Comunicato LAV. GOVERNO IT. VUOLE RIAPRIRE CACCIA ALLO STORNO, SPECIE PROTETTA. LAV: INACCETTABILE E CONTRARIO A IMPEGNI ELETTORALI.

GOVERNO IT. VUOLE RIAPRIRE CACCIA ALLO STORNO, SPECIE PROTETTA.

04/giu/2007 07.20.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato stampa LAV 4giugno 2007

 

IL GOVERNO ITALIANO VUOLE APRIRE LA CACCIA ALLO STORNO,SPECIE PROTETTA.

LAV: INACCETTABILE E CONTRARIO AGLI IMPEGNI ELETTORALI.

 

IlGoverno italiano si appresta a presentare un'istanza, rivolta all’UnioneEuropea, per richiedere di inserire lo storno (sturnus vulgaris) tra le speciecacciabili, questo almeno stando alla risposta del Sottosegretario per le Politicheagricole, alimentari e forestali, on. Boco, ad un'interpellanza urgenteformulata da Forza Italia.

 

Ilmotivo che secondo il Governo giustificherebbe tale richiesta, risiede neipresunti danni che lo storno arrecherebbe alle colture olivicole. Danni nonquantificati nell'interpellanza, ma agitati come uno spauracchio, arrivando asostenere che vi sono casi in cui raggiungono punte del 50% del prodotto!

 

Lostorno è una specie protetta dalla normativa nazionale ed europea: questeprevedono che, in casi del genere, sia possibile provvedere al contenimentonumerico degli animali, avvalendosi in prima istanza di metodi ecologici,ovvero incruenti. Naturalmente questa possibilità non viene menzionata nellarisposta a firma dell'onorevole Boco. Stravolgendo la procedura, si vuolepassare subito alle "vie di fatto", ovvero all'intervento armato adopera dei cacciatori.

 

"Lastrada imboccata dal Ministro De Castro per bocca del Sottosegretario verdeBoco è molto chiara e, calpestando quanto scritto a pagina 153 del programmaelettorale del Governo Prodi, non si discosta da quella percorsa dal Governoche l'ha preceduto. Cosa ne pensa il Ministro verde dell'Ambiente PecoraroScanio? - dichiara Massimo Vitturi responsabile del settorecaccia e fauna selvatica della LAV - La richiesta di inserire unaspecie protetta nella lista degli uccelli cacciabili, spiana la strada a unaderiva filo-venatoria del Governo in carica. Da oggi chiunque, agitando lospauracchio dei danni all'agricoltura, potrebbe chiedere di aprire la caccia aspecie protette dando il via ad una vera e propria deregulationvenatoria.”

 

Pressol’Unione Europea è già pendente una procedura d'infrazione nei confrontidel nostro Paese per la violazione della normativa sulla caccia in deroga. Seil Governo procederà su questa linea, sarà inevitabile che il nostro Paese saràmesso nuovamente sul banco degli imputati, con conseguenze che ricadranno sututti i cittadini, compresi gli agricoltori i cui interessi l'onorevole Bocosostiene di voler difendere.

 

Quandoil Sottosegretario afferma che lo storno è responsabile di procurare danniall'agricoltura, dimentica che lo stesso uccello è estremamente ghiotto dellalarva del bruco americano (Hyphantria cunea) responsabile, questo sì, di gravidanni alle colture e al verde pubblico.

"Il rischio concreto - conclude la LAV - è che in futuro, per contenere i danniapportati dalle larve del bruco americano, non più contenute dalla predazionedello storno, assisteremo a un incremento dell'uso di fitofarmaci che poitroveremo inevitabilmente nel nostro cibo".

 

4 giugno 2007

Ufficio stampa LAV06.4461325 - 339.1742586 www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl