ONU, "PIU VITTIME SULLA STRADA CHE DI AIDS": AssoInterforze (Frongia) , l'Organizzazione mondiale lancia l'allarme.

Gli obiettivi che verranno prefissati dal nuovo piano Onu per il prossimo decennio si possono conseguire solo attraverso un vero e proprio patto tra tutti gli attori che, di fronte ad una emergenza nazionale, devono fare la loro parte fino in fondo".

Allegati

17/mag/2011 13.21.58 Associazione nazionale Interforze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Le vittime della strada aumentano e di questo passo gli incidenti rischiano di diventare la quinta causa di morte nel mondo”

“Non va sprecata l’occasione del lancio di iniziative dell’Onu per la sicurezza stradale. In Italia, come ci dicono le statistiche, dobbiamo registrare il mancato raggiungimento dell’ambizioso obiettivo di dimezzare i morti sulle strade, seppure in presenza di un miglioramento sostanziale della situazione. Molto si è fatto, a partire dall’approvazione di un pacchetto di norme che hanno migliorato il Codice della strada, entrate in vigore da un anno incidendo sulla sicurezza. Si tratta di norme, però, che possono migliorare la loro efficacia se il Governo si decide a varare i decreti attuativi”. Lo afferma il dr. Luca Frongia presidente dell’Associazione nazionale Interforze, commentando il lancio del decennio di iniziative dell’Onu sulla sicurezza stradale.

“Per la prima volta siamo riusciti a tenere in equilibrio la prevenzione, la formazione e la repressione dei comportamenti di guida scorretti. Ma le risorse sono insufficienti. Vanno dati più mezzi alle forze dell’ordine e risorse certe per aumentare il numero dei controlli - aggiunge Frongia -che nel nostro Paese sono appena un milione all’anno, contro i 5 della Francia e i 7 della Germania. Ma bisogna utilizzare al meglio anche quelle risorse già a disposizione se pensiamo che ogni italiano - sottolinea Frongia - spende 33 euro pro capite all’anno in contravvenzioni e multe. Risorse che vengono destinate spesso ad altri scopi invece di incidere sulle azioni di repressione e prevenzione affidate ai Comuni, alle forze dell’ordine e ai vigili urbani. La legge, infatti, impone che siano destinati i proventi delle multe alla manutenzione e messa in sicurezza delle strade. Ma anche per la formazione, quella vera e non affidata ai non sempre efficaci spot pubblicitari. Con l’adesione alla campagna Onu per la sicurezza stradale chi pianifica le risorse dello Stato deve capire che i soldi spesi per la sicurezza stradale - afferma il presidente Frongia - sono investimenti per il futuro, se pensiamo che il numero elevato di morti e feriti incide sul Pil per 1,5 punti. Gli obiettivi che verranno prefissati dal nuovo piano Onu per il prossimo decennio si possono conseguire solo attraverso un vero e proprio patto tra tutti gli attori che, di fronte ad una emergenza nazionale, devono fare la loro parte fino in fondo”.

 



--
---------------------------------------------------------------------
ASSOCIAZIONE NAZIONALE INTERFORZE
PRESIDENZA NAZIONALE
Ufficio di Presidenza Istituzionale
Via dei Prefetti 45, 00100 Roma Centro
-----------------------------------------------------------------
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA e SEDE LEGALE
via Lambruschina 60 c/o Polidori
Stimigliano (Rieti) 02048
Tel 0746/1930511 -
-----------------------------------------------------------------
VICE PRESIDENZA ISTITUZIONALE
Segreteria del Vice Presidente
c/o INTERNATIONAL
- Fermoposta Ag 57074 - 84025 EBOLI (SA).
------------------------------------------------------------------
Ente Istituzionale no-profit
Membro permanente Consulta Provinciale di Rieti sulla Sicurezza e Cultura;
Membro dei Rappresentanti della Comunità Europea;
Membro del Consiglio di Sicurezza del Parlamento Mondiale della Sicurezza degli Stati;
sito web : www.assointerforze.com - presidenza@assointerforze.com
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Il contenuto di quest’email può contenere informazioni confidenziali. In
caso non sia destinatario (o avete ricevuto per sbaglio quest’email), la
preghiamo di informare il mittente e di distruggere quest’email. Qualsiasi
uso non autorizzato, riproduzione completa o parziale e distribuzione di
quest’email é totalmente vietato.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
This e-mail may contain confidential and/or privileged information. If you
are not the intended recipient (or have received this e-mail in error)
please notify the sender immediately and destroy this e-mail. Any
unauthorised copying, disclosure or distribution of the material in this
e-mail is strictly forbidden.
 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl