Comunicato LAV, "Basta animali in tv", la LAV protesta per la trasmissione "Circo Massimo Show", in prima serata su Rai Tre.

13/giu/2007 11.08.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicatostampa LAV

 

“BASTA ANIMALI IN TV", LA LAV PROTESTA PER LATRASMISSIONE “CIRCO MASSIMO SHOW”, IN PRIMA SERATA SU RAI TRE, ECONTRO L’USO DI UNA TIGRE NELLO SPOT PROMOZIONALE, IN CONTRASTO CON LE LINEEGUIDA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI IN TV, VARATE IN FEBBRAIO DALLA RAI.

 

LaLAV ha inviato oggi una lettera al Presidente della Rai, Claudio Petruccioli, eal Direttore di Rai Tre, Paolo Ruffini, in cui chiede di valutarel’opportunità della messa in onda della trasmissione “Circo MassimoShow”, prevista in prima serata domani, mercoledì 13 giugno, su Rai Tre,e per protestare contro la presenza di una tigre nello spot di lancio dellastessa, in contrasto con le “Linee guida per la tutela degli animali intv”, varate recentemente dalla Rai.

 

Nelloscorso mese di febbraio, infatti, il Segretariato sociale Rai, incollaborazione con la LAV, ha presentato le “Linee guida per la tuteladegli animali in TV” (http://www.segretariatosociale.rai.it/codici/tutela_animali_LAV/lav.html)ispirate ai principi della “Dichiarazione Universale per i Dirittidell’Animale” firmata a Bruxelles nel 1978 all’Unesco.

 

Edè proprio a tale documento, seppur non vincolante, che fa riferimento la LAVnella sua lettera, ritenendo che, nel caso del programma “Circo MassimoShow”, sia stato interpretato in maniera volutamente fuorviante:“invece di puntare a una “progressiva riduzione delle rappresentazionicircensi... fino alla loro totale eliminazione„ come citatonell’articolo 4 delle Linee guida – dichiara Stefania Ivanovich,responsabile nazionale LAV Circhi – già dallo spot di lancio dellatrasmissione vengono enfatizzati i numeri con animali, mostrando otarie, leoni,tigri e quant’altro, relegando in posizione marginale le esibizioni degliacrobati”.

 

Lostesso spot vede la presenza della tigre Giada quale coprotagonista, adisprezzo dell’articolo 1 delle Linee guida, che recita “La presenzadi animali in trasmissioni televisive deve essere finalizzata allasensibilizzazione, al rispetto e alla conoscenza delle specie, escludendoqualsiasi utilizzo di animali non consono alla loro natura nonché un loroutilizzo che li sottoponga a violenze, stress o atteggiamenti irrispettosidella loro dignità”, laddove la presenza della tigre nello spot non puòcerto definirsi “finalizzata alla sensibilizzazione, al rispetto e allaconoscenza delle specie”!

 

“Sitratta a nostro parere dell’ennesimo caso di sfruttamento di animali intrasmissione, – prosegue Stefania Ivanovich – in condizionisicuramente “non consone alla loro natura” né “rispettosedella loro dignità”, ma anzi causa di stress dovuto alla presenza di soggettiestranei, in un ambiente, qual è un set cinematografico o televisivo,certamente non tranquillizzante”.

 

“Senzacontare che l’articolo 4 enuncia che le trasmissioni circensi devonoessere escluse dalla fascia oraria dedicata ai minori, mentre lo spot, proprioper la sua funzione promozionale, viene trasmesso a qualsiasi ora, aprescindere dalla fascia protetta” conclude la Ivanovich.

 

Sminuitodi significato, infine, il collegamento con il Cirque du Soleil che, anzichévalorizzare l’arte del più rinomato esponente del Nouveau Cinque, che hafatto del bando dello sfruttamento degli animali nello spettacolo la suabandiera e il suo punto di forza, coerentemente con quanto dichiarato nelle“Linee guida” secondo cui “vanno valorizzate le espressioniartistiche e gli spettacoli circensi che non ricorrono all'utilizzo dianimali”, viene decontestualizzato riducendo l’intervento delCirque a mero numero di acrobazia, per quanto spettacolare, in mezzo ad altrinumeri circensi.

 

LaLAV auspica quindi che le “Linee guida per la tutela degli animali intv” possano presto concretizzarsi in un reale cambiamento anchenell'ambito televisivo dove, purtroppo, è ancora presente un grande uso dianimali senza rispetto e attenzione per la loro dignità.

 

12.06.2007

Ufficiostampa LAV 06.4461325 –329.0398535                                         www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl