Gela (CL): Polizia scopre canile lager, 60 cani e 8 gatti in gravi condizioni. La LAV ringrazia la Polizia: "Encomiabile attenzione sui reati contro gli animali"

07/dic/2008 21.10.57 Ufficio Stampa LAV Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gela (CL): Polizia scopre canile lager    

 60 cani e 8 gatti in gravi condizioni. La LAV ringrazia la Polizia: “Encomiabile attenzione sui reati contro gli animali”
Per l'Associazione “In Sicilia è emergenza maltrattamenti, i cittadini devono denunciare ogni abuso sugli animali”
www.lavsicilia.it

 

Gli agenti del Commissariato di P.S. di Gela (Caltanissetta) hanno denunciato un ragazzo di 27 anni che aveva realizzato un vero e proprio lager con ventuno cani malnutriti, molti scheletrici, rinchiusi in recinti a cielo aperto e tra gli escrementi; altri trentanove cani e otto gatti, invece, sono stati trovati rinchiusi nell’abitazione del ragazzo sempre in condizioni pietose e tra feci nauseabonde. E’ scattato il sequestro degli animali - ora condotti in strutture veterinarie autorizzate - e la denuncia per il reato di maltrattamento di animali; il Pm della Procura gelese, Monia Di Marco, ha aperto un’indagine per accertare lo scopo per cui erano detenuti gli animali.

Al Dirigente del Commissariato di Gela dott. Angelo Bellomo ed agli agenti della Squadra di polizia giudiziaria, il cui intervento ha permesso di salvare questi animali, va tutta la nostra riconoscenza e stima per questa encomiabile attenzione sui reati contro gli animali, concretizzatasi con un ottimo intervento basato sull’applicazione di precise disposizioni di legge a tutela del loro benessere” dichiara Ennio Bonfanti, responsabile provinciale della LAV Caltanissetta. “Si tratta di un validissimo esempio di impegno nella repressione di reati di solito considerati ‘minori‘ ma, viceversa, notevolmente sentiti con preoccupazione da una fetta sempre più vasta dell’opinione pubblica. L’odierna operazione della Polizia - prosegue Bonfanti - rappresenta un’ottima risposta ai numerosissimi cittadini che assiduamente segnalano casi di maltrattamento di animali purtroppo ancora molto diffusi a Gela come nel resto della Regione, e fa seguito alle brillanti indagini che, poco più di quattro mesi fa, hanno permesso agli stessi uomini del Commissariato di Gela di bloccare una corsa clandestina di cavalli e denunciare 60 persone ”.


Le dimensioni raggiunte dal fenomeno dei maltrattamenti e la gravità delle violenze compiute sugli animali non lasciano dubbi sull'esistenza in Sicilia di una vera emergenza. Per contrastarla è indispensabile che chiunque sia testimone di episodi di sevizie e maltrattamenti chiami subito gli organi di polizia. La LAV - ricorda Marcella Porpora, coordinatrice regionale della LAV Sicilia - è impegnata quotidianamente nell’opera di informazione e sensibilizzazione per fare emergere i reati attraverso lo strumento della denuncia e favorire l'applicazione della legge 189 del 2004 contro il maltrattamento e l’uccisione di animali, che prevede ammende fino a 160.000 euro e la reclusione fino a tre anni".

Palermo-Caltanissetta, 6.12.2008

www.lavsicilia.it

______________________________________________________

Approfondimenti:

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl