com. stampa: APER ASSOELETTRICA E ANEV CONTRO I RECENTI PROVVEDIMENTI CHE OSTACOLANO L'EOLICO

26/set/2007 15.20.00 APER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
          
 
 

Comunicato Stampa

 

 APER, ASSOELETTRICA ed ANEV

CONTRO I RECENTI PROVVEDIMENTI CHE OSTACOLANO L’EOLICO

 

 

Roma, 26 settembre 2007 - Si annunciano nuove restrizioni sulla diffusione dell’eolico che risulta pesantemente penalizzato dal decreto, proposto dal Ministero dell’Ambiente e approvato dalla Conferenza Stato Regioni, che stabilisce norme assai limitanti per l’inserimento di parchi eolici nei Siti di importanza comunitaria (Sic) e Zone a protezione speciale (Zps). Nuove restrizioni che impediscono di fatto la realizzazione di nuovi impianti eolici ed il potenziamento di quelli esistenti su aree che coprono oltre il 19% del territorio nazionale. Una norma molto restrittiva, che andrebbe ad aggiungersi al decreto legislativo, approvato in via preliminare dal Governo, che stabilisce l’obbligo di Valutazione di impatto ambientale nazionale per gli impianti con potenza superiore ai 20 MW.

 

Un decreto - dichiara Roberto Longo, presidente di APER - chiaramente in controtendenza rispetto agli obiettivi fissati dall’Unione Europea al 2020 che prevederebbero il massimo impegno di tutte le amministrazioni per favorire la diffusione della produzione di energia da fonti rinnovabili. Ancora una volta la necessità di regolare in maniera costruttiva l’inserimento nel territorio dei nuovi impianti a fonti rinnovabili viene interpretata come l’occasione per limitarne lo sviluppo, confermando la contraddizione espressa da alcune fasce dell’ambientalismo che a parole ne promuove la diffusione e nei fatti si oppone a qualsiasi intervento sul territorio.

 

Per Enzo Gatta, presidente di Assoelettrica, “la crescita delle rinnovabili richiede decisioni politiche forti, per risolvere i problemi che continuano a condizionare le iniziative e la progettualità degli operatori elettrici. Servono obiettivi regionali coerenti con quelli nazionali, misure per semplificare gli iter autorizzativi e un miglior coordinamento delle politiche di sviluppo a livello locale. Certo non servono nuovi vincoli e nuovi divieti, che renderebbero impossibile il conseguimento degli obiettivi di sviluppo delle rinnovabili che lo stesso Governo ha portato do recente all’attenzione della Commissione Europea”.

 

Il Governo Italiano ha preso impegni chiari in sede Comunitaria assumendosi la responsabilità di raggiungere entro il 2020 almeno un terzo di energia elettrica da fonti rinnovabili e indicando come obiettivo 15.000 MW di potenza eolica”, conclude Oreste Vigorito, Presidente dell’ANEV.Coerenza e serietà impongono ora al Governo di coordinare le azioni promosse dai vari Enti, al fine di evitare che tali impegni non vengano mantenuti. Le forti restrizioni previste contro l’eolico dai recenti provvedimenti normativi, , nonché in alcuni documenti dell’AEEG in tema di accesso alle reti, rischiano seriamente di compromettere gli obiettivi assunti a livello centrale.”

  

Per ulteriori informazioni:

 

Claudia Abelli

Responsabile Comunicazione APER

Tel. 02 7631 9199 Mobile 349 1815 891
e-mail: claudia.abelli@aper.it

 

Stefano Bevacqua

Responsabile Comunicazione Assoelettrica

Tel. 06 8537 281 Mobile 346 3881 867

e-email: stefano.bevacqua@assoelettrica.it

 

Simone Togni

Segretario Generale - ANEV

Tel. +390642014701 - Fax. +390642004838

e.mail segreteria@anev.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl