CS_BUS_ROMANI_INACCESSIBILI_DICHIARAZIONE_FIABA

COMUNICATO STAMPA IL MESSAGGERO: "DISABILI, IN REGOLA SOLO UN BUS SU SEI" DICHIARAZIONE GIUSEPPE TRIESTE (FIABA) "Fatti e non proclami per garantire l'accessibilità dei mezzi di trasporto di Roma" "L'inaccessibilità dei mezzi di trasporto pubblici di Roma è una situazione che si perpetua da oltre vent'anni e un disabile difficilmente se ne serve perché sa che rischia di non arrivare mai a destinazione Mi sembra strano quindi che "la signora Maria" o "il signor Mario" romani e disabili al cento per cento decidano di uscire per andare al cinema con il nipotino prendendo un semplice bus in quanto si sa perfettamente qual è la situazione e perché non si prendono provvedimenti.

25/mar/2011 19.02.11 FIABA ONLUS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

COMUNICATO STAMPA


    IL MESSAGGERO: “DISABILI, IN REGOLA SOLO UN BUS SU SEI”

 

DICHIARAZIONE GIUSEPPE TRIESTE (FIABA)

                                        “Fatti e non proclami per garantire l’accessibilità dei mezzi di  trasporto di Roma”


“L’inaccessibilità dei mezzi di trasporto pubblici di Roma è una situazione che si perpetua da oltre vent’anni e un disabile difficilmente se ne serve perché sa che rischia di non arrivare mai a destinazione

 Mi sembra strano quindi che “la signora Maria” o “il signor Mario” romani e disabili al cento per cento decidano di uscire per andare al cinema con il nipotino prendendo un semplice bus in quanto si sa perfettamente qual è la situazione e perché non si prendono provvedimenti. E il problema certamente non si risolve denunciandolo periodicamente sulla stampa”.

Questo è il commento del Presidente di FIABA Giuseppe Trieste in riferimento all’articolo del “Il Messaggero” sui problemi di accessibilità del  trasporto pubblico romano.

“L’Onorevole Ileana Argentin ha dichiarato di ricevere ogni giorno centinaia di denunce di persone che non riescono a prendere l’autobus – ha continuato Trieste -  ma deve spiegare a tutti i disabili cosa ha fatto in quindici anni da Delegata per l’Handicap dei vari Sindaci del Comune di Roma per risolvere il problema dell’accessibilità dei mezzi pubblici di trasporto. Considerando che la vita media di un bus è di 7 – 8 anni, da Delegata avrebbe potuto sollecitare il ricambio naturale del parco mezzi con l’acquisto di veicoli ad accessibilità totale e senza nessun costo aggiuntivo”.

“Una soluzione concreta per favorire la mobilità di tutte le persone potrebbe essere quello di realizzare delle “banchine di fermata” che ampliano il marciapiede fino al limite della corsia di scorrimento, garantendo così un facile accesso a raso. Una prima realizzazione di una sistemazione stradale di questo tipo è stata realizzata nel quartiere Flaminio in via Vico e via Gianturco.

FIABA – ha concluso il Presidente Giuseppe Trieste - ha proposto al Sindaco Alemanno l’istituzione di una “Cabina di regia per la Total Quality” affinchè Roma Capitale diventi un luogo di cui  tutti i cittadini (anziani, bambini, mamme con passeggino, turisti con valigie e disabili) possono godere e vivere con libertà di movimento”.


Comunicato Stampa n.8 /2011 Ddm

Roma, 25 Marzo 2011


In allegato

-          Immagine BANCHINA DI FERMATA

-          Proposta FIABA su Strategia europea disabilità 2010-2020

 



UFFICIO STAMPA FIABA

Piazzale degli Archivi n. 41 - 00144 Roma Telefax 06 43400800

Mail ufficiostampa@fiaba.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl