Provincia di Como: Antiplagio contro medium e strumentalizzazione caso Bariffi

14/set/2005 15.57.32 antiplagio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La Provincia di Como 14/9/05
L'associazione non solo non crede alla medium ma presenta un esposto alla
magistratura Il «telefono antiplagio»: è tutto un bluff.
C'è chi non solo non crede alla medium, ma si rivolge alla magistratura per
fare chiarezza. «Lunedì abbiamo inviato un esposto via posta elettronica
e fax a Luca Masini, il pubblico ministero titolare dell'inchiesta sulla
scomparsa di Chiara Bariffi. Vogliamo che la magistratura scopra cosa c'è
sotto a questa storia». Giovanni Panunzio, coordinatore nazionale di «Telefono
antiplagio», che si occupa della tutela dei consumatori, spiega il perché
l'associazione da lui coordinata si sia rivolta alle autorità giudiziarie
lecchesi a proposito del ritrovamento di Chiara Bariffi, individuata nelle
profondità del Lario. «Abbiamo deciso di presentare l'esposto perché quelle
previsioni potevano essere effettuate da chiunque. La madre di Chiara Bariffi,
aveva già affermato che secondo lei la figlia era caduta nel lago. Bisogna
ricordare che le persone che dicono di avere delle sensazioni, delle visioni,
prima di recarsi su un posto s'informano su cosa è avvenuto, raccogliendo
informazioni dettagliate sul caso», spiega Panunzio, che continua affermando:
«Anch'io ho compiuto delle ricerche su questo caso. Era già stato detto anche
che la ragazza, per tornare a casa, avrebbe percorso una certo tratto della
strada che costeggia il lago. In questo momento il caso Bariffi, grazie anche
ad un'informazione da parte dei media molto superficiale, che non approfondiscono
il fenomeno, sta dando a questa persona una visibilità straordinaria. La
medium in questione, inoltre, quante previsioni ha azzeccato? Se non vado
errato, si è sbagliata quando ha indicato la presenza di un tesoro, qualche
tempo fa. Inoltre vorremmo anche saper cosa n'è della ricompensa che era
stata promessa.» Per Giovanni Panunzio anche alcune dichiarazioni della medium
bresciana sono da prendere quanto meno con le pinze: «Dice che ha acquisito
i poteri dopo essere entrata due volte in coma, e che ha parlato con il proprio
padre in punto di morte.Non mi convince, sono tutte cose sospette. Sul suo
conto, inoltre, abbiamo ricevuto una segnalazione. Vorrei inoltre ricordare
che le sorelle Fox, le due inglesi che hanno inventato lo spiritismo, hanno
detto, poco prima di morire, che il loro era solo un gioco. Io non credo
allo spiritismo, e questo è un grande spot. Vogliamo che sia fatta chiarezza».
P. San.

Adesso è giallo: com'è morta Chiara? Ieri il corpo è stato recuperato dai
sub, gli inquirenti indagano sulle cause del decesso È polemica sulla medium:
contro di lei anche un esposto, ma il parroco di Bellano la difende.
Dervio - È stata recuperata ieri mattina l'auto di Chiara Bariffi. ma il
mistero si fa sempre più fitto. Le forze dell'ordine infatti non si sono
ancora pronunciate sulla causa di morte della ragazza, tanti infatti gli
aspetti da chiarire e da verificare. Il cadavere trovato all'interno dell'abitacolo
è del tutto irriconoscibile ma il ritrovamento di alcuni effetti personali
conferma quella che è ormai una certezza già da domenica mattina: quella
rinvenuta a 122 metri di profondità è la stessa ragazza scomparsa nella notte
tra il 30 novembre e il 1 dicembre del 2002. Intanto non si placano nemmeno
le polemiche intorno alla medium Maria Rosa Busi, presa di mira anche in
televisione durante la trasmissione di Enrico Mentana «Matrix». La signora
Busi però si difende: «Non devo dimostrare niente a nessuno. Chi mi accusa
non ha capito nulla di questa storia - commenta la sensitiva bresciana -
Ora almeno la famiglia Bariffi sa cha fine ha fatto la loro figlia». È proprio
Francesco Bariffi, padre di Chiara, che difende la maga. «Ci ha fatto solo
del bene», continua a ripetere l'uomo che, insieme alla figlia Alba, ha seguito
passo passo tutte le fasi del difficile recupero dell'auto dal lago. Intanto
l'associazione «Telefono antiplagio» ha presentato un esposto contro la medium,
ma il parroco di Bellano la difende. Servizi alle pagine 4-5

__________________________________________________________________
TISCALI ADSL 1.25 MEGA
Solo con Tiscali Adsl navighi senza limiti e telefoni senza canone Telecom
a partire da 19,95 Euro/mese.
Attivala entro il 31 agosto, il primo MESE è GRATIS! CLICCA QUI.
http://abbonati.tiscali.it/adsl/sa/1e25flat_tc/



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl