FederFauna scende in piazza.

27/nov/2008 19.04.58 FederFauna Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



----- Messaggio Inoltrato -----

Da : "info@federfauna.org"

A :

ufficiocentrale@ansa.it,cultura@ansa.it,cronache@ansa.it,dea@ansa.it

,fotografico@ansa.it,internet@ansa.it,multimedia@ansa.it,network@ansa.it

,politico@ansa.it,salute@ansa.it,scienza@ansa.it,ambiente@ansa.it

,redazione@voceditalia.it,segreteria.bologna@dire.it,ambiente@dire.it

,welfare@dire.it,politico@dire.it,segreteria.roma@dire.it,segr.direzione@dire.it

,web@dire.it,relazioniesterne@dire.it,n.perrone@dire.it,direzione@dire.it

Oggetto : FederFauna scende in piazza.

Data : Thu, 27 Nov 2008 18:53:29 +0100



Sabato 29 novembre, dalle ore 10.00 alle 13.00, una

delegazione di FederFauna terrà un sit-in in Via Ribotta a

Roma, nei pressi della sede centrale del Ministero della

Salute, per esprimere la condanna del fenomeno

dell’importazione clandestina di cuccioli di cane e gatto

da parte di allevatori e commercianti italiani di animali.

Gli operatori del settore che lavorano nella legalità e

nelle regole sono i primi ad essere penalizzati dal mercato

nero. “Siamo, in questa occasione, pienamente d’accordo

con i principi ispiratori con cui la LAV,

contemporaneamente, raccoglierà firme in diverse piazze

italiane”, segnala la Segreteria del sindacato. FederFauna

aggiunge che le misure fino ad ora adottate dal Ministero

per arginare il fenomeno, e anche quelle recentemente

proposte, non sono state e non saranno in grado di risolvere

questa piaga perché, l’aumentare ulteriormente la

disparità tra le condizioni di vendita dei cani importati

rispetto a quelli nazionali non fa che penalizzare chi

lavora in modo trasparente lasciando, come conseguenza,

più spazio agli illegali.

Secondo FederFauna nessun importatore clandestino sarà mai

ostacolato da una moratoria, né dal numero dei vaccini

obbligatori, né tanto meno dall’ulteriore innalzamento

dell’età minima dei cuccioli perché sa che, una volta

passato un confine che non c’è più, può vendere i

cani come italiani, quindi a due mesi, senza passaporto,

senza antirabbica ed anche guadagnando di più. FederFauna

ritiene che l’unico sistema per risolvere questo problema

sia fare in modo che, lavorare onestamente risulti

conveniente e non penalizzante.

“Non saremo in molti”, aggiunge il Segretario Generale

Massimiliano Filippi, “primo perché i nostri iscritti di

sabato lavorano tutti e poi perché non vogliamo creare

disagi a nessuno. Saremo lì con uno striscione ed alcune

bandiere solo per far vedere che ci siamo anche noi e che,

dal momento che degli oltre quaranta milioni di animali

d’affezione presenti nel nostro Paese solo l’1,5% è

detenuto dalle Associazioni animaliste, quando si discute di

Norme sugli animali sarebbe giusto interpellare anche

noi.” Il sit-in è stato autorizzato dalla Questura.





FederFauna

Confederazione Europea delle Associazioni di

Allevatori, Commercianti e Detentori di Animali

European Confederation of Associations of Animals Farmers,

Traders and Holders

Via Goito, 8 - 40126 Bologna - Tel. 051/6569625 - Fax

051/2759026 www.federfauna.org







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl