SICILIA, APPROVATA LEGGE CACCIA: ''SI ALLE DOPPIETTE NEI PARCHI''. CANI E GATTI RANDAGI VITTIME DEI FUCILI

CANI E GATTI RANDAGI VITTIME DEI FUCILI Comunicato Stampa LAV Sicilia: VOTATA ALL'UNANIMITÀ ALL'ARS LA DEREGULATION DELLA CACCIA: CANI E GATTI RANDAGI POSSIBILI VITTIME DEI FUCILI "SI ALLE DOPPIETTE NEI PARCHI": INCIUCIO FILOVENATORIO TRA PD, PDL UDC ED MPA La LAV: "Analfabetismo giuridico all'ars, dove la lobby armieristico-venatoria prevale su leggi e buonsenso.

23/ott/2008 17.11.46 Ufficio Stampa LAV Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa LAV Sicilia:

VOTATA ALL'UNANIMITÀ ALL'ARS LA DEREGULATION DELLA CACCIA: CANI E GATTI RANDAGI POSSIBILI VITTIME DEI FUCILI

 

"SI ALLE DOPPIETTE NEI PARCHI": INCIUCIO FILOVENATORIO TRA PD,

PDL UDC ED MPA

 

La LAV: "Analfabetismo giuridico all'ars, dove la lobby armieristico-venatoria prevale su leggi e buonsenso. Nemmeno un deputato interviene per salvare la fauna". Ok alla vendita di carni degli animali abbattuti in Parchi e Riserve naturali.

 

 

E' durato solo 4 minuti l'esame, la discussione e la votazione della leggina sulla caccia nella aree protette: stamani all'Assemblea regionale siciliana (Ars) nessuno ha preso la parola (nemmeno il relatore della stessa legge!) né sono stati presentati emendamenti, così i 47 deputati presenti in aula hanno tutti votato a favore (0 astenuti 0 contrari!) della legge n. 103 sul "controllo del sovrappopolamento di fauna selvatica o inselvatichita in aree naturali protette".

 

"Più che unanimismo si è trattato di un vero e proprio inciucio 'alla cacciatora' fra PD (promotore della legge), PDL (da subito favorevole), UDC ed MPA - dichiara Ennio Bonfanti, responsabile "fauna" della LAV Siciliaed è grave e sconcertante che in tutto il Parlamento siciliano non esista un solo deputato che prenda le difese della fauna! All'Ars, evidentemente, la lobby armieristico-venatoria ha sempre la meglio, persino sul buonsenso (follia far entrare le doppiette nei Parchi!) e sulla legalità (la leggina approvata viola le normative statali sulla caccia e sulle aree protette)". "Questa leggina 'sparatutto' è indice di un grossolano analfabetismo giuridico: si tratta di norme totalmente incostituzionali, che già in passato sono state ripetutamente bocciate dal Commissario dello Stato - ricorda Marcella Porpora, coordinatrice LAV Sicilia - ma che vengono riproposte in spregio allo Statuto Speciale, usato come grimaldello per demolire le norme statali a tutela della fauna, vincolanti anche per le regioni autonome".

 

Con i 6 articoli della leggina si da il via libera, in sostanza, alla caccia nei Parchi e nelle Riserve, dietro il pretesto di 'controllare' la fauna "in abnorme sviluppo": si  potrà autorizzarne l'abbattimento in qualunque periodo dell'anno, anche nella stagione riproduttiva o su esemplari ancora cuccioli; a finire sotto i colpi delle doppiette anche specie non cacciabili e persino animali domestici inselvatichiti (cani e gatti randagi?)... Ma non basta: gli animali così uccisi o catturati potranno essere ceduti anche per "finalità commerciali"! Quindi la famigerata "emergenza cinghiali" del parco delle Madonne - strumentalmente utilizzata per mesi dai promotori della leggina odierna - adesso potrà trasformarsi in occasione per vendere carni, salami e salsicce in barba al divieto di caccia esistente nei parchi!

 

"Inesistente l'opposizione a queste norme scandalose – conclude Bonfanti -  che ancora una volta fanno percepire ai Siciliani come Sala d'Ercole sia un luogo dove le leggi si fanno con arroganza e solo per accontentare bacini elettorali. Di fronte a questo squallido panorama politico ed al malcostume, l'unico baluardo per la legalità rimane il Commissario dello Stato, al quale la LAV ricorrerà".

 


23.10.2008


www.lavsicilia.it 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl