MARKETING DELLA PAZZIA: MA SIAMO TUTTI MATTI?

 Non si nega che problemi psicologici ed emozionali, perfino una grave angoscia possano influire praticamente su chiunque, ma vuol dire che siamo tutti matti?

04/gen/2010 17.05.05 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il nuovo documentario in formato DVD, una denuncia dell'industria psichiatrico-farmaceutica

 

Dai creatori del pluri-premiato documentario “Macabri Profitti: La Storia mai raccontata degli psicofarmaciâ€, questa è la storia dell'associazione fortemente lucrativa tra psichiatria e industria farmaceutica che ha visto nascere un centro di profitto da 80 miliardi di dollari basato su psicofarmaci.

 

Il documentario “Marketing della pazzia: ma siamo tutti matti?†in formato DVD, con filmati, interviste ad esperti del settore, psichiatri, psicologi e testimonianze da tutto il mondo, raccolte dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Internazionale nel corso degli anni,  svela in che modo l'industria psichiatrico-farmaceutica crea disturbi per vendere farmaci, spende miliardi per immetterli sul mercato e quindi trarre profitto da coloro che più hanno bisogno di aiuto.

 

Si tratta di una storia di avidità, tradimento e vite stroncate.

 

Il documentario contiene importanti informazioni che possono essere usate per difendere se stessi ed informare gli altri in merito all'aspetto più pericoloso dell'industria psichiatrico-farmaceutica: gli psicofarmaci.

 

Non si nega che problemi psicologici ed emozionali, perfino una grave angoscia possano influire praticamente su chiunque, ma vuol dire che siamo tutti matti?

 

Fuorviati da tutti i tentativi di marketing dei farmaci, 100 milioni di persone in tutto il mondo (20 milioni dei quali sono bambini) prendono psicofarmaci, convinti di correggere qualche squilibrio fisico o chimico del corpo, mentre in realtà queste sostanze sono così potenti e pericolose da causare allucinazioni, psicosi, irregolarità cardiache, diabete, ostilità, aggressione, disfunzioni sessuali e suicidio.

 

La teoria della psichiatria secondo cui uno squilibrio chimico nel cervello causa la malattia mentale è stata inventata per vendere farmaci.  Il Dr. Steven Sharfstein, ex presidente dell'Associazione Psichiatrica Americana, ha affermato ai media riguardo le prove dell'esistenza di uno squilibrio chimico nel cervello: “Non ci sono test chiariâ€.  Il Dr. Darshak Sanghavi della Harvard Medical School spiega: “Nonostante termini pseudoscientifici quali “squilibrio chimicoâ€, nessuno sa veramente che cosa causino le malattie mentaliâ€. Il Dr. Mark Graff, anch'egli dell'APA, ha notato che la teoria era: “Probabilmente derivata dall'industria farmaceuticaâ€.

 

-374 “disturbi mentali†riempiono il manuale diagnostico della psichiatria e altri stanno arrivando. Il business sta facendo il boom.

- Le compagnie farmaceutiche hanno espanso le proprie liste di psicofarmaci: nel 1966 erano 44 e oggi sono ben 174.

- Nonostante l’evidente conflitto d’interessi, gli psichiatri rastrellano ogni anno oltre trecento milioni di miliardi di dollari in aiuti governativi.

 

Questa campagna di marketing è in pieno svolgimento anche in Italia. Un recente comunicato ANSA (29/12) rivela che ... “Sono circa due milioni, secondo le ultime stime della Società italiana di psichiatria (Sip), gli italiani che accusano disturbi mentali: di questi, circa uno su quattro (mezzo milione di persone) é in trattamento per una psicosi, un disturbo dell'umore o per l'ansia. Spesso, però, la patologia non è diagnosticata o trattata adeguatamenteâ€.

 

Un'alta percentuale di psicofarmaci viene prescritta da medici generici.

 

Come può essere successo?  Con il marketing, come dichiarato dall'ex rappresentante di farmaci, Michael Oldani: “Consiste nel creare una buona storia che fa uso di termini scientifici per convincere un medico a pensare di fare prescrizioniâ€.

 

Il Vice Presidente del Comitato Silvio De Fanti ha dichiarato: “Nel campo della salute mentale esistono a tutt'oggi pratiche barbariche, violente, che causano degradazione ed umiliazione nelle vittime che le subiscono, in alcuni casi addirittura letali, quali i moderni sistemi di contenzione sia fisica che chimica che non possono continuare ad essere ignorati ma devono essere resi noti e gli si deve porre un frenoâ€.


Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus

Tel 02 36510685

Email  info@ccdu.org

www.ccdu.org



 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl