RANDAGISMO, FONDI REGIONE SICILIA. SCONCERTANTE DENUNCIA IN UN ORDINE DEL GIORNO DELL'ASSEMBLEA REGIONALE - SABATO E DOMENIVA LAV IN PIAZZA IN 7 CITTA' SICILIANE

SCONCERTANTE DENUNCIA IN UN ORDINE DEL GIORNO DELL'ASSEMBLEA REGIONALE - SABATO E DOMENIVA LAV IN PIAZZA IN 7 CITTA' SICILIANE Comunicato Stampa LAV Sicilia: RANDAGISMO, FONDI REGIONE SICILIA.

27/mar/2009 16.58.13 Ufficio Stampa LAV Sicilia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa LAV Sicilia:
 


RANDAGISMO, FONDI REGIONE SICILIA. SCONCERTANTE DENUNCIA IN UN ORDINE DEL GIORNO DELL'ASSEMBLEA REGIONALE: SOLDI SPESI ANCHE PER ACQUISTI DI TENDAGGI. LA LAV SICILIA DEPOSITERA' UNA RICHIESTA D'INDAGINE ALLA CORTE DEI CONTI

NELL'ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DUE GIORNI FA IN AULA DAL DEPUTATO DEL PD PINO APPRENDI E APPROVATO ALL'UNANIMITA', SI SOTTOLINEA L'ASSOLUTA INADEGUATEZZA DELLE POLITICHE E DELLE INIZIATIVE REGIONALI IN MATERIA DI PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

Domani e Domenica la LAV in piazza a Palermo, Catania, Caltanissetta, Enna, Messina, Siracusa e Trapani con due petizioni contro randagismo e traffico clandestino di cuccioli: prevenzione, sterilizzazione e lotta ai maltrattamenti


************************************************


La LAV Sicilia saluta con favore l'Ordine del Giorno presentato il 25 marzo all'Assemblea Regionale Siciliana dal deputato del PD Pino Apprendi e votato all'unanimità, che aiuterà a fare chiarezza sulla destinazione dei fondi per contrastare il randagismo. L'Ordine del Giorno rivela sconcertanti particolari sulla destinazione dei fondi sul randagismo che il Ministero della Salute ha destinato all'Assessorato Regionale alla Sanità: soldi spesi - si legge nell'atto parlamentare - "addirittura allo scopo di acquistare tendaggi e arredi, distraendo somme altrimenti destinate alla prevenzione del randagismo".

Nell'Ordine del Giorno si evidenzia, purtroppo, l'assoluta inadeguatezza delle politiche e delle iniziative regionali in materia di prevenzione del randagismo e di anagrafe canina e in particolare si "rileva una stridente differenza tra quanto dichiarato dal Sottosegretario Martini a proposito dei trasferimenti disposti in favore della Regione siciliana e gli impegni assunti dall'Assessorato regionale alla Sanità che solo recentemente ha impegnato e in parte assegnato, attraverso bandi, meno di un milione di Euro ai Comuni, consorzi di Comuni, Aziende sanitarie locali e associazioni di volontariato".

L'Ispettorato Veterinario dell'Assessorato regionale viene accusato di essersi contraddistinto per ripetuti episodi d'inerzia e per una condotta che ha anche arrecato danni all'immagine turistica della Regione. Infine, con l'atto parlamentare si chiede al Governo regionale di fornire una puntuale elencazione dei trasferimenti ricevuti dallo Stato e un'esaustiva rendicontazione degli impegni assunti, di verificare se gli assegnatari di fondi e dei relativi incarichi abbiano raggiunto gli obiettivi prefissati nonché di accertare e perseguire le responsabilità amministrative e omissive di quanti hanno determinato, nel tempo, l'attuale condizione di disastro nella gestione della lotta al randagismo.

La LAV Sicilia ha incaricato i propri legali di depositare una richiesta d'indagine alla Procura regionale della Corte dei Conti, per verificare come questi fondi sono stati spesi, non spesi o non recuperati. L'Associazione si augura che i dati relativi alla destinazione dei fondi per il randagismo siano forniti al più presto: questo aiuterà a fare piena chiarezza e ad accertare eventuali responsabilità.

Domani Sabato 28 e domenica 29, infine, la LAV sarà presente in 300 piazze d'Italia e, in Sicilia, a Palermo, Catania, Caltanissetta, Enna, Messina, Siracusa e Trapani: presso i tavoli allestiti dai volontari sarà possibile firmare una petizione regionale indirizzata al Presidente della Regione e all'Assessore Regionale alla Sanità con la quale la LAV propone degli interventi concreti al fine di affrontare seriamente il fenomeno del randagismo, ormai divenuto nell'Isola una vera e propria emergenza. Numerose le proposte della LAV far rientrare tale emergenza:

- l'istituzione di un Garante regionale per il controllo sull'applicazione degli strumenti legislativi previsti per il contenimento del randagismo e la tutela degli animali;

- un controllo capillare sull'adempimento da parte dei Comuni (con messa in mora e commissariamento per quelli inadempienti) delle prescrizioni dettate dalla Legge Regionale n.15/2000;

- l'istituzione di un'Agenzia regionale per i diritti animali competente per i controlli e la regolamentazione dell'attività di canili e rifugi;

- un piano periodico di controllo a tappeto dei microchip dei cani padronali da parte della Polizia Municipale o di altro organo di polizia;

- l'istituzione di una commissione per la modifica della L.R. n.15/2000 e del relativo Regolamento esecutivo;

- la realizzazione di un piano regionale di repressione degli abbandoni (articoli 727 e 544bis del Codice penale) e del fenomeno degli avvelenamenti.

Presso i tavoli della LAV i cittadini potranno portare a casa il tradizionale uovo di Pasqua della LAV (in cioccolato fondente del commercio equo e solidale) in cambio di una piccola donazione a sostegno di questa campagna; sarà inoltre possibile firmare un'altra petizione al Governo italiano per fermare la tratta dei cuccioli, che coinvolge migliaia di quattrozampe all'anno e muove un losco giro d'affari stimato in circa 300 milioni di euro con la complicità di alcuni
allevatori, trasportatori, commercianti di animali e purtroppo anche di alcuni medici veterinari senza scrupoli (approfondimenti: www.nonlosapevo.com).


Palermo, 27.03.2009

 
www.lavsicilia.it

 

 
AGGIORNAMENTI ON-LINE SU  www.lavsicilia.it
 

AGGIORNAMENTI ON-LINE SU  www.lavsicilia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl