ARTICOLO DI ASSOINTERFORZE

20/apr/2011 19.38.45 Associazione nazionale Interforze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Bassa Sabina : la situazione della viabilità e della sicurezza stradale é ancora una volta all’attenzione dell’AssoInterforze

 

"Le strade del reatino sono ormai al limite della pericolosità"

 

 

La sicurezza stradale è una realtà, oltre che molto pericolosa, anche particolarmente  complessa, composta da molti fattori: dalle infrastrutture carenti ai mezzi di manutenzione altrettanto carenti oltre che dai controlli, spessissimo insufficienti, all’ambiente,  all’inquinamento che i mezzi provocano. Fino alla logistica, la “scienza” chiamata a ottimizzare il trasporto di merci e persone snellendo traffico e code, riducendo l’inquinamento. Ad affermalo è il Presidente nazionale di AssoInterforze il Dr. Luca FRONGIA, organismo associativo che tra i suoi impegni istituzionali ha quello prioritario della sicurezza stradale. Questa realtà afferma FRONGIA spesso soffrono di scelte politiche inadeguate e che, altrettanto spesso, soffrono di criticità (frutto delle scelte politiche locali) destinate a influire pesantemente, in negativo, sulla mobilità del Paese a livello nazionale ma anche a livello provinciale.

A ciò sottolinea il Presidente dell’associazione nazionale interforze, nella provincia reatina in particolare nella bassa sabina  ci troviamo di fronte all’ennesimo grido d’allarme che lanciamo e che non viene ascoltato dagli enti preposti.

Piu’ specificatamente spiega Frongia , le strade principali della bassa sabina , strade che collegano  la capitale fino al capoluogo reatino , si trovano a dir poco in condizioni fatiscenti per utilizzare un termine comune.

In queste fatiscenti strade troviamo di tutto: dalla carenza infrastrutturali cioè inesistente o quasi manutenzione del manto stradale con buche che assomigliano di piu’ a crateri che una persona normale si chiede ma come fa una strada a cedere cosi?...

Inoltre su queste strade - aggiunge sempre il presidente dell’Assointerforze, incontriamo impianti fissi o mobili e strutture che dovrebbero  evitare incidenti stradali occultati da sterpaglia varia o non piu leggibili o peggio non per niente istallati in punti cosidetti “black point”.

Altra faccia della medaglia  sono i lavori di  ripristino di vari scavi fatti su questi tratti e non ripristinati correttamente  visto che si formano avallamenti  sul manto con dossi e buche.

Oltre a questo troviamo anche  guard rail ovvero New Jersey” fuorilegge in quanto sporgono in modo pericoloso sul tratto di strade oppure sono danneggiati da precedenti urti e non rimossi trasformandosi in un vera e propria lama in caso di incidente o urto di qualche motociclista causandone anche il decesso.

Eppure ad occuparsi della viabilità regionale e provinciale provvedono o dovrebbero, fior di agenzie ed enti tra questi la provincia di Rieti che abbiamo sensibilizzato al problema con una nostra nota due mesi or sono senza mai riceverne riscontro.

Queste agenzie o enti che si dovrebbero occupare di sicurezza stradale “passiva” hanno al loro organico decine di operai e di mezzi a disposizione.   

Continuando il nostro viaggio ironizza il Presidente Frongia,  tra le strade che percorriamo tutti i giorni ricordando che sono strade principali del reatino ma il problema e riscontrato in tutta la bassa sabina, troviamo cunette ricolme di detriti, paracarri divelti o abbattuti, segnaletica in completo disfacimento, asfalto sbriciolato, frane e chi ha fantasia può immaginare ancora altro la cosa negativa che non è fantasia ma il festival dell’abbandono delle istituzioni. Come dire la strada è di tutti ma ancor di piu’ di nessuno!

Tutte questi aspetti fanno si che la sicurezza stradale si abbassi e poi se ci mettiamo anche la non educazione alla cultura stradale compreso l’arroganza e la prepotenza al volante da parte di certi “piloti automobilisti” ebbene questo è il risultato che la sicurezza sulle strade è inesistente.

 

Ciò stante - continua il Dott. Frongia alla sicurezza stradale servirebbe anche l’introduzione del reato di 'omicidio stradale' che avrebbe l’effetto deterrente a favore di un maggiore rispetto delle regole.

L'introduzione del reato di 'omicidio stradale' "è sacrosanta e impedirebbe eccessi di buonismo. Credo che al di là di tutto quello che manca è la cultura della legalità". La riduzione degli incidenti e delle vittime sulla strada, ha ricordato Frongia, "oltre ad essere un imperativo umano e sociale, ha anche un aspetto economico visto che ogni anno gli incidenti costano 30 miliardi di euro, pari a due punti di pil e che i costi hanno un'incidenza diretta sulle tariffe rc auto". Per il numero uno dell'Associazione nazionale Interforze, "ci vuole una maggiore certezza nei controlli e nelle sanzioni anche se bisogna ammettere che molti limiti di velocità sono incongrui: a volte si passa da 90 a 50 e 30 chilometri orari nel giro di pochi metri. Inoltre, se le amministrazioni locali pensano di utilizzare i limiti di velocità per incamerare multe e per non essere considerate responsabili degli incidenti non va bene. Occorrono regole corrette e non regole che facilitino le violazioni".

Dato che le forze dell'ordine svolgono già un lavoro egregio con i mezzi a disposizione, occorre sfruttare al meglio la tecnologia ma in assenza di sanzioni efficaci e rispetto delle regole non si va da nessuna parte". Se non lo si fa è perché la politica non ha ancora capito quanto sia importante intervenire su questo fronte".

Una perdita umana sulla strada che sia automobilista o pedone è piu’ forte di un ignorante che non rispetta le regole di educazione e di cultura stradale.

 

Cordiali saluti
f.to
Ufficio Stampa e comunicazione esterna

--
---------------------------------------------------------------------
ASSOCIAZIONE NAZIONALE INTERFORZE
PRESIDENZA NAZIONALE
Ufficio di Presidenza Istituzionale
Via dei Prefetti 45, 00100 Roma Centro
-----------------------------------------------------------------
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA e SEDE LEGALE
via Lambruschina 60 c/o Polidori
Stimigliano (Rieti) 02048
Tel 0746/1930511 -
-----------------------------------------------------------------
VICE PRESIDENZA ISTITUZIONALE
Segreteria del Vice Presidente
c/o INTERNATIONAL
- Fermoposta Ag 57074 - 84025 EBOLI (SA).
------------------------------------------------------------------
Ente Istituzionale no-profit
Membro permanente Consulta Provinciale di Rieti sulla Sicurezza e Cultura;
Membro dei Rappresentanti della Comunità Europea nella U.E.;
Membro del Consiglio di Sicurezza del Parlamento Mondiale della Sicurezza degli Stati;
sito web : www.assointerforze.com - presidenza@assointerforze.com
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Il contenuto di quest’email può contenere informazioni confidenziali. In
caso non sia destinatario (o avete ricevuto per sbaglio quest’email), la
preghiamo di informare il mittente e di distruggere quest’email. Qualsiasi
uso non autorizzato, riproduzione completa o parziale e distribuzione di
quest’email é totalmente vietato.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
This e-mail may contain confidential and/or privileged information. If you
are not the intended recipient (or have received this e-mail in error)
please notify the sender immediately and destroy this e-mail. Any
unauthorised copying, disclosure or distribution of the material in this
e-mail is strictly forbidden.
 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl