Cuccioli sequestrati. FederFauna per il benessere animale, la legalità e l’impresa.

Ha reso noto oggi il Tg5 che si moltiplicano le domande di molti privati che vorrebbero "adottore" uno dei cuccioli di razza attualmente sotto sequestro a San Giuliano Milanese ed anche FederFauna, pur non essendo parte in causa, testimonia di aver ricevuto diverse e-mail in proposito.

08/feb/2009 16.42.18 FederFauna Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Ancora sui 114 cuccioli sequestrati a San Giuliano Milanese

il 5 febbraio.

Ha reso noto oggi il Tg5 che si moltiplicano le domande di

molti privati che vorrebbero “adottore” uno dei cuccioli

di razza attualmente sotto sequestro a San Giuliano Milanese

ed anche FederFauna, pur non essendo parte in causa,

testimonia di aver ricevuto diverse e-mail in proposito.

Il Tg5 aggiunge inoltre che bisognerà aspettare un mese

per poter adottare i cuccioli perché la legge impone che

solo dopo i tre mesi possano essere ceduti, mentre

l’accusa mossa nei confronti dell’importatore è

proprio che i cuccioli avessero un’età inferiore a

quella riportata sui documenti di scorta.

FederFauna sottolinea, per l’ennesima volta, che la legge

richiede i tre mesi per l’introduzione e non per la

cessione di cani già introdotti e che, comunque, i testi

ed i trattati di anatomia riportano l’impossibilità di

determinare con precisione l’età di un cucciolo dai 50

ai 150 giorni. FederFauna fa notare inoltre che anche le

ordinanze di archiviazione di procedimenti penali emesse in

questo senso dalla Magistratura testimoniano l'assenza di

necessità di dubitare delle dichiarazioni del primo

veterinario che ha visionato gli animali. FederFauna,

tuttavia, non vuole ora percorrere la strada della polemica:

“noi ci preoccupiamo del benessere dei cuccioli, la cui

rapida destinazione in famiglia è indiscutibilmente la

preferibile”. “E’ noto a tutti che il periodo di vita

compreso tra i 2 e i 4 mesi è fondamentale per la

socializzazione del cane e non si vede per quale motivo

questa debba essere tardiva.” “Non si vede inoltre

perché questa debba essere gratuita. A chi decidesse di

avere un bulldog o un carlino come compagno di vita e

intenda fare una buona azione, socialmente utile, venga

offerta la possibilità da Tribunale competente, di

custodire l’animale affidato dietro il pagamento di una

congrua cauzione, incamerata dall’ Erario in caso di

confisca definitiva, oppure resa al legittimo proprietario

degli animali in caso di dissequestro”. FederFauna

auspica quindi che le Autorità si facciano garanti della

legalità, del benessere dei cuccioli in rapida crescita,

impedendo nel contempo la distorsione del mercato a danno di

allevatori e commercianti favorendo cessioni a prezzi

simbolici o a titolo gratuito, che hanno intrinseco, anche

il rischio dell’acquisto inconsapevole, visto che a molti

piacerebbe avere un cane di razza da 1000 euro pagandolo

solo 50-100 euro all’asta tra qualche mese.







blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl