ANIMALI, DOMANI ALL'ARS LEGGE AMMAZZA-CINGHIALI. LA LAV: NO ALLE FUCILAZIONI, LEGGE ILLEGITTIMA

Francesco Cascio ed a tutti i Capigruppo, la LAV Sicilia ha trasmesso un articolato dossier che demolisce le semplicistiche e demagogiche proposte di intervento populistico-venatorio della legge: "Dietro i toni allarmistici di una presunta "emergenza cinghiali" - dichiara Ennio Bonfanti, responsabile "fauna" della LAV Sicilia - c'è chi cerca il pretesto per sparare nelle aree protette siciliane".

Allegati

22/ott/2008 15.37.48 Ufficio Stampa LAV Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
COMUNICATO STAMPA
LAV - Coordinamento Regionale Siciliano
 
www.lavsicilia.it - email: ufficiostampa@lavsicilia.it - Tel. Uff. Stampa nazionale: 06.4461325

  

 ANIMALI, DOMANI ALL’ARS LEGGE AMMAZZA-CINGHIALI.

LA LAV: NO ALLE FUCILAZIONI, SI ALLA PREVENZIONE

ED AI METODI ECOLOGICI. LA PROPOSTA DI LEGGE

VIOLA LE NORME STATALI

 

Per gli animalisti dietro i toni allarmistici di una presunta

“emergenza cinghiali” c’è chi cerca il pretesto per sparare

nelle aree protette siciliane

 

 

 

Domani l’Assemblea regionale siciliana (Ars) voterà (unica legge all’odg!) il disegno di legge n. 103 sul "controllo del sovrappopolamento di fauna selvatica o inselvatichita in aree naturali protette", frutto di due proposte - una di iniziativa del PD, l’altra della Giunta, PDL - sostanzialmente identiche. Lo scopo è quello di allargare le maglie per consentire attività sostanzialmente riconducibili alla caccia in aree protette e di divieto, dietro la strumentalizzazione dei danni arrecati soprattutto dal cinghiale

 

Stamani, con una lettera indirizzata al Presidente dell’Ars on. Francesco Cascio ed a tutti i Capigruppo, la LAV Sicilia ha trasmesso un articolato dossier che demolisce le semplicistiche e demagogiche proposte di intervento populistico-venatorio della legge: “Dietro i toni allarmistici di una presunta “emergenza cinghiali” - dichiara Ennio Bonfanti, responsabile “fauna” della LAV Sicilia - c’è chi cerca il pretesto per sparare nelle aree protette siciliane”. Il ddl ammazza-cinghiali ha avuto un iter stranamente veloce – dichiara Marcella Porpora, coordinatrice regionale LAV Sicilia - e forse è questa la causa per la quale esso contiene numerose e gravi violazioni alle Leggi statali n. 157/1992 (caccia) e n. 394/1991 (parchi) che, ai sensi della Costituzione, sono vincolanti anche per le Regioni ad autonomia speciale. In sostanza il ddl prevede la possibilità di esercitare la caccia nei Parchi e riserve dietro il pretesto dei danni del cinghiale, sebbene in realtà si applicherebbe espressamente a qualunque specie. E dire che in caso di danni prodotti dalla fauna esistono già gli strumenti normativi e tecnici per intervenire senza per forza invocare subito le fucilazioni!”. La LAV, quindi, ha chiesto al Presidente Cascio di ritirare dai lavori d’aula il ddl, al fine di riesaminare l'intera materia e consentire una riformulazione del testo.

 

“In caso di gravi danni prodotti dalla fauna - prosegue Bonfanti - la vigente legge siciliana sulla caccia n. 33/1997 contempla efficacemente gli strumenti necessari per assicurare la corretta attuazione di eventuali interventi di controllo, che devono essere anzitutto “ecologici e selettivi” valutati idonei dall’Istituto nazionale per la fauna selvatica (INFS). Quindi non si comprende il motivo di questa nuova leggina ad hoc, se non quello di aprire la caccia nei parchi dietro mentite spoglie...”

 

Il documento della LAV si conclude con una serie di proposte alternative agli abbattimenti dei cinghiali: “Per il contenimento del numero si può pensare non già all’uccisione bensì alla sterilizzazione; altre proposte sono: la chiusura di tutti gli allevamenti presenti sul territorio regionale ed il divieto di detenzione e commercio di cinghiali; il finanziamento agli agricoltori di opere di prevenzione quali recinzioni elettrificate oltre al pagamento dei danni; il finanziamento di piani di contenimento alternativi all’abbattimento da attuarsi soprattutto in parchi e riserve”.

 

 

Palermo, 22.10.2008

 

www.lavsicilia.it

 

 


La LAV Lega Anti Vivisezione e' la principale associazione animalista in Italia, riconosciuta Ente Morale ed Onlus. Ci battiamo contro ogni forma di sfruttamento degli animali, con un grande obiettivo di liberta': i diritti degli animali. Conduciamo campagne di sensibilizzazione con la forza di 85 sedi locali, l'impegno di centinaia di volontari ed il sostegno di migliaia di soci; interveniamo direttamente per la tutela degli animali e promuoviamo azioni legali in casi di maltrattamento. La LAV e' membro della Coalizione Europea contro la Vivisezione (ECEAE) e della Coalizione Europea per gli animali dall'allevamento (ECFA). Da più di 20 anni assolviamo un'importante missione: dare risposte alle domande di liberta' per tutti gli esseri viventi. * * * * LAV tel. 064461325 - info@lav.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl