alla vigilia della pubblicazione del documento UE sui cambiamenti climatici, APER sollecita il Governo ad un'azione forte e decisa a favore dello sviluppo delle rinnovabili Milano, gennaio 2007 - Affrontare l'emergenza ambientale non è più una scelta, bensì un obbligo.

09/gen/2007 18.00.00 APER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Informazioni per la Stampa

 

 

APER CHIEDE AL GOVERNO UN INTERVENTO LEGISLATIVO STRAORDINARIO

PER AFFRONTARE L’EMERGENZA AMBIENTALE

 

Alla vigilia della pubblicazione del documento UE sui cambiamenti climatici,
APER sollecita il Governo ad un’azione forte e decisa
 a favore dello sviluppo delle rinnovabili

 

Milano, gennaio 2007 - Affrontare l’emergenza ambientale non è più una scelta,  bensì un obbligo. Questa la posizione espressa da APER - Associazione dei Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili - con una lettera aperta indirizzata al Presidente del Consiglio.

 

“E’ il momento - dichiara Roberto Longo, Presidente di APER - che il Governo dia un chiaro segnale al Paese sulle azioni di politica energetica. La struttura normativa attualmente in essere è purtroppo inadeguata a garantire quella certezza e affidabilità nei tempi e nelle scelte necessarie ad affrontare l’emergenza: riteniamo sia necessario intervenire per via legislativa sul ruolo attribuito a Regioni ed Enti Locali coinvolgendoli nella elaborazione di un programma nazionale che sia la somma del contributo di tutti ma che, una volta condiviso,diventi un obbligo preciso da realizzare nei tempi e nei modi convenuti”.

 

Affrontare in maniera vincente l’emergenza richiederà però non solo un nuovo criterio concertazione delle azioni concertato con le amministrazioni sul territorio, ma sarà necessario coinvolgere in questa sfida tutti gli italiani. Formazione ambientale, comunicazione chiara e referenziata, fermezza nella definizione degli obiettivi e determinazione nel loro conseguimento, gestione del consenso sono gli unici strumenti che permetteranno al nostro Paese di fronteggiare la situazione ambientale e competere sul mercato internazionale con gli altri Paesi europei in una scelta di sviluppo ed innovazione.

Inviamo in allegato la lettera indirizzata al Presidente del Consiglio.

 

Fondata nel 1987, APER è l’associazione che riunisce a rappresenta i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili, tutelandone gli interessi a livello nazionale e internazionale. Un’attività che si traduce da una parte con l’assistenza e il supporto tecnico e normativo necessario alla realizzazione e gestione degli impianti e alla commercializzazione dell’energia elettrica prodotta, e dall’altra in azioni di promozione mirate a favorire la formazione e la diffusione di una cultura della sostenibilità ambientale e delle Fonti Rinnovabili, attraverso l’organizzazione di un fitto calendario di corsi, convegni e fiere. Attualmente APER conta più di 300 associati, oltre 400 impianti per un totale di circa 2000 MW di potenza elettrica installata che utilizza il soffio del vento, la forza dell’acqua, i raggi del sole e la vitalità della natura per produrre 7 miliardi di KWh all’anno a cui corrisponde una riduzione di emissioni di CO2 di oltre 5 milioni di tonnellate annue.

 

Per ulteriori informazioni:

 

Claudia Abelli

Responsabile Comunicazione APER

Piazza Luigi di Savoia 24  - 20124 MILANO
Tel. (+39) 02 / 7631 9199  Fax  (+39) 02 / 7639 7608
Mobile +39 349 1815 891   Sito:
http://www.aper.it/
e-mail: claudia.abelli@aper.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl