Revisioni per l'ADHD in seguito a inchiesta di esp erti

The Australian - 5 luglio 2011 Le indicazioni per l'ADHD in AUSTRALIA sono state riviste dopo che uno psichiatra americano, il cui lavoro è ampiamente citato nella stesura delle attuali linee guida, è stato sanzionato dalla Harvard University per aver violato i regolamenti in materia di conflitto di interesse.

Persone Jon Jureidini, Daryl Effron, Timothy Wilens, Thomas Spencer, Joseph Biederman
Luoghi Australia
Organizzazioni Consiglio Nationale, Harvard
Argomenti medicina, psichiatria, farmacologia

13/lug/2011 17.20.32 CCDU onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

The Australian - 5 luglio 2011

 

Le indicazioni per l’ADHD in AUSTRALIA sono state riviste dopo che uno psichiatra americano, il cui lavoro è ampiamente citato nella stesura delle attuali linee guida, è stato sanzionato dalla Harvard University per aver violato i regolamenti in materia di conflitto di interesse.

 

Il Professor Joseph Biederman e due colleghi, Thomas Spencer e Timothy Wilens, sono stati indagati dalla Harvard dopo aver presumibilmente mancato di segnalare all'Università i milioni di dollari che hanno ricevuto dalle case farmaceutiche.

 

Il Servizio Sanitario nazionale dell'Australia e il Consiglio medico avevano concesso una dilazione all’approvazione della stesura delle linee guida per il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD)  nel 2009,  in quanto si attendeva l'esito dell'inchiesta americana sul conflitto di interesse.

 

Il Boston Globe ha riferito che, in una lettera ai loro colleghi, il professor Biederman, il dr. Spencer e il dr. Wilens si sono scusati per i loro errori "in buona fede" e hanno affermato di essere stati sanzionati.

 

Il Consiglio Nationale per la Salute e la Ricerca Medica americano ha detto ieri che non erano ancora in grado di valutare l'impatto dell'esito dell'inchiesta della Harvard sulla letteratura scientifica e che la stesura delle linee guida che citano il Professor Biederman sarebbero rimasti sul suo sito Web.

 

Indipendentemente dall'indagine della Harvard, il Consiglio aveva nominato una commissione pluridisciplinare per delineare nuove linee guida per la diagnosi e il trattamento dell'ADHD.

La revisione sarà completata nel mese di settembre, ma il Consiglio ieri sera non era in grado di fornire a The Australian i nomi degli esperti coinvolti.

 

Nel 2007, Daryl Effron, che ha presieduto la Commissione che ha elaborato la stesura delle linee guida per l’ADHD dell'Australia, si è dimesso dalla carica di Presidente, dopo che i suoi legami con le aziende farmaceutiche che producono farmaci per ADHD erano stati esposti. Egli rimane comunque in sede di Commissione.

 

Si presume che circa 350.000 bambini e adolescenti australiani possano avere l’ADHD mentre infuriano le polemiche circa l'uso di farmaci come il Ritalin.

 

Lo psichiatra infantile professor Jon Jureidini, che si batte contro l'uso a lungo termine di farmaci stimolanti nel trattamento di problemi comportamentali contrassegnati come ADHD, lamenta che le attuali linee guida si basano molto - troppo - sul lavoro del professor Biederman.

 

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche e di avvalersi sempre di un medico se si decide di smettere di assumere terapie a base di psicofarmaci.


Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

email info@ccdu.org

www.ccdu.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl