APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE

APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE NON PERMETTIAMO DIAGNOSI PER PRESUNTI DISTURBI MENTALI SUI BAMBINI USANDO LE SCUOLE Volontari del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, nel pomeriggio di Sabato 23 gennaio, erano a Milano in P.zza Cordusio con uno stand per continuare la sottoscrizione dell'appello per tutelare i diritti dei bambini da discusse etichette psichiatriche.

25/gen/2010 09.52.14 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

NON PERMETTIAMO DIAGNOSI PER PRESUNTI DISTURBI MENTALI SUI BAMBINI USANDO LE SCUOLE

 

 

Volontari del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, nel pomeriggio di Sabato 23 gennaio, erano a Milano in P.zza Cordusio con uno stand per continuare la sottoscrizione dell'appello per tutelare i diritti dei bambini da discusse etichette psichiatriche.

 

Lo scopo dell'appello, indirizzato al Ministro della Salute, e' sensibilizzare riguardo il pericolo di etichette psichiatriche e l'abuso di farmaci che hanno effetti devastanti sul sistema nervoso centrale, attraverso programmi di “istruzione speciali” o attraverso l’uso nelle scuole di test e questionari psicopatologici e proteggere il diritto dei bambini ad essere educati senza l’uso di farmaci.

 

Cittadini, tra cui genitori, insegnanti, impiegati, medici, universitari, studenti, hanno sottoscritto l'appello e ritirato materiale informativo. Qualcuno ha mostrato perplessità per la scarsa informazione su un tema tanto delicato.

 

Norberto I. Liwski, Ex membro del Comitato dei Diritti dei Bambini delle Nazioni Unite affermò: “Le  famiglie,  le  scuole,  gli  insegnanti,  i  medici  ed  i  terapisti  hanno  bisogno di  maggiore  assistenza  e ri-orientamento in relazione alle loro preoccupazioni ed aspettative nei confronti dei loro bambini, scolari o pazienti, nella certezza che ingoiare una pillola al giorno, ben lungi dall’aiutare a risolvere problemi di carenza di attenzione e iperattività, ingabbia lo sviluppo del bambino in uno spazio nero di immediata soppressione del sintomo, con conseguenze tremende, che possono persino diventare un celato  incitamento  alla tossicodipendenza”.

 

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani continua la sottoscrizione all'appello, affinché i bambini nel nostro paese siano tutelati dall'ondata di metodi di rilevamento per disturbi mentali all'interno delle scuole, strategia di marketing importata dagli Stati Uniti.

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus

Tel  0236510685

Email info@ccdu.org

www.ccdu.org

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl