[Comunicato Stampa] CACCIA, ASSESSORE LA VIA FIRMA DECRETO. BONFANTI (LAV): ABERRANTE ATTACCO ALLA NATURA

Allegati

21/lug/2008 16.10.00 Ufficio Stampa LAV Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa LAV Sicilia:
 
CACCIA, L’ASSESSORE LA VIA FIRMA IL DECRETO
 
BONFANTI (LAV): “UN ABERRANTE ATTACCO ALLA NATURA,
UN REGALO ALLE DOPPIETTE CHE PRODURRA’ QUASI
800 MILA VITTIME AL GIORNO”
 
 
L’Assessore regionale all’Agricoltura on. Giovanni La Via ha firmato il decreto che da il via alla stagione venatoria in Sicilia sin dal 1° settembre 2008, con un’irresponsabile apertura anticipata in deroga alla legge statale che prevede invece la data della terza domenica di settembre: un ottimo regalo ai 53mila cacciatori siciliani, una micidiale condanna a morte per centinaia di migliaia di animali tra cui specie endemiche e minacciate come la lepre italica.
 
“Con il decreto dell’Assessore La Via per la Sicilia si preannuncia una stagione venatoria sanguinaria - dichiara Ennio Bonfanti, responsabile “fauna” della LAV Sicilia-: questo provvedimento rappresenta un aberrante attacco alla natura; basti solo pensare che, secondo il calendario assessoriale, ogni cacciatore potrà uccidere 15 animali al giorno, ovvero 795mila (!) animali al giorno per l’insieme delle doppiette siciliane”.
 
“Con la drammatica situazione ambientale in atto (incendi, siccità, inquinamento, rarefazione delle popolazioni selvatiche, ecc.) la Regione non ha avuto il buonsenso né di sospendere la caccia né di approvare quei correttivi alle norme regionali a tutela del patrimonio faunistico - ricorda Bonfanti - come proposto dalla LAV da anni con continui appelli del tutto ignorati dall’Assessore La Via, che ha anche cancellato quelle innovazioni positive introdotte a suo tempo dall’ex Assessore on. Giuseppe Castiglione, oggi presidente della Provincia di Catania”.
 
Secondo la LAV il calendario approvato oggi è figlio di quella politica estremista “filodoppiette” finora attuata dalla Regione: norme troppo permissive che consentono di sparare sempre e ovunque. Per legge almeno il 60% del territorio agro-silvo-pastorale di ogni provincia deve essere obbligatoriamente destinato alla libera caccia ed ogni cacciatore può entrare nei fondi privati anche contro il volere del proprietario (art. 842 del codice civile). In Sicilia si può sparare 5 giorni a settimana da un’ora prima del sorgere del sole fino al tramonto, quindi in condizioni di visibilità precarie.
 
19.07.2008
www.lavsicilia.it
 

La LAV Lega Anti Vivisezione e' la principale associazione animalista in Italia, riconosciuta Ente Morale ed Onlus. Ci battiamo contro ogni forma di sfruttamento degli animali, con un grande obiettivo di liberta': i diritti degli animali. Conduciamo campagne di sensibilizzazione con la forza di 85 sedi locali, l'impegno di centinaia di volontari ed il sostegno di migliaia di soci; interveniamo direttamente per la tutela degli animali e promuoviamo azioni legali in casi di maltrattamento. La LAV e' membro della Coalizione Europea contro la Vivisezione (ECEAE) e della Coalizione Europea per gli animali dall'allevamento (ECFA). Da più di 20 anni assolviamo un'importante missione: dare risposte alle domande di liberta' per tutti gli esseri viventi. * * * * LAV tel. 064461325 www.lav.it - info@lav.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl