Psichiatra sul libro paga della Glaxo si dichiara colpevole di ricerca fraudolenta

08/dic/2010 11.29.01 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

Natural News, 29 novembre 2010

di David Gutierrez



Una psichiatra sul libro paga di GlaxoSmithKline è stata condannata a 13 mesi di carcere dopo essersi dichiarata colpevole di ricerca fraudolenta negli studi condotti sui bambini per l’antidepressivo Paxil.

Maria Carmen Palazzo sta già scontando una pena di 87 mesi per aver frodato Medicare e Medicaid (due rami del servizio sanitario americano).

La Palazzo fu accusata dalla FDA di iscrivere i bambini ad una sperimentazione clinica, ben sapendo che questi di fatto non soffrivano dei disturbi presi in esame, vale a dire disturbi depressivi maggiori o disturbi ossessivo-compulsivi. La Palazzo avrebbe poi quindi falsificato risultati e diagnosi psichiatriche. La GlaxoSmithKline, produttrice del Paxil, le ha versato 5.000 dollari per ogni bambino iscritto a questo studio.

Il significato di questo caso va ben oltre la semplice caccia alla frode, visto che ora la Glaxo deve difendersi dalle accuse di aver deliberatamente nascosto per 15 anni le prove che il Paxil aumenta il rischio di suicidio nei bambini.

 

La Glaxo deve anche difendersi dalle accuse di aver manipolato dati per nascondere i rischi del suo Avandia - un farmaco per il diabete che genera più di un miliardo di dollari di fatturato all’anno - e dalle accuse di non aver efficacemente messo in guardia i genitori circa i difetti alla nascita che possono essere causati dall’assunzione di Paxil in gravidanza. L'azienda ha già accettato di pagare più di 1 miliardo di dollari per risolvere le cause legali relative a questi due casi.

Sebbene la FDA alla fine abbia richiesto che il Paxil presenti un avvertimento sul rischio di difetti di nascita e di un avviso ancora più evidente sui gravi effetti collaterali connessi al rischio di suicidio, molti critici sostengono che l'Agenzia abbia agito troppo lentamente. "Era noto da molti anni che gli antidepressivi, come il Paxil, quando dati ai bambini, possono causare gravi effetti collaterali (tra cui il suicidio) ma la FDA ha tardato nell’intraprendere qualsiasi azione per impedire che questi farmaci fossero prescritti ai bambini," scrive Brent Hoadley nel suo libro “Troppo redditizio per poter essere curato”.

 

La Palazzo non sconterà nessuna periodo aggiuntivo in carcere per aver messo potenzialmente a rischio la sicurezza dei bambini; sconterà entrambe le pene contemporaneamente.

 

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Email info@ccdu.org

Tel 02 36510685

www.ccdu.org

 

Fonte articolo:

http://www.naturalnews.com/030557_psychiatry_fraud.html

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl